Annamaria Testa

Si occupa di creatività e comunicazione. Insegna alla Bocconi di Milano. Ha scritto La trama lucente (Rizzoli 2010). Cura il sito Nuovo e utile, teorie e pratiche della creatività.

Annamaria Testa
Dieci raccomandazioni per l’attivismo online

Il dibattito e il confronto (anzi, lo scontro) politico si sono spostati in rete. Ecco come farcene una ragione e migliorare il nostro attivismo online. Leggi

Senza avversari non c’è gara

Invece di puntare allo stesso obiettivo con forze diverse, tendiamo a identificare ogni concorrente con un rivale, ogni rivale con un nemico, ogni competizione con un conflitto. Leggi

pubblicità
Come sapere quanto probabilmente si vale

Con quanta oggettività e quanta precisione sappiamo valutare noi stessi? Per rispondere decentemente bisognerebbe essere in grado di valutare la propria capacità di autovalutazione. Leggi

Tanto peggio non è tanto meglio

Le dittature che hanno funestato l’Europa nella prima metà del secolo scorso si sono sviluppate in situazioni “tanto peggio”. Sarebbe meglio se riuscissimo sia a riconoscerne le tracce contemporanee, sia a difendercene. Leggi

Negare l’evidenza

Negando i problemi come collettività, e non solo individualmente, ci troviamo immersi in una realtà opaca e vischiosa, ansiogena e claustrofobica. Leggi

pubblicità
Cosa serve per fare un leader

Più le persone vogliono contare come individui, più sentono il bisogno di fare riferimento a un leader per contare ancora di più. Soprattutto in tempi di cambiamento come questi. Leggi

Una storia di altri tempi, oppure no

Questo è un racconto tratto da un documento storico. È il mio contributo alla raccolta intitolata Mariti. Il ricavato va a un centro a Varanasi, in India, per contrastare lo spaventoso fenomeno delle spose bambine. Leggi

Quanto vale la nostra attenzione

I social network e i mezzi di comunicazione vanno a caccia della nostra attenzione perché è scarsa e ha un valore. Allora bisogna pensarci bene prima di sprecarla su cose insignificanti. Leggi

Leggere un libro per tirare il fiato

Due fatti indipendenti tra loro, ma legati da un filo emotivo, fanno pensare che la lettura e una pausa dai social network possano restituirci senso e stabilità. Leggi

Travolti dalle informazioni

Più aumentano le informazioni e le decisioni da prendere, più crescono la fatica di analizzare e selezionare, il senso di inadeguatezza, l’indifferenza. Leggi

pubblicità
L’attenzione è una risorsa preziosa

L’attenzione determina, migliorandola, la qualità della nostra esperienza di vita. Se stiamo attenti, siamo in grado di capire, imparare, ricordare meglio. Leggi

Quando l’incompetenza è inconsapevole

Sapere che gli errori di giudizio esistono, coltivare il dubbio e mantenere una dose di equilibrio, realismo e umiltà ci aiuta a sbagliare un po’ meno. Leggi

Dieci tendenze da controllare per non diventare brutte persone

I nostri peggiori atteggiamenti hanno origini antiche. Con un piccolo sforzo però possiamo fare meglio, o meno peggio, ci ricorda il neuroscienziato Christian Jarrett. Leggi

Debilitati dal rancore

Capacità di visione e di progetto quasi a zero, forze esaurite, percezioni distorte. Il rapporto Censis disegna un’immagine degli italiani davvero poco confortante. Leggi

Il piacere dimenticato della conversazione

Ci si dovrebbe addestrare già da ragazzini. Magari imparando a rispettare la regola fondamentale dei turni di parola: quando tu parli io ascolto e viceversa. Leggi

pubblicità
Dov’è finito il rispetto

Sul rispetto reciproco si basano le relazioni interpersonali e la convivenza civile. Non è solo una questione di buone maniere, è una questione di sostanza. Leggi

La realtà fuori di noi e quella dentro di noi

Questo non è un articolo. Sono tanti articoli quanti siete voi che lo state leggendo. Nessuna intelligenza artificiale saprebbe fare altrettanto. Leggi

Il pellegrinaggio di due milioni di lettori alla fiera del libro di Algeri

Ogni anno un intero paese viaggia verso la capitale per procurarsi libri in arabo e in altre lingue. C’è un desiderio di lingua e scrittura italiana, che in parte resta insoddisfatto. Intervista con Paola Caridi. Leggi

In caso di conflitto, l’importante è salvare la faccia

I conflitti (tutti quanti: da quelli familiari a quelli internazionali) o vengono contenuti oppure peggiorano in maniera irreparabile, sfuggendo alla volontà e al controllo dei protagonisti. Leggi

Quando un conflitto va fuori controllo

Lo schema di Glasl è elementare: una discesa verso il disastro, in un succedersi di scontri che si fanno sempre più insensati, violenti e primitivi. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.