Guillaume Decamme

È il corrispondente dell’Afp da Kabul.

L’ultimo viaggio dei migranti afgani

In sette anni di lavoro all’Afp, ho potuto farmi una discreta idea della crudeltà umana. Ho visto come, durante l’esecuzione di un condannato nero in Virginia, negli Stati Uniti, il sistema mirasse più alla vendetta che alla giustizia. A Baghdad ho visto corpi dilaniati dalle bombe. Ma niente mi aveva preparato alla terribile scena a cui abbiamo assistito il 12 marzo 2016 io e il fotografo Wakil Kohsar. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.