Sommario

671 (8/14 dicembre 2006)

La rinascita di Al Gore

L’ex vicepresidente degli Stati Uniti ha una missione: salvare il pianeta prima che sia troppo tardi. Un’inchiesta del Guardian, con un commento di Beppe Grillo

671 (8/14 dicembre 2006)

Rinascita

Come sarebbe il mondo se nel 2000 Al Gore fosse stato eletto presidente degli Stati Uniti? Ci sarebbe stata la guerra in Iraq? E quella in Afghanistan? E l’11 settembre? Difficile dirlo. Ma chissà se tra una o due generazioni quelle elezioni non saranno viste come il drammatico momento di svolta della crisi ambientale del pianeta. “L’unica superpotenza mondiale stava per essere guidata da un ambientalista”, sottolinea il Guardian nell’inchiesta su Al Gore. Abbiamo forse solo dieci anni per fare qualcosa prima di superare il punto di non ritorno – in particolare “se vogliamo evitare che le generazioni future ci sputino in faccia”, aggiunge Beppe Grillo. Le cose che possiamo fare sono molto semplici. Al Gore ne elenca dieci: da usare l’auto il meno possibile a non sprecare l’acqua calda. Ma soprattutto dobbiamo imporre ai partiti, tutti i partiti, di scrivere le parole “emergenza ambientale” nelle loro agende. Leggi

In copertina

La rinascita di Al Gore

L’ex vicepresidente degli Stati Uniti ha una missione: salvare il pianeta prima che sia troppo tardi. Un’inchiesta del Guardian, con un commento di Beppe Grillo

pubblicità

Opinioni

Il coraggio dell’arte

Opinioni

Click, bang, boom

Europa

La legge al servizio dell’ambiente

pubblicità

Opinioni

Famiglie divise

Attualità

Veleni sul Tamigi

Chi sono Aleksandr Litvinenko e Mario Scaramella? Oppositori di un regime autoritario o banali ricattatori in cerca di soldi? I commenti e le analisi della stampa britannica

Opinioni

Un dilemma strategico

Asia e Pacifico

Il mercato nero dei sequestri

Opinioni

L’unica cosa che conta

pubblicità

Una nota dissonante

Il dialogo sembra la cosa più facile del mondo – una battuta dopo l’altra, come una partita di tennis – e invece nasconde un’insidia: si rischia di abusarne. Leggi

Opinioni

Niente fila, siamo inglesi

Opinioni

Il numero: 33

Messico

Poltrona per due

Il Messico ha due presidenti della repubblica: uno eletto, l’altro autoproclamato. La colpa è soprattutto della classe politica e degli intellettuali, scrive il direttore di Letras Libres

Società

Un’aria di famiglia

Dalle campagne del Kenya alla periferia di Tokyo, passando per i barrios di Caracas e gli hutong di Pechino, sette famiglie si raccontano. La prima puntata di un diario che dalla prossima settimana seguirà per un anno la loro vita quotidiana

pubblicità

Opinioni

I bambini ci guardano

Viaggi

Benessere australe

Coste disegnate dalla marea, montagne, foreste e un clima adatto al vino. Un tempo la Tasmania era considerata una terra inospitale, oggi è l’emblema di un nuovo stile di vita

Africa e Medio Oriente

Il paese dove si muore giovani

Opinioni

La voce dell’esagono

Opinioni

Caro presidente

pubblicità

Opinioni

Capelli

Asciugarsi le mani inquina?

Molti fanno tesoro del tempo prezioso trascorso in bagno per riflettere sui mali del mondo. Archimede è la dimostrazione pratica di come non sia mai tempo perso. Leggi

Venezuela

Caracas ha paura

Furti, omicidi e aggressioni: la capitale venezuelana è diventata una delle città più pericolose dell’America Latina. Ed è spaccata in due tra sostenitori e oppositori di Chávez

Economia e lavoro

La caduta del biglietto verde

Americhe

A scuola di tortura

Portfolio

Sguardi d’oriente

Le foto del festival di Lianzhou

Opinioni

Poteva andare altrimenti?

Ritratto

Renate Hong. L’amore lontano

Quarantacinque anni fa il regime nordcoreano le ha strappato il marito e padre dei suoi figli. Ma lei, dalla Germania, non ha mai smesso di sperare

Scienza e tecnologia

Un’arma a doppio taglio

Opinioni

Chi vive nel tuo corpo?

Opinioni

La parola: terroir

Opinioni

Ne dica ventitré

Opinioni

Le Olimpiadi della Nbc

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.