Iscriviti 2 dicembre 2017. Le notizie del giorno scelte dalla redazione di Good Morning Italia, newsletter d’informazione quotidiana.

RUSSIAGATE, TREMA LA CASA BIANCA
L’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump, Michael Flynn, si è dichiarato colpevole di falsa testimonianza nella sua deposizione all’Fbi riguardo a una conversazione avuta con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak nel dicembre 2016 e ha assicurato la sua collaborazione all’inchiesta sull’influenza di Mosca nelle scorse elezioni (New York Times). Il procuratore speciale Robert Mueller ha incriminato Flynn, che ora rischia cinque anni di carcere e una sanzione da 250mila dollari.

La pedina Secondo Mueller, a chiedere a Flynn di prendere contatti con la Russia fu un “funzionario importante” della squadra di Trump (Abc News). Il Washington Post scrive che si tratterebbe del genero del presidente, Jared Kushner.
*Il ritratto: l’ex generale che ora può inchiodare Trump (Corriere).

Fronte orientale Trump si appresta a dichiarare, forse già nel discorso di mercoledì, Gerusalemme “capitale unica e indivisibile dello Stato d’Israele”, ma non sposterà ancora l’ambasciata statunitense da Tel Aviv (Haaretz). Secondo Bloomberg, però, il segretario di Stato Rex Tillerson sarebbe preoccupato per le trattative dietro le quinte di Kushner su un piano per la creazione di uno Stato palestinese.

Meno tasse per i ricchi I Repubblicani dicono di avere i numeri per far approvare già oggi al Senato il piano di riforma del sistema di tassazione (Wsj). La nuova legge incrementa il deficit americano di 1,4 trilioni di dollari (The Hill).

TRATTATIVE EUROPEE
Cambiare le regole
 Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker vorrebbe allentare i criteri di controllo dei conti pubblici, facendo valere il tetto del 3% di deficit per l’insieme dell’Eurozona e non per i singoli Stati (Spiegel).

Grosse koalition? Il leader dell’Spd Martin Schulz ha negato di aver dato il via libera a un accordo con i conservatori, ma il suo partito si dice pronto a iniziare i colloqui per formare un governo di coalizione guidato da Angela Merkel (Deutsche Welle).

Buon vicinato Il vice primo ministro irlandese Simon Coveney ha aperto all’accordo sul confine con gli inglesi del Nord prima dell’incontro di Theresa May con Juncker previsto per lunedì (Guardian).

ORIZZONTI
Boom greco Il tasso di interesse dei prestiti overnight (Eonia) tra banche europee ha toccato un picco improvviso, forse dovuto all’eccessiva liquidità immessa sul mercato dalla National bank of Greece, per la quale sono transitati gli stipendi dei dipendenti pubblici greci (Il Sole 24 Ore).

Delusione italiana Il Pil del terzo trimestre dell’anno è aumentato dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’1,7% nei confronti del primo trimestre del 2016, sotto i previsti 0,5 e 1,8% (Repubblica).

Il Paese del malumore Il rapporto Censis sulla società italiana fotografa un Paese in ripresa, dove le famiglie spendono di più (+4% tra il 2013 e il 2016), ma con troppe disuguaglianze economiche, senza mobilità sociale e fiducia nelle istituzioni e nei partiti (Il Foglio).
*Il blocco della mobilità e le radici del rancore (Corriere).

SBANCATI
La versione di Matteo Intervistato da Radio Capital, Renzi difende la battaglia del Pd contro Bankitalia e la sottosegretaria Maria Elena Boschi, definendo le accuse contro suo padre un “grande alibi per non affrontare il vero problema” (Repubblica).

Le carte della discordia Ora, scrive il Corriere, la Commissione dovrà svolgere nuove verifiche su Etruria: ci sarebbero dubbi sulle deposizioni del procuratore di Arezzo. Repubblica parla di un documento dell’istituto contro Bankitalia: “Non si oppose alle nozze con Vicenza”.

Le critiche di Casini Il presidente della Commissione sulle banche ha detto che qualcosa nella vigilanza non ha funzionato, ma invita a non confondere guardie e ladri (Il Sole 24 Ore). E dal calendario delle audizioni, scrive La Stampa, ora dipenderebbe la data delle prossime elezioni.

WEEK END ROSSO Oggi la Cgil scende in piazza a Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari per chiedere un cambiamento del sistema previdenziale. Domani Piero Grasso riceverà l’investitura ufficiale a leader della formazione nata dalla fusione di Mdp, Sinistra Italiana e Possibile (Huffington Post).
*L’appello di Michele Serra ai lettori di Repubblica, renziani e non: “Sopportiamoci”.

Patto d’acciaio La Commissione europea chiede all’Italia che il piano ambientale dell’Ilva vada avanti. Per l’economia Ue, l’impianto di Taranto “è una priorità” (Ansa).

PAPA D’ORIENTE Arrivato in Bangladesh dal Myanmar, il pontefice è tornato a parlare del dramma di intere famiglie “ammassate nei campi profughi”, riferendosi indirettamente ai Rohingya e chiedendo per loro l’aiuto della comunità internazionale (La Stampa).

MONDO REALE
Brutta sorpresa Le autorità tedesche hanno evacuato il mercatino di Natale di Potsdam dopo il ritrovamento di un pacco contenente cavi, batterie e chiodi, ma nessun detonatore (DW).

Cure alternative Sono stati assolti dall’accusa di omicidio colposo i genitori della ragazza padovana morta di leucemia dopo aver rifiutato la chemioterapia (Corriere).

Onda nera Repubblica pubblica un reportage sull’ultradestra che vuole conquistare Milano.

MEDIA & TECH
E luce fu Tesla ha ufficialmente acceso la più grande batteria al litio del mondo: 100 Megawatt nel deserto meridionale australiano che possono alimentare fino a 30mila abitazioni per un’ora (Bbc).

Ritorno alle origini Testate tradizionali come Cnn, New York Times, Fox News e Washington Post tornano a guadagnare lettori, mentre diminuiscono gli utenti unici di siti come BuzzFeed (ReCode).

Shopping cinese Spotify starebbe lavorando a un accordo con l’omologa cinese Tencent Music (La Stampa). Alibaba acquisterà invece la startup israeliana Visualead (TechCrunch).

SPORT
Ci vediamo in Russia 
Il sorteggio per i Mondiali 2018 regalano gironi più che abbordabili a Francia, Germania e Belgio. I padroni di casa dovranno vedersela con Arabia Saudita, Egitto e Uruguay (Ansa). In Italia per la prima volta le partite potrebbero essere trasmesse non più dalla Rai ma da Mediaset (Il Sole 24 Ore).

Calcio in tv La Stampa parla di due bonifici da 50mila che inguaierebbero Adriano Galliani nell’inchiesta sui diritti tv della serie A. Galliani per ora non è indagato.

La Juve ritrovata Nell’anticipo di serie A, Gonzalo Higuain segna con un gol la vittoria della Juventus contro il Napoli (Gazzetta). La Roma vince facile 3-1 contro la Spal (Repubblica).

WEEKENDER
*Breve storia dell’Āddā, l’arte bengalese della discussione (Quartz);
*Intervista a Jeremy Corbyn, uomo copertina dell’edizione britannica di GQ;
*Il sito che raccoglie le copertine scartate del New Yorker (Rivista Studio);
*Come le auto che si guidano da sole cambieranno le città (Internazionale).

OGGI
Manifestazione Cgil a Roma con il segretario Susanna Camusso;
Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni interviene alla conferenza internazionale sul Mediterraneo;
Presentazione del nuovo team di Formula 1 Alfa Romeo Sauber;
Anticipo di Serie A Torino-Atalanta.

Prime:

Corriere: Russiagate, un colpo a Trump

Repubblica: Russiagate, ora Trump trema

La Stampa: Inchiesta diritti tv. Due bonifici inguaiano Galliani

Il Sole 24 Ore: Pensioni 2018, aumenti da 70 a 260 euro all’anno

Il Messaggero: Trump rischia lo stato d’accusa

Il Fatto Quotidiano: Consip, la vendetta di Del Sette: vietata la medaglia d’oro al Noe

Il Giornale: Altri soldi agli immigrati

Libero: 84 italiani su 100 schifano la politica

Il Foglio: In marcia contro l’Italia che dice no

Avvenire: Chiamati per nome

Il manifesto: Segreti e bugie

La Verità: Le frasi dello scandalo che hanno salvato il paparino della cocca di Renzi

Ft: Flynn pleads guilty to lying over Russia ties




Gli ultimi articoli dal sito di Internazionale.

Storie. "Bisogna farsi viaggiatori per decifrare i motivi che hanno spinto tanti a partire". Le parole di Alessandro Leogrande, nell'editoriale di Giovanni De Mauro.

Le contraddizioni della lotta all'aids. In Nordeuropa si cerca di normalizzare la sieropositività, mentre in Italia ci si ammala ancora di aids e si assiste a una drastica diminuzione delle campagne di prevenzione dell’hiv. L'articolo di Claudio Rossi Marcelli.

Smetto quando voglio Ad honorem e gli altri film del weekend. Si conclude la trilogia di Sydney Sibilia sulla banda dei ricercatori. Mentre Kenneth Branagh è Poirot in Assassinio sull’Orient Express. I film da vedere al cinema, e quelli da evitare, scelti da Piero Zardo.

La parola delle donne. Dagli Stati Uniti all’Asia un movimento contro il potere maschile. La nuova copertina di Internazionale, con un'illustrazione di Anna Parini.

Internazionale n. 1233