Sommario

516 (28 novembre / 4 dicembre 2003)

Ebrei

Il nuovo antisemitismo. È globale. Usa internet. Diffonde antichi pregiudizi

516 (28 novembre / 4 dicembre 2003)

Asia e Pacifico

Morti per un posto di lavoro

Inchiesta

Il nuovo antisemitismo

L’Europa torna a fare i conti con un antico pregiudizio

pubblicità

Italieni

Red Sox alla napoletana

Anche se ci rifiutiamo di accettarla, esiste una spiegazione per tutte le cose terribili e meravigliose che accadono nella nostra vita. Credere nella sfortuna aiuta a vivere meglio

Società

Incastrati dal virus

Due persone come tante, due vite tranquille rovinate da false accuse di pedofilia. Tutto perché qualcuno è entrato nel loro computer

Scienza e tecnologia

Un’alleanza non troppo santa

pubblicità

Cina

La movida pechinese

In vent’anni la capitale cinese ha cambiato volto. Parla Chen Guanzhong, critico cinematografico di Hong Kong

Americhe

Paradiso naturale in pericolo

Opinioni

Si può scavalcare il Patto di stabilità: ma ci vorrebbe un serio progetto alternativo

Economia e lavoro

Riparte la locomotiva

Cina

L’Europa ci dirà grazie

Secondo Zhang Xukun, docente di economia all’università di Hangzhu, all’apertura economica seguirà quella politica

pubblicità

Cile

Come statue in frantumi

Lo scrittore Carlos Franz spiega il disagio cileno di fronte all’ambiguo simbolismo di due miti contrapposti: Salvador Allende e Augusto Pinochet

Africa e Medio Oriente

Il grande balzo all’indietro

Opinioni

Le istituzioni democratiche russe sono una finzione. E i cittadini non protestano

Inchiesta

Reazioni sospette

Israele è il paese più pericoloso per la pace. Lo dice un sondaggio europeo che tutti si affrettano a condannare

Europa

Croazia, a volte ritornano

pubblicità

Viaggi

Una pista selvaggia

La costa dell’Eastern Cape, in Sudafrica, è rimasta per anni misteriosa e inaccessibile. Ora, con l’aiuto della comunità locale, è possibile scoprirla

Terrorismo

I messaggi dei kamikaze

Il messaggio di questi terribili attentati non è rivolto a noi occidentali, ma al mondo islamico

Inchiesta

Siamo tutti a Istanbul

Il rischio c’è, avverte la rivista degli ebrei americani. E per affrontarlo servono nuovi alleati: i musulmani moderati

Cina

Fabbrica del mondo

Le imprese cinesi ormai producono di tutto: giocattoli e T-shirt, ma anche cellulari e lettori dvd. La Cina fa paura, non solo economicamente

Pregiudizi

Quanti sono gli ebrei in Italia? Nel 1986 la Demoskopea fece questa domanda a un campione rappresentativo della popolazione italiana. Più della metà degli intervistati, il 52 per cento, non ne aveva la più pallida idea. Solo il sei per cento rispondeva correttamente: in Italia ci sono tra i venti e i cinquantamila ebrei (per l’esattezza sono 35.000, secondo le stime del World Jewish Congress). Circa l’11 per cento delle persone tendeva a sovrastimare il loro numero, arrivando a rispondere che gli ebrei in Italia sono più di un milione. Se si rifacesse oggi, probabilmente questo sondaggio non darebbe risultati molto diversi. Tra i pregiudizi più antichi e più radicati c’è quello secondo cui gli ebrei sono tanti, ovunque e potenti. In realtà in tutto il mondo sono circa 14 milioni, di cui quasi sei milioni negli Stati Uniti e cinque milioni in Israele. In Francia sono 600mila, in Turchia 35mila. Un’informazione più legata ai fatti è da sempre il primo requisito nella battaglia contro tutti i pregiudizi. Leggi

pubblicità

Inchiesta

Nascondete la kippah

Una scuola ebraica incendiata, un rabbino che invita i fedeli a togliersi il copricapo tradizionale. In Francia torna la paura

Opinioni

Il viaggio del leader di Alleanza nazionale serve solo agli interessi di Sharon

Inchiesta

I dubbi della Germania

Dopo le affermazioni antisemite di un deputato tedesco, il paese s’interroga. La malattia è veramente sconfitta?

Opinioni

Poche truppe e pochi mezzi: il paese rischia di nuovo il caos e la guerra

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.