Daniele Cassandro

È un giornalista di Internazionale, si occupa delle pagine culturali: musica, libri, arte e cinema.

Lia Rodrigues tra danza e resistenza nel Brasile di Bolsonaro

In prima nazionale al Romaeuropa festival, Fúria, lo spettacolo della coreografa brasiliana Lia Rodrigues, porta in scena una celebrazione rituale della vita e un atto politico. Leggi

Il sogno di Alexander Calder e William Kentridge

All’Opera di Roma va in scena l’espansione del teatro musicale attraverso il lavoro di due artisti figurativi. Leggi

pubblicità
Preraffaelliti con il pilota automatico

Al Palazzo reale di Milano arrivano i Preraffaelliti inglesi, a cavallo tra modernità vittoriana e purismo prerinascimentale. Leggi

La triste storia di una splendida collezione d’arte

La stanza di Filippo de Pisis a Milano racconta una storia che parte da una collezione d’arte degli anni trenta e arriva all’azione partigiana di via Rasella e all’eccidio delle Fosse Ardeatine. Leggi

La Persia parallela che non sentiremo a Terraforma

Il festival di musica sperimentale Terraforma torna a proporre il suo eclettico cartellone. Ma a causa delle sanzioni contro Teheran, non ci saranno i musicisti iraniani che avrebbero dovuto accompagnare l’artista tedesco-iraniano Sote. Leggi

pubblicità
L’arte meravigliosa e terribile di Michael Jackson

A dieci anni dalla morte del cantante, Su Michael Jackson di Margo Jefferson racconta la grande popstar in tutta la sua scomoda complessità. Leggi

E alla fine Idomeneo porta a casa la pelle

La versione di Idomeneo in scena al teatro alla Scala di Milano è quella più vicina possibile all’edizione integrale che debuttò a Monaco nel 1781. Leggi

Da oggetto a soggetto: l’arte femminista in mostra a Milano

La stagione gloriosa del femminismo italiano raccontata da più di cento artiste: i loro lavori raccontano la messa in discussione e la reinvenzione continua del linguaggio. Leggi

Un’Ariadne auf Naxos sfavillante ma con troppi strati

L’Ariadne auf Naxos di Richard Strauss in scena alla Scala di Milano è un complicato gioco di specchi nel quale rischiamo di perderci. Leggi

Fitch & Trecartin, Adamo ed Eva senza sesso nell’Eden americano

Wether line, la mostra di Fitch e Trecartin allestita a Milano, è l’occasione per fermarsi e storicizzare il loro lavoro inafferrabile e profetico. Leggi

pubblicità
Ingres e il feticcio dell’Antico

La mostra di Jean-Auguste-Dominique Ingres al palazzo Reale di Milano è l’occasione per scoprire il lato più moderno e immaginifico del neoclassicismo di primo ottocento. Leggi

L’immortale favola d’amore di Orfeo

L’Orfeo ed Euridice di Gluck in scena all’Opera di Roma è così equilibrato e godibile che potrebbe essere usato come manuale per mettere in scena oggi un classico. Leggi

La fantascienza erotico ambientalista del Libro di Joan

Il libro di Joan di Lidia Yuknavitch è una distopia ambiziosa che parla della fine del mondo e della fine del sesso. Leggi

L’eterna madre Russia della Chovanščina

La Chovanščina di Modest Musorgskij, in scena alla Scala per la regia di Mario Martone, ci racconta la storia tutt’ora in divenire dell’identità nazionale russa. Leggi

Playlist, il meglio del 2018

Playlist è il nuovo numero di Internazionale extra. Libri, foto, cinema, musica, fumetti, serie tv, videogiochi e gadget del 2018, nelle recensioni della stampa di tutto il mondo. In edicola dal 5 dicembre. Leggi

pubblicità
Dall’amor cortese al dancehall: il lungo viaggio di DFS

Cosa unisce i mottetti profani scritti da Guillaume de Machaut in Francia a metà del trecento e il basso ronzante dei soundsystem di Kingston, in Giamaica? Leggi

La storia dimenticata del rock dello Zambia

Il documentario We intend to cause havoc ci racconta una scena musicale africana dimenticata. Leggi

Mozart nella bolla del #MeToo

Le Nozze di Figaro in scena all’Opera di Roma affrontano un tema importante ma inciampano sul finale. Leggi

Un Mozart da rave

Il Flauto magico in scena all’Opera di Roma è un’intelligente e iperattiva rilettura del singspiel mozartiano. Leggi

Il mito fondante di Kirina

Lo spettacolo del coreografo burkinabé Serge-Aimé Coulibaly inaugura il Roma Europa Festival con la rilettura contemporanea di un’antica epopea orale dell’Africa occidentale. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.