Foto di T. Narayan, Bloomberg/Getty

Il 31 ottobre la polizia di New Delhi ha perquisito la redazione e le case del direttore di The Wire. Il sito d’informazione, da sempre critico nei confronti del governo indiano, era in polemica da mesi con il Bjp, partito del primo ministro Narendra Modi (nella foto) a causa della pubblicazione di un’inchiesta. Il giornale aveva denunciato l’esistenza di un accordo segreto tra l’azienda statunitense Meta, proprietaria di Instagram e Facebook, e il Bjp per segnalare i post ostili. Le accuse, smentite dall’azienda, si sono rivelate false e The Wire ha ritirato l’articolo annunciando un’indagine interna.

Questo articolo è uscito sul numero 1486 di Internazionale, a pagina 36. Compra questo numero | Abbonati