• 14 Feb 2016 17.28

Le cellule che spingono a vincere l’isolamento

14 febbraio 2016 17:28

Si cominciano a capire le basi neuroscientifiche della tendenza di molti animali sociali a cercare compagnia.

Gillian Matthews e colleghi hanno trovato nei topi una rete di neuroni sensibili alla solitudine. Queste cellule nervose spingono i topi ad avere contatti sociali con i loro simili. I neuroni sensibili all’isolamento sociale si trovano nel nucleo dorsale del rafe, un’area del tronco cerebrale. Le cellule nervose diventano particolarmente attive quando i topi tenuti in isolamento hanno un contatto sociale, cioè incontrano un altro topo.

Le stesse cellule non si attivano quando ad avere il contatto sociale sono i topi che sono stati insieme ai loro compagni.

L’attivazione dei neuroni porta i topi a preferire la compagnia. Infatti, quando i neuroni sono inibiti, i topi in isolamento non cercano la compagnia. Inoltre, è emerso che più il topo è dominante, più viene spinto dai neuroni attivati a cercare compagnia.

Secondo lo studio pubblicato su Cell, la ricerca potrebbe aiutare a capire i meccanismi alla base dell’ansia di tipo sociale e dei disturbi di tipo autistico. Tuttavia, poiché è stato condotto sui topi, non è subito applicabile alle persone.

pubblicità

Da non perdere

La solitudine di Hillary Clinton. La nuova copertina di Internazionale
Il mondo della logistica gioca al ribasso sui diritti dei lavoratori
L’arte sui muri di Ragusa

In primo piano