Perché nel mondo si costruiscono sempre più muri

28 novembre 2016 13:48

“I muri si possono scavalcare, aggirare, oltrepassare scavando tunnel sotterranei. Eppure molti paesi del mondo continuano a costruirne di nuovi. Quando fu abbattuto il muro di Berlino, nel 1989, esistevano solo 15 muri, oggi sono 70”. Il ricercatore statunitense Reece Jones, che studia i confini da oltre 15 anni, spiega perché costruire muri è inutile per fermare i migranti: più diventa difficile superare un confine e più chi vuole oltrepassarlo prenderà rotte pericolose, con un conseguente aumento del numero di morti. Il video della Thomson Reuters Foundation.

pubblicità

Articolo successivo

L’adolescenza ridotta a uno smartphone
Héctor Abad Faciolince