11 ottobre 2021 11:05

Repubblica Ceca
Il 10 ottobre il presidente Miloš Zeman è stato ricoverato in terapia intensiva per complicazioni legate al diabete e ai problemi al fegato di cui soffre. Aveva appena incontrato il premier uscente Andrej Babiš, sconfitto nelle elezioni legislative dell’8 e del 9 ottobre. L’alleanza di centrodestra Spolu (Insieme) ha ottenuto il 27,8 per cento dei voti, contro il 27,1 per cento della formazione populista Ano, guidata da Babiš.

Austria
L’11 ottobre il ministro degli esteri Alexander Schallenberg assume l’incarico di cancelliere al posto di Sebastian Kurz, che si è dimesso il 9 ottobre. Il 6 ottobre la procura di Vienna ha annunciato l’apertura di un’inchiesta per corruzione contro Kurz, leader del Partito popolare austriaco (Övp, conservatore), accusato di aver usato fondi governativi per finanziare alcuni sondaggi d’opinione manipolati.

Polonia
Decine di migliaia di persone hanno partecipato il 10 ottobre alle manifestazioni a Varsavia e in altre città per difendere l’appartenenza del paese all’Unione europea, messa a rischio da una decisione del tribunale costituzionale. Il 7 ottobre il tribunale si era pronunciato contro il primato del diritto comunitario su quello nazionale, affermando che alcuni articoli del trattato dell’Unione europea, in particolare in materia di giustizia, sono incompatibili con la costituzione polacca.

Stati Uniti
Il 10 ottobre il dipartimento della giustizia ha annunciato l’arresto nello stato della Virginia Occidentale di un ingegnere della marina statunitense, Jonathan Toebbe, e della moglie Diana. Sono accusati di aver cercato di vendere informazioni riservate sui sottomarini nucleari statunitensi a un governo straniero, dietro il quale si nascondeva in realtà un agente dell’Fbi.

Cile
Il 10 ottobre una donna di 43 anni, l’avvocata Denisse Cortés, è morta a Santiago negli scontri scoppiati tra manifestanti e polizia durante una marcia per i mapuche, il principale popolo indigeno del paese. Diciassette poliziotti sono rimasti feriti e nove persone sono state arrestate.

Iraq
Le elezioni legislative anticipate del 10 ottobre sono state caratterizzate da un tasso di partecipazione di appena il 41 per cento, il più basso da quando nel 2003 fu deposto il dittatore Saddam Hussein. Le elezioni, inizialmente previste nella primavera del 2022, sono state anticipate di sei mesi per cercare di mettere fine a un grande movimento di protesta contro la corruzione e la crisi economica. Almeno seicento persone sono morte nella repressione delle proteste.