Migranti

Ogni giorno centinaia di persone si mettono in viaggio per cercare di raggiungere l’Europa. Sognano una vita migliore, ma spesso finiscono tra le mani dei trafficanti o in centri di detenzione.

La solitudine dei soccorritori

Cosa è cambiato negli ultimi tre anni nel Mediterraneo e perché sembra che non importi più a nessuno di chi muore in mare. Leggi

Almeno cinque morti a Lampedusa, mentre la Ocean Viking attracca a Messina

Anche le navi spagnole Open Arms e Aita Mari hanno ricevuto un porto di attracco dal ministero dell’interno italiano, arriveranno a Taranto e Pozzallo. Leggi

pubblicità
Le ong soccorrono 367 migranti e chiedono un porto sicuro

Almeno 600 persone sono scappate via mare dalla Libia nelle ultime 48 ore, secondo l’Organizzazione internazionale delle migrazioni. Leggi

La Ocean Viking soccorre altre trenta persone e chiede un porto di sbarco

Sono continue le segnalazioni di imbarcazioni in difficoltà al largo della Libia, una è stata soccorsa da Ocean Viking, altre due sono state intercettate dai libici. Leggi

Ocean Viking ha soccorso 94 persone al largo delle coste libiche

Il 19 novembre l’imbarcazione umanitaria ha avvistato un gommone in difficoltà, 42 miglia a nord di Zawiya. Il racconto delle operazioni di soccorso. Leggi

pubblicità
La presenza delle ong in mare non incentiva le partenze di migranti

L’idea che le navi di soccorso siano un pull factor, un fattore di attrazione, cioè che la loro presenza sia un incentivo alle partenze dei migranti, non è basata su prove scientifiche. Leggi

La frontiera invisibile che passa da Trieste

L’8 novembre un ragazzo siriano di vent’anni è stato ritrovato senza vita nei boschi della Slovenia. Come tanti prima di lui provava ad attraversare una frontiera sempre più pericolosa di cui non si parla più. Leggi

La barca dei sogni

“Certi giorni Murad si diceva che quella distanza era niente, una breve seccatura, che la traversata sarebbe durata appena mezz’ora. Altri giorni riusciva a pensare solo alle guardie costiere e all’acqua ghiacciata”. Dall’archivio di Internazionale. Leggi

Perché non è possibile affidare all’Onu i centri per i migranti in Libia

Luciana Lamorgese ha proposto un piano umanitario che prevede di affidare all’Onu i centri per migranti in Libia, ma al momento le Nazioni Unite non hanno il pieno controllo nemmeno dell’unico centro di transito a Tripoli. Leggi

Una nuova crisi umanitaria in Bosnia riapre le ferite della guerra

Negli ultimi due anni a Bihać il transito di quarantamila profughi in cammino sulla rotta balcanica ha suscitato sentimenti contrastanti. Ora la situazione nel campo profughi di Vučjak rischia di degenerare. Leggi

pubblicità
La ministra Lamorgese vuole un nuovo codice di condotta per le ong

Secondo la ministra le navi di soccorso sono un fattore di attrazione (pull factor) per i migranti che scappano dalla Libia. Leggi

L’Italia rinnoverà l’accordo con la Libia con alcune modifiche

Da qualche giorno si sta lavorando a delle modifiche del Memorandum di intesa Italia-Libia sui migranti che sarà rinnovato automaticamente il 2 novembre a quasi tre anni dalla sua ratifica. Leggi

Il cinico ricatto di Erdoğan all’Europa

La minaccia di Erdoğan è vergognosa perché usa milioni di profughi siriani in fuga dalle atrocità del loro paese. L’aveva già fatto nel 2015 strappando all’Ue un accordo per chiudere le frontiere turche. Leggi

Meno partenze meno morti in mare: cosa c’è di vero

Meno partenze, meno morti in mare? C’è un’emergenza sbarchi a Lampedusa? Che rapporto c’è tra la rotta libica e quella tunisina? Domande e risposte. Leggi

La Tunisia non è un paese sicuro per i migranti

Le storie di chi è bloccato in Tunisia dopo essere stato soccorso in mare e le denunce dei rifugiati che accusano di violenza la polizia di frontiera. Leggi

pubblicità
Un nuovo codice Minniti europeo per le ong?

Alcuni punti della bozza dell’accordo sui migranti fanno discutere: si fa riferimento al pull factor in relazione ai mezzi di soccorso e si chiede di collaborare con la guardia costiera libica. Leggi

Il potere di un passaporto

Nel mondo non tutti i passaporti consentono la stessa libertà di movimento. Può viaggiare senza vincoli solo chi ha un passaporto occidentale o chi riesce a ottenere un visto. Questa è la storia di tutti gli altri. Leggi

Dall’altra parte del mare, cosa spinge i tunisini a partire

Che succede in Tunisia a otto anni dalla rivoluzione: le storie di chi emigra verso Lampedusa e di chi è stato rimpatriato. Leggi

I punti dell’accordo di Malta sui migranti 

Ricollocamenti in quattro settimane e rotazione volontaria dei porti di sbarco: è stato raggiunto un accordo a Malta tra cinque ministri dell’interno dell’Unione europea. Leggi

La terra di nessuno tra Libia e Tunisia

Petrolio, valuta, migranti: lungo la frontiera libico-tunisina il contrabbando è la principale fonte di guadagno per molti e rende il territorio sempre meno sicuro. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.