Attacco all’Ucraina

Vladimir Putin ha dato il via all’invasione: notizie e commenti dalla stampa internazionale.

NUOVE NOTIZIE
  • 25 Feb 2022 10.05

(Questo live blog è chiuso)

  • 24 Feb 2022 17.38
Un murale dedicato alla guerra in Ucraina a Binnish, in Siria. (Anas Alkharboutli, Picture-Alliance/Dpa/Ap/Lapresse)
pubblicità
  • 24 Feb 2022 16.35

La guerra di Putin sconvolgerà il mondo

Gli obiettivi precisi dell’esercito russo devono ancora emergere. Ma è già chiaro che non si tratta di un attacco limitato alle regioni dell’Ucraina orientale, scrive Gideon Rachman sul Finacial Times.

  • 24 Feb 2022 16.07

La Russia ha alzato la tensione anche con dei video falsi

Nelle settimane precedenti l’invasione, la Russia e i separatisti filo-russi erano stati accusati dagli Stati Uniti di diffondere dei video di propaganda falsi.

“Mosca ha una lunga esperienza in questo. Non sorprende”, ha detto al Guardian Elliot Higgins, fondatore del sito investigativo Bellingcat. “Quello che sorprende è che non sono migliorati nella fattura. In un certo senso sono peggiorati”.

In questi filmati vengono mostrate violenze e attacchi attribuiti all’esercito ucraino. In realtà, secondo Washington, sono delle “messe in scena” che servivano per accusare Kiev di sabotaggio e alzare la tensione nei confronti del paese tra i cittadini russi. Il video di Le Monde.

  • 24 Feb 2022 15.28

Più di cento firme contro la guerra raccolte tra scienziate e scienziati dell’Accademia delle scienze russa, giornalisti e giornaliste scientifiche

L’incipit della lettera pubblicata da Trv-Science:”Noi, scienziati e giornalisti scientifici russi, esprimiamo una forte protesta contro le ostilità lanciate dalle forze armate del nostro paese sul territorio dell’Ucraina. Questo passo fatale porta a enormi perdite umane e mina le basi del sistema consolidato di sicurezza internazionale. La responsabilità di scatenare una nuova guerra in Europa spetta interamente alla Russia. Non c’è una giustificazione razionale per questa guerra. I tentativi di usare la situazione nel Donbass come pretesto per lanciare un’operazione militare non ispirano alcuna fiducia. È chiaro che l’Ucraina non rappresenta una minaccia per la sicurezza del nostro paese. La guerra contro di essa è ingiusta e francamente insensata. L’Ucraina è stata e rimane un paese a noi vicino. Molti di noi hanno parenti, amici e colleghi scientifici che vivono in Ucraina. I nostri padri, nonni e bisnonni hanno combattuto insieme contro il nazismo”.

pubblicità
  • 24 Feb 2022 15.09

La polizia russa arresta chi espone cartelli contro la guerra.

“Singole persone che espongono cartelli come questo contro la guerra stanno spuntando nelle città di tutta la Russia. Non è molto, ma vengono arrestate quasi immediatamente. Ecco Sofya Rusova, copresidente del Sindacato dei giornalisti della Russia. Nel cartello c’è scritto ‘La guerra con l’Ucraina è la disgrazia della Russia’. Queste manifestazioni sembrano poca cosa, ma chi partecipa rischia l’arresto”, racconta il giornalista Kevin Rothrock, direttore di Meduza.

Una manifestazione contro la guerra a Novosibirsk.

  • 24 Feb 2022 15.07
Una manifestazione contro la guerra davanti all’ambasciata russa a Parigi. (Gonzalo Fuentes, Reuters/Contrasto)
  • 24 Feb 2022 14.46

Il punto alle 14.30

  • Nella notte tra il 23 e il 24 febbraio Vladimir Putin ha autorizzato le operazioni militari nell’est dell’Ucraina
  • Numerose esplosioni a Kiev e in altre città ucraine
  • Si segnalano incursioni russe dalla Bielorussia a nord e dalla Crimea a sud. Smentite le voci di un attacco a Odessa
  • Il governo ucraino ha dichiarato lo stato di emergenza, la legge marziale e ha rotto le relazioni diplomatiche con Mosca
  • Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha dichiarato che l’alleanza ha messo in stato di allerta cento aerei da guerra nei suoi territori orientali, ma non li dispiegherà in Ucraina. Un summit di emergenza è stato convocato per il 25 febbraio
  • Stati Uniti e Unione europea annunciano nuove sanzioni
  • Nel pomeriggio si riunisce il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per discutere una risoluzione nei confronti della Russia
  • 24 Feb 2022 13.44

Le parole del giornalista e premio Nobel per la pace Dmitrij Muratov

L’edizione del 25 febbraio del giornale indipendente russo Novaja Gazeta uscirà in due lingue, russo e ucraino. In un video condiviso sui social network, il direttore Dmitrij Muratov, premio Nobel per la pace, ha condannato l’invasione russa dell’Ucraina, esprimendo il senso di vergogna e il dolore provato da tutta la redazione: “Solo un movimento russo contro la guerra può salvare la vita su questo pianeta”, ha detto Muratov.

  • 24 Feb 2022 13.10

Le bandiere su Facebook non fermano i proiettili

Un commento dal sito bulgaro fakti.bg:

“Ci daremo una pacca sulla spalla e diremo che abbiamo usato tutti i mezzi diplomatici a nostra disposizione. Ma adesso l’Ucraina è sola. Come la Cecoslovacchia nel 1938 e la Polonia nel 1939. Metteremo la bandiera dell’Ucraina sulle nostre foto del profilo, ma le bandiere su Facebook non fermano i proiettili, né portano indietro i bambini uccisi. Davanti ai nostri occhi si sta consumando una tragedia. Durerà per settimane o mesi, e poi svanirà”.

pubblicità
  • 24 Feb 2022 12.11

Dalla Russia le voci che si oppongono alla guerra

Un post di Lilia Shevtsova, giornalista e politologa:

“Questa è una follia? Sì, follia. Non credevamo fosse possibile. Ci siamo nascosti dietro la speranza che tutto si sarebbe risolto. Dopotutto, anche logicamente, la guerra con l’Ucraina minerà il benessere e il futuro proprio di coloro che sono riusciti ad arrivare al vertice. Dopotutto, si condannano a essere trattati come lebbrosi! Dopotutto, non c’è un’inevitabilità in questa guerra! Abbiamo perso tempo scrivendo ciò che poteva e non poteva accadere. Nelle nostre previsioni, la guerra non era l’opzione principale. Si scopre che abbiamo sottovalutato ciò a cui portano la rabbia, l’odio e il piacere della vendetta. Non abbiamo capito dove porta la nostra indifferenza. Noi russi ora siamo tutti responsabili del sangue ucraino versato e della sofferenza ucraina”.

Un appello dei giornalisti russi

Una ventina di giornalisti russi di diverse testate giornalistiche ha firmato una lettera aperta in cui denunciano l’operazione militare in Ucraina. La lettera è apparsa sul canale Telegram della corrispondente del quotidiano Kommersant Elena Černenko.

“Noi, corrispondenti dei mezzi di comunicazione russi ed esperti che scriviamo sulla politica estera russa, condanniamo l’operazione militare lanciata dalla Federazione Russa in Ucraina. La guerra non è mai stata e non sarà mai un metodo per risolvere i conflitti e non c’è alcuna giustificazione per questo”.

  • 24 Feb 2022 11.49
Una coppia di statunitensi arriva a Medyka, in Polonia, al confine con l’Ucraina. (Bryan Woolston, Reuters/Contrasto)
Davanti a un negozio a Medyka, in Polonia, al confine con l’Ucraina. (Kacper Pempel, Reuters/Contrasto)
  • 24 Feb 2022 11.35

La prima pagina del New York Times

“La Russia attacca e Putin minaccia il mondo: Biden giura che lo riterrà responsabile”

  • 24 Feb 2022 10.53

Attacco all’Ucraina

Il mondo sta precipitando in un conflitto difficilmente risanabile e molto pericoloso, scrive Pierre Haski.

  • 24 Feb 2022 10.48

La reazione europea

L’intervento della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen: “Chiediamo alla Russia di mettere immediatamente fine alla violenza e di ritirare le sue truppe dal territorio dell’Ucraina. In queste ore buie, l’Unione europea è al fianco dell’Ucraina e della sua popolazione”.

pubblicità
  • 24 Feb 2022 10.46

Le immagini dalla capitale ucraina diffuse dalla Reuters.

  • 24 Feb 2022 10.46
  • Nella notte Vladimir Putin ha autorizzato le operazioni militari nell’est dell’Ucraina
  • Esplosioni a Kiev e in altre città ucraine
  • Il governo ucraino ha dichiarato lo stato di emergenza e rotto le relazioni diplomatiche con Mosca
  • Il 24 febbraio si riunisce il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per discutere una risoluzione nei confronti della Russia
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.