Come back Gracie! (Matt Henry, Per gentile concessione di Polka galerie)

Gotico americano

15 ottobre 2018 17:54

La mostra Southern gothic and other stories mette insieme tre storie create dal fotografo gallese Matt Henry tra il 2016 e il 2017 e ambientate in Georgia, Texas e Louisiana.

Influenzato da Gregory Crewdson nello stile, il fotografo costruisce delle narrazioni visive ispirate a quel sud degli Stati Uniti che ha fatto da sfondo alle opere di scrittori come Carson McCullers, Flannery O’Connor, William Faulkner, Harper Lee e Tennessee Williams. The curse of Nanny Goat island, Lone stars e Born in the Bayou appartengono a un’America in cui il folklore e la magia si mescolano a tensioni sociali e razziali. Henry aggiunge a questi elementi un gusto particolare per le atmosfere oniriche, i personaggi grotteschi e i colori pop degli anni sessanta.

Il desiderio di costruire questi mondi non risponde però all’esigenza di omaggiare un periodo o degli stili narrativi; la vera molla sono stati i fatti di cronaca e politica che hanno scosso gli Stati Uniti negli ultimi anni. Le persone nere uccise da agenti di polizia, la nascita del movimento Black lives matter e l’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca hanno riportato alla luce questioni cruciali che si credevano superate: “Ho l’impressione che non abbiamo ancora fatto i conti con gli anni sessanta” afferma Henry, “molti dei problemi che affrontiamo oggi non erano stati risolti allora, nonostante il movimento per i diritti civili. E ora stanno rispuntando in maniera insidiosa. Ecco perché non dobbiamo pensare a quel decennio con nostalgia, bensì come se fosse uno specchio.”

Southern gothic and other stories è in mostra alla Polka galerie di Parigi fino al 27 ottobre. Grazie a una campagna di crowfunding su Kickstarter, le storie di Matt Henry sono diventate il libro Night of the hunted, pubblicato dalle edizioni Hatje Cantz.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.