Egitto

Egitto

Capitale
Il Cairo
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Lira egiziana
Superficie
Stanno torturando i candidati egiziani al Nobel per la pace

Sono state tre figure centrali della primavera egiziana del 2011, convinte che la rivoluzione che stavano realizzando in prima persona avrebbe contribuito a liberare l’Egitto. Ora sono in carcere. Leggi

Dall’Egitto nuovi segnali di rivoluzione

La campagna lanciata dal costruttore e attore in esilio Mohamed Ali sta riaccendendo lo spirito rivoluzionario egiziano. Le proteste sono state per ora frenate con arresti di massa, ma sul web continuano. Leggi

pubblicità
Come funziona la giustizia nell’Egitto di Al Sisi

I tribunali egiziani hanno condannato a morte circa tremila persone da quando Abdel Fatah al Sisi è diventato presidente dell’Egitto, nel 2014. Leggi

La lenta esecuzione di Mohamed Morsi

È stato il primo presidente egiziano democraticamente eletto ed è morto il 17 giugno dopo sette anni di carcere in regime di isolamento. Eppure i giornali egiziani quasi ignorano la notizia. Leggi

I militari reprimono nel sangue le speranze dei sudanesi

Il consiglio militare di transizione ha interrotto i negoziati con l’opposizione e i rappresentanti della società civile, che con le loro proteste avevano fatto cadere il regime di Omar al Bashir. Leggi

pubblicità
Scegliamo i diritti umani invece che i dittatori 

Scommettere tutto su Al Sisi sarebbe un errore storico. I giovani arabi avranno anche perduto la battaglia del 2011, ma non la guerra per la libertà. Leggi

La crisi dei gilet gialli segue Macron fino in Egitto

Al Cairo il presidente francese ha usato uno stratagemma per parlare di diritti umani. Ma in Francia ci si chiede se riuscirà a recuperare forza e legittimità. Leggi

L’equilibrismo di Macron sui diritti umani in Egitto

Il presidente francese non vuole rinunciare ai rapporti stretti con l’Egitto, anche perché è convinto che il posto della Francia lo prenderebbero i russi o i cinesi. Leggi

Tre anni dopo non c’è ancora verità per Giulio Regeni

Malgrado l’impegno della società civile italiana ed egiziana e della procura di Roma, i responsabili dell’omicidio del ricercatore sono ancora ignoti. Leggi

La Cbs dà una lezione di libertà di stampa al presidente egiziano 

Il programma 60 minutes ha posto ad Al Sisi domande vere, facendolo sudare freddo, anche in senso letterale. Leggi

pubblicità
Un vestito trasparente scatena l’oscurantismo di Al Sisi

Il presidente egiziano proclama l’avvento di un paese laico e moderno, ma si rischia il carcere per comportamenti ritenuti osceni. Un giro di vite sulle celebrità egiziane che rispecchia un autoritarismo inedito. Leggi

L’Egitto di Mohamed Salah e quello di Al Sisi

Con la disfatta dell’Egitto ai Mondiali, neanche Mohamed Salah, il giocatore diventato l’icona e la passione di 100 milioni di egiziani, potrà cambiare l’infelicità e lo scontento di un paese sull’orlo del baratro. Leggi

La  rivoluzione ha cambiato il volto della Tunisia 

A sette anni dalle proteste delle primavere arabe, permangono instabilità e disoccupazione. Ma i cambiamenti avviati nel paese sono inarrestabili. Leggi

Ancora studenti e blogger nel mirino di Al Sisi

Uno studente dell’University of Washington è scomparso al Cairo per quattro giorni: la polizia lo accusa di diffondere notizie false e di avere legami con i terroristi. Il suo caso fa parte di una nuova ondata di arresti nell’Egitto di Al Sisi. Leggi

Digiuno

Paola Deffendi ha cominciato un digiuno a staffetta per chiedere il rilascio di Amal Fathy, consulente della famiglia di Giulio Regeni. Leggi

pubblicità
Un altro Medio Oriente

Il festival ImageSingulières ospita una mostra dedicata ai lavori che i fotografi Andrea e Magda hanno realizzato negli ultimi otto anni in Medio Oriente. Leggi

La vittoria scontata del generale egiziano Al Sisi

Abdel Fattah al Sisi si è attribuito il 97 per cento dei consensi alle elezioni egiziane. Diventando presidente non per volontà popolare, ma per la forza delle armi. Leggi

Nelle elezioni egiziane Al Sisi sfida Al Sisi

Le elezioni del 26 marzo sono accusate di essere una farsa. Il presidente uscente si presenta senza avversari, ma nel paese i semi che hanno portato alla rivoluzione del 2011 non sono spariti. Leggi

L’Egitto esporta il suo modello autoritario

Il generale Al Sisi non ha più rivali per le prossime elezioni presidenziali: l’opposizione è stata messa a tacere. Ma l’eliminazione delle libertà civili ormai riguarda anche milioni di donne e uomini in altri paesi arabi. Leggi

L’Egitto resiste ricordando la rivoluzione

Il 26 e 28 marzo 2018 si terranno le elezioni presidenziali in un contesto di dura dittatura militare che non cerca neanche più una parvenza democratica. Per gli attivisti egiziani, è tempo di ricordare le ragioni profonde della rivoluzione. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.