• 18 Ott 2016 15.15

Con i migranti di Calais che nessuno vuole ascoltare

18 ottobre 2016 15:15

Almeno diecimila persone vivono in condizioni precarie nell’accampamento di Calais, in Francia, in attesa di raggiungere il Regno Unito. Lo scorso settembre il governo francese ha annunciato che il campo autoorganizzato, chiamato la Giungla, sarà smantellato entro la fine del 2016 e che i migranti saranno ricollocati in 160 strutture distribuite in tutto il paese.

Il governo britannico ha dichiarato che faciliterà l’ingresso nel paese a un numero non precisato di minori non accompagnati. Il 17 ottobre i primi 14 minori che hanno una famiglia nel Regno Unito sono arrivati nella città di Croydon, che si trova vicino a Londra, grazie al ricongiungimento familiare. Secondo la Croce rossa vivono ancora nell’accampamento di Calais almeno mille minori non accompagnati.

La ministra dell’interno britannica Amber Rudd ha dichiarato che nel 2016 sono stati trasferiti dalla Francia 80 minori, grazie al ricongiungimento familiare previsto dal regolamento di Dublino.

pubblicità

Da non perdere

Il no ha vinto al referendum
L’Italia al referendum. La nuova copertina di Internazionale
L’Austria respinge il populismo e l’Italia entra in acque sconosciute

In primo piano