08 maggio 2020 19:23

In The half of it, commedia adolescenziale di Alice Wu, Ellie cerca di sopravvivere al liceo di una cittadina sperduta in mezzo agli Stati Uniti. Il padre, immigrato dalla Cina quando lei era bambina, è uno scambista, nel senso ferroviario del termine, e, oltre ad aiutarlo con i treni, Ellie arrotonda facendosi pagare per fare i compiti di inglese di metà della sua classe. Quando Paul le chiede di aiutarlo a scrivere una lettera d’amore ad Aster, la bella figlia del pastore della comunità, Ellie anche se riluttante accetta per pagare la bolletta della luce. Così comincia una specie di triangolo più che mai isoscele, così come dev’essere nelle commedie indie. Se pensate al Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand, sappiate che il naso di Ellie è grazioso e Paul è molto più simpatico di Cristiano. E comunque non muore nessuno.


Film gradevole con una giovane protagonista interessante, Leah Lewis, e dei personaggi simpatici. Probabilmente però, se avessi visto The half of it al cinema, sarei rimasto insoddisfatto. Ma le sale sono ancora chiuse, non si vive di soli classici, e allora, allo stesso prezzo e senza allontanarsi troppo, ecco Carrie Pilby di Susan Johnson: altra commedia sentimentale, leggermente più convenzionale, su una ragazza, Carrie, un po’ più grande di Ellie, ma altrettanto brillante e incasinata. A 19 anni, laureata ad Harvard prima ancora di avere l’età per comprarsi una birra, vive a New York da sola. Il suo unico rapporto decente è con il terapista, un amico di suo padre che prova ad aiutarla a essere più felice.

La protagonista di Carrie Pilby è Bel Powley, giovane attrice britannica che si già è fatta notare in almeno tre occasioni: Diario di una teenager, Una notte con la regina, dov’era la principessa Margaret, e Wildling, interessante fantasy-horror che purtroppo in Italia non è uscito, in cui Bel interpreta un’adolescente che crescendo scopre la sua vera natura (selvaggia). Il suo curriculum si completa con The king of Staten Island, la prossima commedia di Judd Apatow, la cui uscita negli Stati Uniti è prevista per giugno.

The half of it
Di Alice Wu. Con Leah Lewis, Alexxis Lemire, Daniel Diemer, Collin Chou. Stati Uniti 2020, 104’.
Carrie Pilby
Di Susan Johnson. Con Bel Powley, Nathan Lane, Gabriel Byrne, William Moseley, Vanessa Bayer. Stati Uniti 2016, 98’.

Entrambi i film si possono vedere su Netflix