Una scuola a Kano, in Nigeria, dove si studia il Corano, 2013. (Marco Gualazzini)

Storie dall’Africa

07 febbraio 2019 17:22

“Mi sono avvicinato al fotogiornalismo nella metà degli anni novanta. Erano gli anni del genocidio in Ruanda e i miei fotografi di riferimento, tra cui James Nachtwey e Gilles Peress, stavano raccontando gli effetti di quel conflitto”, racconta Marco Gualazzini.

Il fotoreporter italiano è andato per la prima volta in Africa nel 2009, prima nella Repubblica Democratica del Congo e poi in Etiopia. Successivamente è stato in Somalia, e ancora in Mali, Nigeria e Sud Sudan. Per più di dieci anni, Gualazzini ha documentato guerre, migrazioni e carestie. Nel nuovo reportage, realizzato nel 2018, ha raccontato la crisi umanitaria lungo il bacino del lago Ciad dovuta alla desertificazione.

Il suo lavoro è stato raccolto nel libro Resilient (Contrasto), dedicato ai reportage che Gualazzini ha scattato tra il 2009 e il 2018. Alcune delle foto del volume sono esposte alla galleria Forma Meravigli di Milano, fino al 24 marzo, nella mostra curata da Alessandra Mauro.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.