10 dicembre 2019 17:24

Come tradizione vuole, alla vigilia delle elezioni legislative britanniche, che si svolgeranno il 12 dicembre, arrivano puntuali gli endorsement dei grandi giornali: dichiarazioni di voto spiegate e argomentate in editoriali e commenti firmati a nome della redazione. E visto lo stato di grande confusione in cui il paese si trova da almeno un paio d’anni – con la Brexit ancora in bilico, una crisi costituzionale senza precedenti, legata ai meccanismi politici messi in moto dal referendum sull’uscita dall’Unione europea, maggioranze di governo fragili e litigiose, un parlamento incapace di esprimere una posizione maggioritaria sui temi più urgenti, e infine una polarizzazione che non si vedeva dai tempi di Margaret Thatcher – questa volta le sorprese non mancano. Soprattutto a sinistra.

Il New Statesman, per esempio, che nelle elezioni del 2017 e 2015 aveva sostenuto il Partito laburista, sceglie di non prendere posizione. “La campagna elettorale per queste importantissime elezioni ha dimostrato il vergognoso stato in cui si trova il nostro ultrafazioso sistema politico e mediatico. Entrambi i leder dei principali partiti, conservatore e laburista, sono estremamente impopolari e la loro integrità morale è compromessa da azioni o frequentazioni passate”, scrive il settimanale. “Il Labour ha il merito di aver offerto a un paese profondamente diviso e diseguale un programma coraggioso. Proposte come la Rivoluzione industriale verde, il rifiuto del trattato commerciale con gli Stati Uniti immaginato dal primo ministro conservatore Boris Johnson e la nazionalizzazione della banda larga, delle ferrovie e delle società idriche devono essere prese in seria considerazione. Sono infatti il risultato di un’ambizione e di una creatività troppo spesso assenti dalla politica britannica. (…) Ma il giudizio finale va dato sulla figura del leader, Jeremy Corbyn. La sua riluttanza a scusarsi per gli episodi di antisemitismo nel partito e la resistenza a prendere una posizione netta sulla Brexit, la questione oggi più importante per il paese, lo rendono inadatto a diventare primo ministro. (…) Alla vigilia di un nuovo decennio, c’è un forte bisogno di un’alternativa politica ed economica che al momento nessun partito offre”.

Dopo aver aspramente criticato le scelte di Boris Johnson, l’Observer non risparmia il Labour di Corbyn

Una posizione simile è quella dell’Observer, che aveva sostenuto i laburisti nel 2015 per poi limitarsi a consigliare un voto tattico in funzione anticonservatrice due anni dopo. Oggi il domenicale sceglie una linea analoga. Dopo aver aspramente criticato le scelte del primo ministro Johnson e la sua strategia elettorale, non risparmia il Labour di Corbyn: “Nella nostra democrazia, basata sul bipolarismo, cacciare Johnson da Downing street vuol dire quasi certamente che il primo ministro diventerà Jeremy Corbyn. E noi non abbiamo mai fatto mistero delle nostre riserve sul suo carattere e sulla sua capacità di guidare il paese. Il suo mandato alla guida del Labour è stato segnato da divisioni e faziosità. E l’abilità nel galvanizzare la base del partito non è stata accompagnata dalla capacità di ispirare fiducia al resto dell’elettorato. (…) Ma l’errore più grave è stato il modo in cui Corbyn ha gestito la crisi legata all’antisemitismo nel Labour”. L’editoriale si conclude comunque con una chiara indicazione: “Il prossimo giovedì gli elettori hanno la possibilità di togliere il potere a un pericoloso ciarlatano (Boris Johnson). Noi disprezziamo gli errori di Corbyn sull’antisemitismo; ricordiamo bene la complicità dei liberaldemocratici nelle politiche adottate dal governo di coalizione con i conservatori, al potere dal 2010 al 2015; e non siamo sostenitori della causa dell’indipendentismo scozzese o gallese. Tuttavia incoraggiamo i nostri lettori a usare la loro capacità di giudizio e a votare, secondo coscienza, per i candidati progressisti favorevoli a un secondo referendum sulla Brexit che nel loro collegio elettorale hanno più possibilità di negare a Boris Johnson la possibilità di infliggere un danno fatale al paese”.

La questione dell’antisemitismo è costata a Corbyn anche l’insolitamente dura presa di posizione del Jewish Chronicle, il settimanale ebraico pubblicato a Londra dalla metà dell’ottocento. “Il Jewish Chronicle non ha mai sostenuto un candidato o un partito alle elezioni. Siamo indipendenti e i nostri lettori sono abbastanza informati per fare le loro scelte. Ma in queste elezioni abbiamo un’idea precisa di chi non dovrebbe mai essere primo ministro.Per la nostra comunità c’è un imperativo prioritario: assicurarci che Jeremy Corbyn non diventi premier. Nei quattro anni alla guida del Labour ha iniettato il veleno dell’antisemitismo nella politica britannica. E ha trasformato il panorama del paese, decisamente in peggio”.

Un endorsement critico con il Partito laburista arriva invece dal Guardian. Dopo aver definito “oltraggioso” il comportamento di Boris Johnson sulla Brexit e aver sottolineato le conseguenze devastanti delle politiche di austerità dei conservatori, il quotidiano scrive che “il Labour oggi cerca di riparare ai danni fatti dai tory negli ultimi quarant’anni, da Margaret Thatcher in poi, e di rendere il Regno Unito più socialdemocratico. In questo modo lo stato del paese migliorerebbe. Ma il settarismo di Corbyn, la mancanza di una narrazione da offrire in campagna elettorale e la sua tendenza a fare promesse eccessive hanno reso più difficile convincere gli elettori che il suo programma sia realizzabile. Anche la sua impopolarità personale può essere un problema alle urne. E la testardaggine con cui ha gestito la crisi dell’antisemitismo ha indebolito il messaggio di speranza del partito. (…) Eppure il Labour rimane indispensabile se si vuole una politica progressista. (…) Nonostante i nostri dubbi, crediamo che un voto per i laburisti offra la migliore speranza al paese. Un governo a guida laburista sembra possibile solo con il sostegno dei partiti favorevoli a un secondo referendum sulla Brexit. (…) Questo vuol dire anche appoggiare i candidati che hanno la possibilità di sconfiggere i conservatori nei collegi dove il Labour non può vincere: quindi i nazionalisti scozzesi, quelli gallesi, i liberaldemocratici, i verdi e i candidati indipendenti ed europeisti. (…) Giovedì il paese ha l’opportunità di evitare una calamità, la Brexit, e di affrontare le ragioni che l’hanno determinata. Gli elettori devono coglierla al volo”.

Il male minore
Fedele al Partito laburista senza dubbi o riserve è invece il Daily Mirror, unico tabloid da sempre schierato a sinistra: “Le vecchie appartenenze di partito sono state spazzate via dalla Brexit, tanto che oggi tendiamo a definirci remainer o leaver più che laburisti, conservatori o liberaldemocratici. Ma ciò che giovedì prossimo dobbiamo tenere a mente è quello che un nuova maggioranza conservatrice rappresenterà per il futuro del paese. Non si tratta del fatto che il premier dica bugie e falsità nella vita pubblica e in quella privata, né del numero di figli che ha e nemmeno della sua affidabilità. Il punto è che dopo nove anni di austerità conservatrice in questo paese tutto è peggiorato: dagli ospedali alle scuole, dalle politiche sulla casa al trasporto pubblico, dall’assistenza sociale alla criminalità. Se i tory vinceranno anche stavolta, la situazione peggiorerà ancora. (…) Jeremy Corbyn, invece, assumerà più poliziotti, nazionalizzerà le aziende che forniscono i servizi essenziali e aumenterà i fondi per il Servizio sanitario nazionale del 4,3 per cento all’anno. Questo è quello di cui il paese ha bisogno, non i minimi ritocchi proposti dai tory”.

Dall’altro lato dello spettro politico, la spregiudicatezza e l’arroganza mostrate nella gestione della Brexit, unite alle posizioni da leaver irriducibile, hanno fatto perdere al primo ministro Johnson l’appoggio del Financial Times, che nel 2017 aveva sostenuto i conservatori, e dell’Economist, che negli uomini quindici anni aveva dato l’endorsement ai laburisti di Blair, ai conservatori e infine, nel 2017, ai liberaldemocratici. “Abbiamo sempre appoggiato la liberaldemocrazia, il libero scambio e l’economia di mercato”, scrive il Financial Times. “Il partito più distante dai nostri valori è il Labour di Corbyn. (…) In tempi normali questo ci porterebbe a votare i conservatori. Ma oggi non viviamo in tempi normali. E anche questi conservatori rappresentano un grosso rischio. (…) Il Regno Unito ha bisogno di spostare il baricentro della politica dagli estremi al centro. Ha bisogno di un parlamento pronto a mettersi alle spalle tre anni di guerra di trincea per trovare un accordo costruttivo. Ha bisogno di deputati aperti al mondo e favorevoli alle imprese, pronti a riconoscere che anche fuori dall’Unione europea il paese può – e deve – rimanere una forza europea aperta e liberale. È a questi candidati che il Financial Times dà il suo convinto sostegno”.

pubblicità

Analisi simile sull’Economist. Dopo aver bocciato le misure proposte nel programma laburista, il settimanale punta il dito contro Johnson, che “ha cacciato i moderati dal partito e ha accelerato la sua trasformazione da forza liberale, sotto il profilo sociale ed economico, in partito interventista in economia e culturalmente conservatore. (…) Per queste ragioni il nostro settimanale non può sostenere i conservatori. Tutto questo abbassa di molto l’asticella delle nostre aspettative, e gli unici a superarla oggi sono i liberaldemocratici”.

Un deciso endorsement per il premier Johnson arriva invece dal Daily Telegraph, convinto sostenitore dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea: “Alcuni sostenitori della permanenza del paese in Europa non riescono ad andare oltre la loro opposizione alla Brexit. Ma a tutti gli altri queste elezioni offrono la speranza di un rinnovamento della vita pubblica. Le aziende sono pronte a investire, e gran parte della popolazione vuole procedere nella direzione dello sviluppo di una solida economia post Brexit. L’unico modo per farlo è dare al paese una maggioranza conservatrice”.

Ancora più nette le indicazioni di voto del tabloid conservatore The Sun, espresse con un linguaggio allarmista, quasi apocalittico: “Jeremy Corbyn è l’uomo più pericoloso che si sia mai candidato alla guida del paese. È una minaccia mortale per la nostra economia, il lavoro e la sicurezza. E farà in modo che la Brexit per cui avete votato non sarà mai realizzata. Usate il vostro voto per fermarlo”.