El País

È un quotidiano spagnolo

Juan Errazquin, Berna, 1925

Quel giorno un ragazzo nato in Argentina e cresciuto nei Paesi Baschi scrisse la storia del calcio spagnolo. Ma la disgrazia era dietro l’angolo. Leggi

La violenza dell’esercito riporta indietro la Colombia

Massacri, violenze e una rete illegale di controllo di giornalisti e oppositori gettano molte ombre sui due anni di mandato del presidente Iván Duque. Leggi

pubblicità
In Messico il virus è un terremoto invisibile

I più colpiti sono i lavoratori dell’economia informale, trenta milioni di persone che non sanno come sopravvivere. Tra loro ci sono Margarita López e suo figlio. Leggi

Buenos Aires cerca di tenere in vita i suoi teatri

Gli abitanti della capitale argentina sono abituati ad andare a teatro nei momenti di crisi. Oggi non possono farlo, ma attori e registi stanno cercando soluzioni alternative. Leggi

In Spagna l’epidemia si diffonde più rapidamente che in Italia

Il numero delle vittime e la diffusione geografica del contagio crescono a un ritmo preoccupante, anche perché le misure d’isolamento sono state adottate in ritardo. Leggi

pubblicità
Chi ha inventato la televisione?

Quando avremo settant’anni ne avremo passati almeno dieci a guardare la tv. Eppure è forse un segno dei nostri tempi il fatto che non possiamo dare un nome alla persona che la inventò. Leggi

Agonia di una rivoluzione

A Cuba ci furono tentativi, speranze e ambizioni che non vanno dimenticati. Ma il sogno incarnato dall’arrivo al potere di Fidel Castro è finito. Al festival di Internazionale si parlerà della crisi delle rivoluzioni latinoamericane. Leggi

Una storia tra amici

Il giornalista statunitense Samuel Kramer chiede aiuto allo scrittore Juan Villoro per scrivere un articolo sulla violenza in Messico. Mentre sono in giro per la capitale, Kramer viene rapito e Villoro scopre un tradimento inaspettato. Dall’archivio di Internazionale. Leggi

Salvini e Le Pen preparano l’assalto all’Europa

I due leader estremisti si riuniscono a Roma e spiegano la loro visione delle riforme di cui l’Unione europea ha bisogno, accusando l’Europa di aver tradito i lavoratori a beneficio delle élite. Leggi

Cavallette a colazione

Ci dicono che è un punto di non ritorno, che le cose stanno così: che bisogna pensare a quali e a come, perché presto cominceremo a mangiare insetti. Leggi

pubblicità
Ho deciso in quale dio non credere

Non è solo questione di non credere in dio. Bisogna sapere bene in quale dio non credere. Tutto il resto è pigrizia e ipocrisia. Leggi

Mi presti il tuo trattore?

La sharing economy non vive di sola condivisione di auto e case. In India c’è un’applicazione che aiuta i piccoli agricoltori. Leggi

Ognuno di noi vive circondato da trecentomila oggetti

Abbiamo vissuto per millenni con poche cose davvero necessarie, ottenute a fatica, che conoscevamo e apprezzavamo. Adesso le cose non significano nulla. Leggi

Gene Sharp, lo scrittore contro i dittatori

Ha ispirato i serbi contro Slobodan Milošević, le ragazze e i ragazzi della primavera araba, gli ucraini. Pochi hanno avuto un’influenza così profonda e silenziosa. Leggi

Fare l’amore, una rivoluzione con altri mezzi

Fate l’amore non la guerra fu il motto più famoso del movimento hippie, nato contro una società puritana che taceva dell’amore ma urlava la patria e le sue guerrette. Leggi

pubblicità
Ho sognato di fare un lungo sonno

Il sonno è una strana frontiera: una terra incognita ma anche un’abilità da coltivare e curare. Leggi

Lo spettacolo del nostro cuore

Se potessimo assistere a quanto succede dentro di noi il fascino sarebbe completo e non saremmo più in grado di fare nulla. Leggi

L’uomo che salvò il mondo

Il 26 settembre 1983 Stanislav Petrov aveva il destino del mondo nelle sue mani. Se avesse seguito il protocollo, sarebbe scoppiata una guerra atomica. Leggi

La grande madre dell’Argentina e il parricida

Hebe de Bonafini, fondatrice delle Madri di plaza de Mayo, è stata per anni il volto più presentabile dell’Argentina. Finché la sua vicinanza al potere l’ha travolta. Leggi

Agosto è il mese più crudele

I nomi non sono solo nomi: racchiudono storie che, quando parliamo, evochiamo senza rendercene conto. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.