Mark Latonero

È un ricercatore del  Data & Society research institute di New York e studia le connessioni tra tecnologia e scienze sociali.

Come i telefoni possono salvare la vita ai profughi

I social network, le app, le mappe online, la messaggistica istantanea, i siti per le traduzioni, i money transfer via cavo, le postazioni per caricare i telefoni e i punti wifi hanno dato vita a una nuova infrastruttura per gli spostamenti dei migranti, importante tanto quanto le strade o le ferrovie. Ma è necessario trovare adeguati strumenti di salvaguardia dei dati per garantire che il “percorso digitale” dei profughi sia sicuro. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.