Migranti

Ogni giorno centinaia di persone si mettono in viaggio per cercare di raggiungere l’Europa. Sognano una vita migliore, ma spesso finiscono tra le mani dei trafficanti o in centri di detenzione.

Al festival di Locarno vince un film contro le schiavitù del presente

Il Pardo d’oro è stato vinto da A land imagined del regista Yeo Siew Hua, un esempio di cinema onirico e concreto insieme. Leggi

La xenofobia leghista che piace alla destra spagnola

L’ostilità all’immigrazione del nuovo leader del Partito popolare, Pablo Casado, si manifesta proprio mentre la Spagna è ridiventata una tappa importante delle rotte migratorie. Leggi

pubblicità
Lo chef siriano che rifiuta di essere un rifugiato

A Damasco, Mohammad el Khaldy gestiva un ristorante di successo. Nel 2015 è arrivato con la famiglia a Parigi, senza soldi. Oggi cucina per i migranti e per i grandi marchi della moda. Leggi

La morte dei braccianti riguarda tutti noi consumatori

Il doppio incidente nel foggiano, che ha visto la morte di sedici lavoratori in tre giorni, fa risalire agli onori delle cronache il tema del lavoro in agricoltura. Ma anche sul costo reale del cibo a basso prezzo. Leggi

L’antirazzismo italiano ha poca voce

Gli elettori italiani sono generalmente empatici nei confronti dei profughi, ma il loro governo non lo è. Cosa non ha funzionato nel contrasto alla xenofobia? Leggi

pubblicità
Abbandonati in mare

La ricostruzione di quello che è successo a largo della Libia tra il 16 e il 17 luglio, quando la nave Open Arms ha ritrovato in mare un gommone distrutto con una donna e un bambino morti e una sopravvissuta, Josefa. Leggi

L’energia positiva che nasce dai corridoi umanitari

La xenofobia e l’egoismo minano il sogno europeo. Consentire ai profughi di arrivare in sicurezza permette ai cittadini di essere parte della soluzione. Leggi

I libici ci hanno picchiato, parla la donna sopravvissuta

Josefa ha occhi enormi, allungati e larghi. È sdraiata sul ponte della Open Arms. Il diario del salvataggio. Leggi

Omissione di soccorso o naufragio? Sopravvive solo una donna

A 80 miglia dalla Libia Open Arms ha trovato i resti di un gommone affondato: solo una donna è sopravvissuta, un bambino e un’altra donna sono stati ritrovati morti. Leggi

La Open Arms torna in mare e fa rotta verso la Libia

Nonostante il clima ostile e la chiusura dei porti, la nave spagnola ha deciso di mollare gli ormeggi e tornare in mare per soccorrere i migranti al largo della Libia. Leggi

pubblicità
Il ritorno del mare chiuso

Tra il 2009 e il 2010 centinaia di migranti africani furono intercettati nel canale di Sicilia e respinti in Libia. Una storia dimenticata e raccontata in un documentario. Leggi

Che c’è di vero nell’articolo di Marco Travaglio sulle ong 

Il direttore del Fatto parla di legami “acclarati” tra ong e trafficanti, di un milione di migranti pronti a partire dalla Libia e dell’obbligo dei soccorritori di distruggere i barconi. Leggi

I bambini sono la metà dei profughi nel mondo

I pensieri vanno alle immagini dei bambini arrestati e detenuti dalla polizia di frontiera statunitense. Avete il cuore spezzato. È il momento di fare qualcosa. Leggi

Ordini di stato

Forse non è colpa dell’assuefazione ma dell’autorizzazione. Non sono le troppe immagini di uomini, donne e bambini annegati a renderci sempre più insensibili. Leggi

Cos’è la protezione umanitaria e perché Salvini vuole ridurne l’uso

Cos’è la protezione umanitaria, cosa dice la circolare del ministero dell’interno e perché molti la criticano. Leggi

pubblicità
Le vite invisibili dei migranti

Samuel Gratacap racconta le storie dei migranti che ha incontrato in Tunisia, Libia e Italia, scegliendo uno stile a metà strada tra arte e documentario. Leggi

La vittoria di Helena Janeczek allo Strega va oltre la letteratura

Il successo dell’autrice di La ragazza con la Leica ci dice che l’Italia può cambiare, se solo lo desidera. Leggi

Il caos del mondo deve spingere i giornalisti a tornare sul campo

Dopo il 1989 il mondo sembrava più unito che mai. Ma oggi è diviso e non può essere analizzato con i vecchi strumenti, tanto meno a distanza. Leggi

Barcellona città rifugio per i migranti apre il porto a Open Arms

La sindaca Ada Colau e il fondatore di Open Arms Oscar Camps attaccano duramente la chiusura dei porti e le politiche europee dell’immigrazione. Leggi

Una guerra preventiva lungo il valico del Brennero

Lo scontro tra Germania e Austria sui centri per respingere i migranti dimostra che le destre europee sono in gara per rafforzare la propria immagine di fermezza e decisionismo. Leggi

pubblicità