Ameer Alhalbi

È un fotografo indipendente. Lavora ad Aleppo

Un giorno nell’inferno di Aleppo

Credo che la guerra in Siria non finirà mai. Da tre anni fotografo il conflitto ad Aleppo, la mia città. Il mio obiettivo è quello di mostrare al mondo esterno le sofferenze dei siriani. Il 28 aprile di quest’anno è stato una delle giornate più
infernali che ci sia toccato di vivere. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.