Internazionale

domenica 21 settembre 2014 aggiornato alle 16.29

Opinioni »

Amira Hass

È una giornalista israeliana. Vive a Ramallah, in Cisgiordania, scrive per il quotidiano Ha'aretz e ha una rubrica su Internazionale.

La reputazione di Hamas

  • 19 novembre 2012
  • 10.53

Nell’operazione Piombo fuso del 2008-2009 l’esercito israeliano prese di mira fin dal primo giorno dei luoghi affollati, come i commissariati di polizia vicino alle scuole. Questa volta, invece, i militari stanno chiaramente cercando di evitare che il numero delle vittime palestinesi civili diventi troppo alto.

Questa considerazione di certo non consola le famiglie delle persone che sono morte e che sono rimaste ferite finora. Né allontana la paura che il bilancio possa aggravarsi. Anche se Israele non ha mai voluto ammettere la sua responsabilità per la morte dei civili durante l’operazione Piombo fuso, ora preferisce ridurre gli spettacoli cruenti. Queste scene di violenza, che non furono mostrate dalla tv israeliana a quei tempi, fecero però il giro del mondo, scatenando proteste senza precedenti.

Se, da una parte, dopo l’operazione Piombo fuso Israele sembra aver imparato la lezione sul piano militare e su quello della comunicazione, dall’altra non ha imparato la lezione politica: è ancora convinto che uccidere i capi politici e militari di Hamas possa servire a sconfiggere l’organizzazione.

Hamas è un movimento di massa e un’organizzazione dotata di istituzioni, leggi e disciplina interna. Diversamente da Al Fatah, non dipende da una figura carismatica o dalla personalità di un leader forte. La sua azione politica e i suoi dibattiti interni continuano ad andare avanti, anche se i suoi dirigenti vengono uccisi da un missile o da una bomba israeliana. Se avessero voluto, i politici israeliani avrebbero potuto imparare questa lezione molto tempo fa. Avrebbero anche potuto rendersi conto che attaccare indiscriminatamente la popolazione palestinese serve solo a renderla più unita dietro un unico capo, e a mettere a tacere il dissenso.

Gli abitanti di Gaza hanno molte ragioni per lamentarsi di Hamas, che si merita la sua reputazione di autorità oppressiva. Ma perfino gli oppositori di Hamas sono convinti che Israele non sia solo una potenza occupante, ma anche un aggressore. Quando l’attacco sarà finito, Hamas sarà ancora lì, probabilmente più forte di prima. Hamas sta facendo di tutto per provare che sa amministrare il suo territorio meglio di quanto faccia Al Fatah in Cisgiordania e che può ostacolare l’occupazione israeliana ‏(un concetto vago, che a volte si riferisce all’intero paese e a volte ai territori occupati nel 1967).

Per raggiungere questo obiettivo Hamas non si è preoccupato di trasformare la Striscia di Gaza in un pseudostato, aggravando la distanza politica e sociale con la Cisgiordania. Ma per Hamas i legami con il mondo arabo e musulmano sono più importanti di un corridoio territoriale che porta a Ramallah.

Nell’operazione Piombo fuso del 2008-2009 l’esercito israeliano prese di mira fin dal primo giorno dei luoghi affollati, come i commissariati di polizia vicino alle scuole. Questa volta, invece, i militari stanno chiaramente cercando di evitare che il numero delle vittime palestinesi civili diventi troppo alto.

Questa considerazione di certo non consola le famiglie delle persone che sono morte e che sono rimaste ferite finora. Né allontana la paura che il bilancio possa aggravarsi. Anche se Israele non ha mai voluto ammettere la sua responsabilità per la morte dei civili durante l’operazione Piombo fuso, ora preferisce ridurre gli spettacoli cruenti. Queste scene di violenza, che non furono mostrate dalla tv israeliana a quei tempi, fecero però il giro del mondo, scatenando proteste senza precedenti.

Se, da una parte, dopo l’operazione Piombo fuso Israele sembra aver imparato la lezione sul piano militare e su quello della comunicazione, dall’altra non ha imparato la lezione politica: è ancora convinto che uccidere i capi politici e militari di Hamas possa servire a sconfiggere l’organizzazione.

Hamas è un movimento di massa e un’organizzazione dotata di istituzioni, leggi e disciplina interna. Diversamente da Al Fatah, non dipende da una figura carismatica o dalla personalità di un leader forte. La sua azione politica e i suoi dibattiti interni continuano ad andare avanti, anche se i suoi dirigenti vengono uccisi da un missile o da una bomba israeliana. Se avessero voluto, i politici israeliani avrebbero potuto imparare questa lezione molto tempo fa. Avrebbero anche potuto rendersi conto che attaccare indiscriminatamente la popolazione palestinese serve solo a renderla più unita dietro un unico capo, e a mettere a tacere il dissenso.

Gli abitanti di Gaza hanno molte ragioni per lamentarsi di Hamas, che si merita la sua reputazione di autorità oppressiva. Ma perfino gli oppositori di Hamas sono convinti che Israele non sia solo una potenza occupante, ma anche un aggressore. Quando l’attacco sarà finito, Hamas sarà ancora lì, probabilmente più forte di prima. Hamas sta facendo di tutto per provare che sa amministrare il suo territorio meglio di quanto faccia Al Fatah in Cisgiordania e che può ostacolare l’occupazione israeliana ‏(un concetto vago, che a volte si riferisce all’intero paese e a volte ai territori occupati nel 1967).

Per raggiungere questo obiettivo Hamas non si è preoccupato di trasformare la Striscia di Gaza in un pseudostato, aggravando la distanza politica e sociale con la Cisgiordania. Ma per Hamas i legami con il mondo arabo e musulmano sono più importanti di un corridoio territoriale che porta a Ramallah.

  1. Precedente
  2. Successivo

Leggi anche

Commenti

In copertina

Tutto quello che non stiamo facendo contro l’ebola

Tutto quello che non stiamo facendo contro l'ebola

Gli articoli del New York Times e di Le Monde.

Articoli di

  1. Ala al Aswani
  2. Tito Boeri
  3. Ferdinando Boero
  4. Michael Braun
  5. Oliver Burkeman
  6. Pier Andrea Canei
  7. Martín Caparrós
  8. Manuel Castells
  9. Christian Caujolle
  10. Noam Chomsky
  11. Li Datong
  12. Giovanni De Mauro
  13. Tullio De Mauro
  14. Boubacar Boris Diop
  15. Louise Doughty
  16. Gwynne Dyer
  17. Doug Dyment
  18. Goffredo Fofi
  19. John Foot
  20. Keith Gessen
  21. Claudio Giunta
  22. Beppe Grillo
  23. Bernard Guetta
  24. Tim Harford
  25. Pierre Haski
  26. Amira Hass
  27. Leo Hickman
  28. Christopher Hitchens
  29. Nick Hornby
  30. Jason Horowitz
  31. Will Hutton
  32. Zuhair al Jezairy
  33. Tobias Jones
  34. Eric Jozsef
  35. Alex Kapranos
  36. Paul Kennedy
  37. Rami Khouri
  38. Elias Khoury
  39. Sivan Kotler
  40. Paul Krugman
  41. Gideon Levy
  42. Farhad Manjoo
  43. Lee Marshall
  44. Tomás Eloy Martínez
  45. Giuliano Milani
  46. Wu Ming
  47. Gerhard Mumelter
  48. Loretta Napoleoni
  49. Jonathan Nossiter
  50. Anahad O’Connor
  51. Laurie Penny
  52. Pia Pera
  53. Anna Politkovskaja
  54. Mark Porter
  55. David Randall
  56. Ahmed Rashid
  57. Philippe Ridet
  58. David Rieff
  59. Claudio Rossi Marcelli
  60. Arundhati Roy
  61. Olivier Roy
  62. Milana Runjic
  63. Elif Şafak
  64. Yoani Sánchez
  65. Dan Savage
  66. Andrew Sullivan
  67. James Surowiecki
  68. Annamaria Testa
  69. José I. Torreblanca
  70. Natalia Viana
  71. Juan Villoro
  72. Binyavanga Wainaina
  73. Tony Wheeler
  74. Slavoj Žižek
  75. Giulia Zoli