L’università di Papua Nuova Guinea cancella l’anno accademico per le proteste degli studenti

07 luglio 2016 11:44

L’università di Papua Nuova Guinea cancella l’anno accademico per le proteste degli studenti. Da settimane i giovani dell’ateneo manifestano contro il governo e, in particolare, contro il primo ministro, accusato di corruzione. All’inizio di giugno una manifestazione è sfociata in violenze, con la polizia che ha sparato contro gli studenti, ferendone otto. Ma le proteste non si sono fermate, anzi hanno coinvolto altre università del paese.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Nella terra dei migranti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.