Sommario

Scacco al re

Kasparov. È stato il più grande giocatore di scacchi della storia. Oggi è il principale oppositore di Putin. La sua sfida impossibile raccontata da David Remnick, direttore del New Yorker

721 (30 novembre / 6 dicembre 2007)
721 (30 novembre / 6 dicembre 2007)

Svizzera

In estate e in autunno è ormai raro vedere la neve in montagna. Sono scomparsi i ponti naturali di ghiaccio che permettevano a pastori e cacciatori di orientarsi e di attraversare fiumi e gole Leggi

Graphic journalism

Cartoline da Lisbona

Un fumetto di Filipe Abranches

In copertina

Scacco al re

Garry Kasparov è stato il più grande giocatore di scacchi della storia. Oggi è il principale oppositore di Putin. La sua sfida impossibile raccontata da David Remnick

Scienza e tecnologia

Gli stratagemmi del cervello

Opinioni

Abu e gli uccelli

Opinioni

Cinismo petrolifero

Opinioni

La tv irresponsabile

Scienza

Ritorno a Pangea

I continenti si muovono. Potrebbero ricongiungersi in un unico blocco. Desertico, battuto da forti tempeste e senza esseri umani. I geologi raccontano come sarà la Terra tra 250 milioni di anni

Scienza

La metà del mondo

I risultati di un nuovo studio: con degli occhiali speciali le persone eminegligenti possono recuperare l’intero spazio visivo

Europa

Le ultime gocce di petrolio britannico

Opinioni

L’Urss trasporta i turisti

Africa e Medio Oriente

I cristiani abbandonano l’Iraq

Opinioni

Il silenzio è d’oro

Opinioni

Restare fuori dalla Nato

Australia

Gli errori di Howard

Il leader conservatore ha perso perché ha sottovalutato le vere preoccupazioni degli australiani: ambiente, lavoro, welfare. Rudd lo ha capito e ora deve agire

Gap

Svezia, Norvegia, Finlandia, Islanda, Nuova Zelanda, Filippine, Germania, Danimarca, Irlanda, Spagna, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Lettonia, Lituania, Sri Lanka, Croazia, Australia, Canada, Belgio, Sudafrica, Moldova, Cuba, Bielorussia, Colombia, Bulgaria, Lesotho, Austria, Costa Rica, Namibia, Estonia, Usa, Kazakistan, Argentina, Tanzania, Macedonia, Israele, Portogallo, Panama, Giamaica, Svizzera, Uzbekistan, Vietnam, Mozambico, Ecuador, Russia, Trinidad e Tobago, Romania, El Salvador, Slovenia, Uganda, Francia, Thailandia, Bot-swana, Slovacchia, Venezuela, Suriname, Ucraina, Lussemburgo, Azerbaigian, Polonia, Ungheria, Mongolia, Ghana, Repubblica Ceca, Repubblica Dominicana, Albania, Georgia, Honduras, Paraguay, Kirghizistan, Armenia, Grecia, Cina, Brasile, Perù, Malta, Singapore, Uruguay, Tagikistan, Bolivia, Indonesia, Cipro, Kenya: sono i paesi che vengono prima dell’Italia nel Global gender gap index, che misura il divario tra uomini e donne in politica, economia, istruzione e salute. Leggi

Economia e lavoro

Coltivata in casa

Cultura

Cinema, libri, musica, tv

Opinioni

Rileggendo Zivago

Opinioni

Multitasker

Opinioni

Ring

Haiti

Haiti può guarire

Nonostante la povertà e un sistema sanitario quasi inesistente, l’isola caraibica sta vincendo la battaglia contro l’aids. Il merito è dei fondi internazionali e di alcune iniziative locali

Americhe

Il Brasile si prepara per i Mondiali del 2014

Opinioni

L’ebraico proibito

Opinioni

Folktronica

Giappone

Terre di nessuno

Hotel in disuso, miniere abbandonate, vecchie stazioni termali. In Giappone si chiamano haikyo e sono la testimonianza del declino sociale e demografico del paese

Asia e Pacifico

I disastri innaturali del Bangladesh

Blog

In difesa di Santiago

Australia

Aria nuova in Australia

Il 24 novembre gli elettori australiani hanno messo fine a undici anni di governo ultraconservatore. Il nuovo premier è il laburista Kevin Rudd, che però non promette rivoluzioni. I commenti della stampa australiana

Opinioni

Cercasi modello

Portfolio

Provincia britannica

Le foto di Adrian Clarke

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.