12 ottobre 2021 11:07

India
L’11 ottobre l’esercito ha annunciato che cinque soldati sono stati uccisi da presunti ribelli islamici, probabilmente infiltrati, durante “un’operazione di ricerca” sui monti vicino alla Linea di controllo che separa il Kashmir indiano dal Pakistan. Da più di trent’anni i ribelli si battono per l’indipendenza del Kashmir indiano o, in alternativa, per la sua annessione al Pakistan. Le tensioni si sono aggravate nell’agosto 2019, quando New Delhi ha revocato lo statuto di autonomia della regione.

Cina
Almeno quindici persone sono morte nelle alluvioni causate dalle forti piogge che negli ultimi giorni hanno colpito la provincia dello Shanxi, nel nord del paese (altre tre persone risultano disperse). Almeno 19mila case sono state distrutte. Gli allagamenti hanno spinto le autorità a chiudere temporaneamente decine di miniere di carbone.

Iraq
L’11 ottobre il governo ha annunciato che Sami Jasim al Jaburi, responsabile delle finanze del gruppo Stato islamico e ricercato dagli Stati Uniti, è stato arrestato dai servizi segreti iracheni nel corso di un’operazione all’estero. Secondo un alto funzionario dell’esercito, Al Jaburi sarebbe stato arrestato in Turchia. Era considerato molto vicino al leader del gruppo Abu Ibrahim al Hashimi al Qurashi.

Etiopia
L’11 ottobre i ribelli del Fronte popolare di liberazione del Tigrai (Tplf) hanno annunciato che la settimana scorsa l’esercito etiope ha lanciato “un’offensiva coordinata su tutti i fronti per cercare di riconquistare la regione”. Il conflitto, cominciato nel novembre 2020, ha causato migliaia di morti e una grave crisi umanitaria. Secondo le Nazioni Unite, 400mila persone hanno bisogno di aiuti alimentari urgenti.

Burkina Faso
Il processo ai quattordici presunti responsabili dell’assassinio nel 1987 del presidente Thomas Sankara, “padre della rivoluzione burkinabé”, si è aperto l’11 ottobre davanti al tribunale militare di Ouagadougou. Il principale imputato è Blaise Compaoré, che dopo il colpo di stato del 1987 ha assunto il potere guidando il paese fino al 2014. Le udienze sono state rinviate al 25 ottobre per permettere agli avvocati della difesa di studiare più a fondo “i ventimila elementi del dossier”.

Mozambico
L’11 ottobre il capo della polizia Bernardino Rafael ha annunciato che Mariano Nhongo, capo di una fazione dissidente del partito d’opposizione Renamo, è rimasto ucciso negli scontri con le forze di sicurezza nella provincia di Sofala, nell’est del paese. Nel 2019 Nhongo aveva respinto un accordo di pace tra il gruppo ribelle Renamo e il governo, fondando la Giunta militare Renamo per proseguire la lotta armata.