Italia

Italia

Capitale
Roma
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Euro
Superficie
Fotografia a chilometro zero

Otto fotografi raccontano la dimensione straordinaria che si può trovare nella vita di tutti i giorni, con immagini lontane dal reportage e più vicine alla poesia. Leggi

A scuola di democrazia: perché tutti i bambini sono cittadini

Al festival di Internazionale a Ferrara, Franco Lorenzoni ha spiegato perché la scuola deve essere il luogo che garantisce il diritto di cittadinanza a tutti. Leggi

pubblicità
Gli italiani senza cittadinanza danno una lezione ai politici

Studenti e insegnanti sono scesi in piazza a Roma per chiedere che la riforma della cittadinanza sia votata dal senato prima della fine della legislatura. Leggi

Nuovi cittadini nel mondo del lavoro

Il dibattito in Italia sulla riforma della cittadinanza è la cartina al tornasole di resistenze culturali e politiche molto radicate e profonde. Leggi

Cittadinanza

L’approvazione della riforma non deve essere ostaggio di politici pronti a rinunciare a norme minime di civiltà. Leggi

pubblicità
La strategia italiana per fermare i migranti in Libia è in crisi?

Cinquemila migranti e rifugiati sono rinchiusi nei centri di detenzione a Sabrata, in condizioni estreme dopo la fine dei combattimenti tra gruppi rivali. Leggi

Cittadini tra i banchi di scuola

Chiunque capitasse nelle classi italiane capirebbe che la legge sullo ius soli non è un obiettivo de iure, ma è la condizione de facto con cui si fa scuola tutti i giorni. Leggi

L’ultima occasione per approvare lo ius soli

Negli ultimi giorni si è aperto uno spiraglio che potrebbe portare all’approvazione della riforma della legge sulla cittadinanza. Leggi

Una storia siciliana di veleni

Gran parte di Biancavilla, in Sicilia, è stata costruita con il materiale di una cava vicina al centro. Compreso un minerale simile all’amianto che ha causato decine di morti. Leggi

La fragile speranza di un nuovo processo di pace in Libia

Il ritorno dello Stato islamico, il ruolo dei salafiti, il progetto di pace delle Nazioni Unite e la debolezza del governo di Tripoli: costa sta succedendo in Libia. Leggi

pubblicità
Etica e fotografia a Lodi

Il 7 ottobre comincerà l’ottava edizione del festival della fotografia etica a Lodi. Il programma prevede 34 mostre e più di cinquanta incontri. Leggi

Perché via Curtatone è ancora chiusa

La chiusura della strada, dove a metà agosto è stato sgomberato un edificio occupato, è stata prorogata fino al 20 ottobre ed è anomala per più di un motivo. Leggi

Abusi di polizia e pezzi di verità

Qualcosa si muove dentro il mondo delle forze dell’ordine, ma le contraddizioni sono ancora vive. Una lettera di Luigi Manconi alla vigilia del secondo processo per la morte di Stefano Cucchi. Leggi

A Napoli non c’è spazio per i rom

Roghi e sgomberi costringono centinaia di persone a vivere in situazioni precarie. E le istituzioni ignorano o faticano a risolvere i problemi. Leggi

L’Onu vuole aprire un centro di transito per i profughi in Libia

L’Unhcr sta negoziando con il governo di Tripoli la possibilità di aprire un campo profughi nella capitale che possa ospitare almeno mille persone in transito. Leggi

pubblicità
Belgio, Italia e Sudan collaborano per i rimpatri dei migranti

Una polemica simile a quella scoppiata in Italia nel 2016 travolge il governo belga, accusato di calpestare i diritti umani e di corteggiare l’estrema destra. Leggi

Segnale

Dopo più di novecento giorni di guerra, la situazione nello Yemen è catastrofica. Ma la vendita di armi non si ferma. Leggi

Com’era la scuola elementare italiana e com’è oggi

Il film di Alberto Lattuada del 1954, Scuola elementare, racconta l’Italia del dopoguerra in bilico tra autoritarismo e democrazia, in corsa verso il boom economico. Leggi

La casa in cui si combatte la violenza sulle donne

Che cos’è la violenza contro le donne e come si previene? La storia di Lucha y siesta, un centro antiviolenza fuori dai canoni, e delle donne che lo abitano. Leggi

Lascio pezzi del mio cuore in Italia

Negli spostamenti per presentare L’ordine delle cose ho riflettuto sul mondo che continua a cambiare insieme alle definizioni di ciò che consideriamo patria. Leggi

pubblicità