Come sappiamo che c’è da fidarsi?

29 maggio 2018 12:55

A pensarci bene, tutto il nostro intricato sistema di relazioni personali e tutto l’enormemente più intricato sistema di relazioni economiche e sociali in cui, volenti o nolenti, siamo immersi nell’intero corso delle nostre vite, si basano sulla fiducia.

Avere fiducia vuol dire essere decentemente certi che qualcosa o qualcuno, a prescindere dal nostro controllo, realizzerà nel futuro una nostra attuale aspettativa positiva, o che qualcosa o qualcuno abbia fatto o faccia adesso proprio ciò che in seguito sarà positivo per noi.

Tutto ciò si basa su pochi presupposti: che il qualcuno sia onesto, bendisposto e capace. Che il qualcosa sia funzionale, efficiente e non affetto da meccanismi avversi.

Uno stato d’animo complesso
Così, ci fidiamo di una prescrizione medica o del consiglio di una commessa (guardi, le sta benissimo!). Dell’orario dei treni (se no non ce ne staremmo lì, in stazione). Della banca in cui abbiamo aperto un conto corrente, o del cliente che si impegna a pagarci “60 giorni data fattura”.

Ci fidiamo del ristoratore che ci propone un piatto esotico. Dello sconosciuto camionista di tir che guida accanto a noi in autostrada. E dello sconosciuto ingegnere che ha progettato il ponte su cui stiamo per passare. Del politico che votiamo, delle sue promesse e delle sue valutazioni.

Ci fidiamo dell’azienda di ecommerce che ci spedirà proprio quello per cui abbiamo già pagato. Del figlio che ci assicura che rientrerà non più tardi dell’una di notte (no, dai, mi faccio una birra e torno), e dell’amore della nostra vita che giura di non tradirci mai. Di Wikipedia. O del blog che proclama di dirci tutte le verità che altri tacciono.

pubblicità

La fiducia è un’emozione. Uno stato d’animo complesso, per produrre il quale si combinano istinto e ragionamento, calcolo e intuizione, attesa e speranza, esperienze del passato (e anche del remoto passato infantile) e anticipazioni sul futuro. Quando abbiamo fiducia, ci sentiamo sereni, tranquilli e accettabilmente al riparo dai rischi.

Come tutte le emozioni, la fiducia che abbiamo è connessa con il nostro temperamento e il nostro carattere. E questo vuol dire che persone diverse, nella medesima situazione, potranno sentirsi diversamente fiduciose, diffidenti o sfiduciate.

È il nostro grado di fiducia ciò che ci motiva a fare (o a non fare) certe scelte e a compiere (o non compiere) certe azioni, e determina le nostre interazioni con gli altri e i nostri comportamenti.

La totale assenza di fiducia è, prima ancora che distruttiva, paralizzante

Qualche volta ci fidiamo sul serio. Qualche volta, ci tocca fare come se ci fidassimo perché non abbiamo alternative migliori: per esempio, per riuscire a chiedere un favore dobbiamo sentirci fiduciosi di poterlo ottenere. Qualche volta siamo fiduciosi a ragion veduta, e qualche altra del tutto a caso.

Sta di fatto che siamo neurologicamente predisposti a provare fiducia (il vero fondamento dell’attitudine a cooperare su cui si fonda la nostra vita sociale) e che quando proviamo fiducia il nostro cervello ci ricompensa e ci regala una gratificante sensazione soggettiva di benessere.

La totale assenza di fiducia è, prima ancora che distruttiva, paralizzante. L’unica via d’uscita dalla paralisi e dall’ansia a cui ci espone l’essere totalmente sfiduciati è spesso la più pericolosa: riporre nuova fiducia nel primo truffatore, mago, stregone, imbonitore che passa di lì, e che sa però farci quel sorriso che ci allarga nuovamente il cuore, quella promessa che ci fa intravedere un futuro migliore, proprio nel momento in cui ne abbiamo sommamente bisogno.

pubblicità

Ed eccoci al punto: nei confronti di chi e di che cosa siamo propensi a provare fiducia? I fattori in assoluto più importanti sono due: vicinanza ed empatia. Ci fidiamo più facilmente di chi o di ciò che sentiamo vicino, ben disposto nei nostri confronti, accudente, capace di capirci. In sostanza, ci fidiamo in primo luogo come un bambino piccolo può fidarsi della sua brava mamma.

In secondo luogo, tendiamo a fidarci di chi (e di ciò che) ci parla in modo comprensibile e coinvolgente, specie quando spiega argomenti di cui capiamo poco o nulla. In sostanza, tendiamo a fidarci come un ragazzino che dà retta a una sua brava maestra.

In terzo luogo, tendiamo a fidarci di chi ci appare onesto, autentico e trasparente. In sostanza, ci fidiamo come da adulti ci fideremmo di un vero amico. Una interessante conseguenza di tutto ciò è che dare fiducia significa anche rendersi aperti e vulnerabili come può esserlo un bambino o un ragazzino, o un adulto quando è in compagnia di un vero amico. L’altra conseguenza è che ogni tradimento della fiducia è una ferita vera, e assai dolorosa.

Le istituzioni carenti
Perché in questo elenco dei fattori che favoriscono la fiducia non ci sono competenza e affidabilità? Ovvio: quasi sempre non abbiamo né l’occasione, né il tempo, né gli strumenti necessari per verificarle sul serio. A farlo per noi dovrebbero essere le istituzioni, che però risultano carenti sui tre fattori che ho appena elencato. Risultato: delle istituzioni tendiamo a fidarci sempre meno.

Così, nella roulette dell’attribuire fiducia ci ritroviamo a puntare sempre più spesso sulle componenti istintuali e intuitive, a scapito di quelle di calcolo e di ragionamento. Con ciò, rischiando maggiormente di ritrovarci delusi, feriti, e ancora più propensi a dar retta al primo imbonitore che passa.

D’altra parte, se un’istituzione, un partito, un’azienda (o un singolo individuo) volesse ricostruire la fiducia appannata o perduta, non potrebbe far altro che ricominciare dai fattori elencati. Sono semplici da capire, ma per nulla facili da praticare. E sì, ci vuole comunque un sacco di pazienza, di dedizione e di tempo.

pubblicità

Articolo successivo

Dal Venezuela scappano sempre più persone