Annamaria Testa

Si occupa di creatività e comunicazione. Insegna alla Bocconi di Milano. Ha scritto La trama lucente (Rizzoli 2010). Cura il sito Nuovo e utile, teorie e pratiche della creatività.

Annamaria Testa
Costruirsi un passato nuovo di zecca a Taiyuan 

Andiamo a sudovest, alla ricerca di suggestioni dalla Cina del passato. Troveremo qualcosa di diverso da ciò che ci aspettiamo, e di più complesso e spiazzante. Leggi

Il cielo sopra Pechino

Ero stata a Pechino nel 2005. Era questa stessa stagione dell’anno, e allora la città mi era apparsa grigia, opprimente e inquinatissima. Il cielo azzurro è la prima novità che incontro. Leggi

pubblicità
Mosca si è fatta un lifting

Gli sposi cinesi sulla piazza Rossa, i simboli del lusso globalizzato e la glorificazione del passato: nella capitale russa tutto è cambiato. Leggi

A San Pietroburgo, cercando un ritmo

Viaggiare con un figlio millennial vuol dire disporre sempre di tutte le informazioni utili per muoversi bene in una città sconosciuta. Ma non solo: vuol dire viaggiare con uno che capirà sempre delle cose fondamentali prima di te. Leggi

Il viaggio prima del viaggio

Volevo fare a mio figlio un regalo che fosse importante, per sempre, impossibile da rovinare, da perdere o da rubare. Così, gli ho proposto di fare il giro del mondo, insieme. Ecco come ci siamo preparati. Leggi

pubblicità
Hong Kong, come si alza la marea

Come nasce una manifestazione a Hong Kong. Le immagini di una protesta dalla città asiatica che si ribella al potere di Pechino. Leggi

Pierino e il vaso cinese

Basta piazzarsi davanti alla tv per mettere insieme una serie di risposte preconfezionate da dare a chi ci chiede conto delle nostre responsabilità. Leggi

È sempre colpa di qualcun altro

La propensione dei leader ad attribuire colpe crea una cultura della paura, scoraggiando le persone dall’assumersi rischi e dall’imparare dai propri errori. Leggi

I discorsi d’odio non vanno sottovalutati

Mantenere un’attenzione costante e contrastare dichiarazioni e comportamenti ostili e discriminatori è un buon modo per evitare che le cose peggiorino. Per questo lo spot di Alitalia ha suscitato molta irritazione. Leggi

La reputazione è una faccenda complicata

La reputazione non è diventata importante solo a causa di internet e dei social network. Anche gli imperatori romani o i medici cinesi di epoca Tang dovettero farci i conti. Leggi

pubblicità
Il troppo è tossico

Esiste una quantità o una misura ottimale di tutto ciò di cui abbiamo bisogno, e di tutto quanto desideriamo e vorremmo procurarci. Leggi

Scontenti di essere riusciti

In qualche modo siamo tutti inseriti in un meccanismo infernale di illusioni e disillusioni. Per conviverci, restano l’umorismo e qualche pausa strategica. Leggi

Vietati gli abbracci, i bacioni, il buonsenso e le bandiere

Sono sempre più convinta che oggi il confronto politico si giochi sul presidio dei territori. E abbandonare a se stessi i simboli e i luoghi significa solo illudersi di preservare la propria virtuosa rettitudine. Leggi

C’è troppa gente troppo sola

La sensazione di solitudine oggi riguarda soprattutto chi ha più di 65 anni e meno di 25 anni. E l’Italia nel contesto europeo mostra la maggiore fragilità, che si ripercuote sulla sua democrazia. Leggi

Dieci raccomandazioni per l’attivismo online

Il dibattito e il confronto (anzi, lo scontro) politico si sono spostati in rete. Ecco come farcene una ragione e migliorare il nostro attivismo online. Leggi

pubblicità
Senza avversari non c’è gara

Invece di puntare allo stesso obiettivo con forze diverse, tendiamo a identificare ogni concorrente con un rivale, ogni rivale con un nemico, ogni competizione con un conflitto. Leggi

Come sapere quanto probabilmente si vale

Con quanta oggettività e quanta precisione sappiamo valutare noi stessi? Per rispondere decentemente bisognerebbe essere in grado di valutare la propria capacità di autovalutazione. Leggi

Tanto peggio non è tanto meglio

Le dittature che hanno funestato l’Europa nella prima metà del secolo scorso si sono sviluppate in situazioni “tanto peggio”. Sarebbe meglio se riuscissimo sia a riconoscerne le tracce contemporanee, sia a difendercene. Leggi

Negare l’evidenza

Negando i problemi come collettività, e non solo individualmente, ci troviamo immersi in una realtà opaca e vischiosa, ansiogena e claustrofobica. Leggi

Cosa serve per fare un leader

Più le persone vogliono contare come individui, più sentono il bisogno di fare riferimento a un leader per contare ancora di più. Soprattutto in tempi di cambiamento come questi. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.