Welcome to Italy

Cinque reportage sull’accoglienza dei migranti nel nostro paese. Un progetto coordinato da Stefano Liberti.

Hotspot, le impronte dei migranti

12 maggio 2016 12:53

“La polizia ci ha portato in un campo e ci ha circondato”, dice il migrante etiope F., sbarcato a Messina. “Poi ci hanno chiesto le impronte digitali, con la forza. ‘Non vi diamo da mangiare né da bere finche non ci date le impronte’. Mi hanno colpito dappertutto, sul corpo e sulla testa”.

Nati in Italia e in Grecia su pressione di Bruxelles, gli hotspot sono luoghi di detenzione dove la polizia locale insieme a funzionari delle agenzie europee (Europol, Eurojust, Frontex, Easo) ha il compito di trattenere i migranti appena sbarcati per identificarli attraverso il prelievo, anche con l’uso della forza, delle impronte digitali. Gli hotspot dovrebbero servire anche a distinguere e “smistare” i richiedenti asilo dai migranti economici. Al momento in Italia sono cinque: Lampedusa, Pozzallo, Trapani, Porto Empedocle e Taranto.

Tuttavia, negli ultimi mesi, si è iniziata a delineare la “pratica hotspot”, dove un team mobile procede all’identificazione dei migranti direttamente allo sbarco, come è accaduto a Messina al protagonista di questo video. L’ingresso negli hotspot non è permesso alla stampa: la richiesta in tal senso degli autori del documentario è stata respinta per assicurare ai richiedenti asilo ospitati “la massima tutela dei diritti, anche in materia di privacy”. –Valeria Brigida

Il reportage di Valeria Brigida e Mario Poeta.

Prima puntata della serie Welcome to Italy, un viaggio in cinque video sull’accoglienza dei migranti che arrivano nel nostro paese.

pubblicità

Articolo successivo

Per capire il mondo bisogna guardarlo da un altro punto di vista
Pierre Haski