• 15 Lug 2013 13.17

Il partito del non senso

Wu Ming
15 luglio 2013 13:17

“Ma secondo voi, nel mondo di domani, o di oggi, dove va un territorio che pretende di essere sviluppato, di guardare al mondo, di avere relazioni culturali, economiche, sociali con l’Europa e mi insulta un ministro perché è nero? Ma dove va? Dove va Milano? Dove va la Lombardia?”.

Sono le parole di Pier Luigi Bersani alla festa del Partito democratico di Cornaredo (Mi), dopo la battuta razzista del vicepresidente del senato Roberto Calderoli sulla ministra per l’integrazione Cécile Kyenge. Domande retoriche sacrosante che l’ex segretario del Pd dovrebbe rivolgere prima di tutto a se stesso.

Due anni e mezzo fa, nel febbraio del 2011, cioè prima che la Lega nord cappottasse sotto gli scandali dei figli di Bossi e del tesoriere Belsito, e che fosse costretta ad arroccare in Lombardia (appunto), Bersani rilasciava una celebre intervista a La Padania. Rileggerla oggi fa una discreta impressione (per chi ancora riesce a impressionarsi, certo). Eccola qui.

In quella intervista Bersani tendeva la mano alla Lega per convincerla a mollare Berlusconi, titillandone le aspirazioni federaliste e sostenendo che il Pd e la Lega erano gli unici due partiti sinceramente autonomisti dell’arco parlamentare. Quanto al problemuccio del razzismo, Bersani affermava: “Non ho bisogno che qualcuno mi spieghi che la Lega non è razzista. Lo so”. E metteva poi in guardia: “Dico che la Lega non è razzista, ma attenzione: a incoraggiare certe pulsioni il razzismo si può produrlo”.

Interessante circonvoluzione semantica: si può non essere razzisti incoraggiando pulsioni razziste. Ah, sì? Come se il razzismo fosse un’etichetta che uno si sceglie e non, appunto, una serie di comportamenti che rispondono a determinate pulsioni, sulle quali la Lega lombarda prima e la Lega nord poi hanno costruito un intero percorso politico. Come se il razzismo non fosse da secoli un modo di pensare funzionale al mantenimento di un sistema di sfruttamento e discriminazione.

Forse, se invece di lanciarsi in opportunistici non sensi logici da furbini del deserto, i sedicenti democratici avessero combattuto i razzisti dall’inizio e senza quartiere, oggi non ce li ritroveremmo bel belli dentro le istituzioni. Ma il punto è che non potevano farlo, perché quando si dismette il piano della battaglia per l’affermazione dei diritti e delle istanze sociali, e ci si dedica anima e corpo alla gestione dello status quo, tocca poi gestirlo con chi c’è. “È quest’acqua qua”, direbbe Crozza/Bersani. Acqua putrida, di fogna, in cui si cerca di varare una nave, o piuttosto una zattera, per stare a galla, invece di costruire un depuratore.

Come ancora rilevava Bersani in quell’intervista, la Lega nord ha prosperato a lungo sul terreno perso dalla sinistra e quindi non poteva essere tanto male: “Io ricordo Bossi che girava il nord nei primi anni ottanta, lo andavo a osservare. Vidi fin d’allora che lì c’era qualcosa di interessante: una radice autonomista, antiburocratica e moralizzatrice dal punto di vista della serietà dell’azione amministrativa. Così fino ai primi anni novanta: non direi costola della sinistra, ma certo tanta gente di sinistra divenne leghista, e io non ritenevo che fosse andata del tutto… ‘fuori casa’”.

Con questi nuovi amministratori “seri” e “antiburocratici” si potevano costruire buone relazioni: “Pensavo e penso, ad esempio, che l’Emilia-Romagna debba sviluppare potenzialità e relazioni con le regioni vicine. Chiamiamolo Nord. Volete chiamarla Padania? Come preferite”.

Mica vorremmo che le relazioni culturali, economiche, sociali si fermino davanti a questioni nominali, no? E davanti a una battuta razzista?

This is the world that we live in, cantavano i Killers in una hit di qualche anno fa. Non si vorrà essere ancora così ideologici da pretendere di cambiarlo questo mondo?

Il ventennio berlusconiano, che forse volge al tramonto, ha visto salire alla ribalta e radicarsi nei centri di potere politico e istituzionale gente non necessariamente peggiore sul piano morale di quella della prima repubblica, ma che senz’altro non si è più posta il problema di salvare le apparenze. Quindi ha potuto incoraggiare - o meglio, istigare - determinate idee, reazioni, comportamenti, senza alcuna remora. Con questa gente - fossero ex picchiatori fascisti, autoimprenditori xenofobi nordisti, mammasantissima sudisti, o fancazzisti del bar sport in cerca di primo impiego parlamentare - i sedicenti democratici hanno costruito un’inverosimile ipotesi di normalizzazione del paese. Continuando intanto a pretendere di essere migliori.

Migliori. Due anni e mezzo fa il Pd cercava di sganciare la Lega da Berlusconi, adesso è il Pd a essere al governo con Berlusconi. Con buona pace di Bersani che si chiede dove vadano Milano e la Lombardia…

*Sic transit ignominia mundi. *

La normalizzazione forzosa e l’abbattimento delle dogane filosofiche e culturali servono ai buoni affari, agli appalti, alle grandi opere, alle colate di cemento sui territori e sulla testa delle popolazioni, ma nuocciono ad altri aspetti, che toccano altrettanto la sostanza della vita civile e le sorti collettive.

Del resto, il Partito democratico si fonda precisamente su due equivoci culturali, quelli che lo rendono ab origine una forza politica del tutto inservibile per qualsivoglia riforma (e tutt’al più utile per alcune controriforme): la pretesa di essere al tempo stesso liberisti e socialdemocratici, da un lato; e quella di essere laici e filoconfessionali, dall’altro. Questo determina l’impasse, poi l’immobilità, via via fino al rigor mortis.

La vicenda dei reiterati insulti alla ministra Kyenge per il fatto di essere nera e donna (qualcuno infatti ha anche inneggiato allo stupro, ma così, tanto per scherzo…) è una perfetta cartina al tornasole.

Il governo del non-fare, che in questo momento occupa la plancia del Titanic facendo finta di pilotare, ha in organico una ministra la cui designazione può significare una cosa sola: ius soli. Ma lo ius soli non potrà mai essere finché si ha la necessità di abbozzare con gli alleati di governo e di normalizzare certi avversari impresentabili. Di stare cioè tutti insieme appassionatamente sul transatlantico.

Così come non si potrà mai avere una legge decente sulla fecondazione eterologa, né i matrimoni gay ormai approvati in tutto il mondo occidentale, né l’attuazione della legge 194 sull’interruzione di gravidanza (attualmente disattesa grazie alla presenza dell’80 per cento di obiettori di coscienza negli ospedali italiani), né la riduzione dei finanziamenti alle scuole private paritarie confessionali in favore del rifinanziamento della scuola pubblica… se si deve tenere buona la propria componente confessionalista cattolica.

I sedicenti democratici non possono scegliere tra gli operai e Marchionne, tra lo stato laico e la chiesa, tra la libertà e la discriminazione, perché hanno deciso che tutto si può tenere assieme, che il conflitto può essere negato, e di questa negazione hanno fatto la propria ragione sociale. Ma è una ragione sociale fallata, che infatti ha prodotto una débâcle clamorosa. Un partito che era nato con tre obiettivi: sconfiggere Berlusconi, diventare maggioritario, fare le riforme, è riuscito a mancarli tutti. Date le premesse, le cose non sarebbero potute andare diversamente.

Bersani e i suoi sodali meritano il paese che hanno contribuito a costruire. Un paese dove una ministra viene sfottuta e insultata da un rappresentante delle istituzioni perché è nera. Dove solo una donna su due ha un impiego. Dove le donne povere hanno ripreso ad abortire clandestinamente. Dove il monte ore di cassa integrazione sembra l’Everest e i lavoratori di qualunque età vivono in bilico tra precarietà e disoccupazione. Dove solo un bambino su dieci ha un posto all’asilo nido. Dove i cittadini stranieri sono sottoposti al ricatto dei datori di lavoro per avere il permesso di soggiorno, senza il quale rischiano di essere espulsi, dopo essere transitati per le prigioni etniche (istituite dalla legge Turco-Napolitano nel 1998). Dove i movimenti sociali che cercano di opporsi all’avanzata del peggio vengono manganellati e repressi.

Certo è chiedere troppo che i sedicenti democratici si rendano conto di essere ormai il principale ostacolo politico alla rinascita di una sinistra che possa dirsi tale. Tuttavia potrebbero almeno risparmiarci lo spettacolo ipocrita della loro chiassosa indignazione per le battute dei razzisti che fino a ieri consideravano buoni interlocutori.

pubblicità

Da non perdere

Un’inchiesta sulle fosse comuni lasciate in Siria e in Iraq dal gruppo Stato islamico
Gli occhi della rivoluzione industriale. Le foto
Il lavoro va sempre pagato senza spacciarlo per volontariato

In primo piano