VIDEO
L’identità ribelle di Hong Kong

L’identità ribelle di Hong Kong

13 novembre 2019 10:12

“Forse agli occhi degli occidentali gli asiatici possono sembrare tutti uguali, ma basta leggere i nostri nomi per capire se una persona viene da Hong Kong o dalla Cina continentale”, dice nel video Roy Lee, portavoce della Societas linguistica hongkongensis. “Hong Kong è una città molto piccola, ma abbiamo uno stile e una cultura unici”, aggiunge Soni, chitarrista del gruppo GDJYB.

Nell’ex colonia britannica da mesi migliaia di persone manifestano contro l’autoritarismo di Pechino. La protesta è cominciata per contrastare una proposta di legge sull’estradizione verso la Cina continentale, presentata dall’esecutivo e poi ritirata. Oggi la lotta si è allargata: i manifestanti chiedono un’inchiesta indipendente sulle violenze della polizia, la liberazione degli attivisti, una riforma delle istituzioni e la revisione dei rapporti con Pechino. La protesta è diventata una lotta per il futuro della città, che rivendica una forte identità costruita sul multiculturalismo.

Il video di Marco Simoncelli e Davide Lemmi.

Guarda anche

Una ragazza di Hong Kong contro il governo cinese
Dopo esser stata arrestata a soli 14 anni durante una manifestazione nel 2014, una ragazza hongkonghese è diventata il simbolo delle proteste contro Pechino. Il video del Guardian.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.