Weimaraner yawning, dalla serie Dogs gods. (Tim Flach)

La selezione innaturale di Tim Flach

12 dicembre 2018 17:25

Da anni il fotografo britannico Tim Flach esplora l’interazione tra gli animali e l’ambiente, ritraendo varie specie – in particolare quelle rare o in via d’estinzione – con l’obiettivo di far riflettere lo spettatore sul bisogno di proteggerle.

Ora i suoi lavori sono in mostra alla galleria Lumière brothers center for photography di Mosca, in Russia, con il titolo Unnatural selection, fino al 6 gennaio 2019.

L’esposizione include alcune foto del progetto Equus, durato sette anni e dedicato ai cavalli; Dogs gods, un lavoro sui cani realizzato nel 2010; More than human del 2012 sugli animali selvatici che assumono pose o hanno atteggiamenti simili agli essere umani. E il nuovo lavoro, Endangered, che è ancora in corso, sulle specie in via d’estinzione.

“Non abbiamo mai studiato il mondo animale in maniera approfondita come oggi, eppure non siamo mai stati così lontani gli uni dagli altri”, dice il fotografo.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.