• 01 Dic 2016 10.56

Con il referendum è tornata la politica

Giovanni De Mauro
01 dicembre 2016 10:56

Forse questo referendum non andava fatto così. Votando in blocco un insieme così vario di modifiche, finiremo inevitabilmente per votare su altro, Renzi sì o Renzi no, e non sulla riforma della costituzione. Forse bisognava suddividere il quesito in domande separate, per poter entrare davvero nel merito: anche tra i più convinti sostenitori dei due schieramenti, ci sono molti che ammettono di non essere né completamente d’accordo né completamente in disaccordo con l’insieme delle proposte di modifica su cui stiamo per andare a votare.

In ogni caso, una domanda da farsi è se la costituzione sia il vero problema, se sia urgente una sua riforma, e se cambiando la costituzione sia possibile risolvere tutti i guai che affliggono l’Italia. Forse oggi servirebbe altro, per esempio interventi radicali per il lavoro e l’occupazione, forti investimenti nella scuola, nella formazione e nella cultura, una seria lotta alla criminalità organizzata e a ogni forma di evasione fiscale, un impegno di lungo termine per l’ambiente. Se queste cose non si fanno, non è perché l’attuale carta costituzionale lo impedisca.

Nel frattempo, per tutte le persone convinte che comunque vada non sarà la fine del mondo, e che in ogni caso dal 5 dicembre bisognerà rimboccarsi le maniche, c’è solo una scelta che forse non si presta a nessuna manipolazione, che non può essere usata in modo strumentale forzando o aggirando le intenzioni di chi l’ha compiuta, ed è l’astensione. Non l’astensione di chi si disinteressa, bensì quella di chi non vuole essere costretto a votare sulla costituzione condizionato dalle minacce di Renzi o di Grillo.

La particolarità del referendum senza quorum la rende una scelta dal significato politico forte, perché è un’astensione che non mira a sabotare lo strumento referendario – dato che non ne impedisce la riuscita – ma a evitare che il risultato sia usato per fini che nulla hanno a che vedere con il merito del quesito (se l’affluenza dovesse essere bassa, sarà più difficile per Renzi o Grillo appropriarsi trionfalmente della vittoria).

Naturalmente l’astensione è solo una delle possibilità. Anche in questo giornale, come un po’ dappertutto, negli ultimi mesi si è discusso molto (per la cronaca, la redazione è divisa così: un terzo per il sì, un terzo per il no, un terzo non sa o non voterà). Erano anni che in giro per l’Italia non si discuteva di politica con tanta passione. È bello essere tornati a farlo. La speranza è che non si trasformi in un’occasione sprecata, ma sia l’inizio di una nuova consapevolezza collettiva.

Questa rubrica è stata pubblicata il 2 dicembre 2016 a pagina 9 di Internazionale con il titolo “Occasione”. Compra questo numero| Abbonati

pubblicità

Da non perdere

L’Italia al referendum. La nuova copertina di Internazionale
Il Passante di Bologna: una disavventura urbana
Il blues dei Rolling Stones e le altre canzoni per il weekend

In primo piano