Psicologia

Perché rimandiamo le cose importanti?

Non rimandate mai a domani quello che potete fare oggi, soprattutto se a trattenervi è la speranza di farlo meglio. Leggi

Un narcisista alla Casa Bianca

Evitare di parlare della sanità mentale di Donald Trump è rischioso per il pianeta. Leggi

pubblicità
Una vita senza rimpianti

Il tempo da passare su questa terra è breve, quindi è importante usarlo bene. Ma chiederci sempre se lo stiamo usando bene non è un modo di farlo. Leggi

Decisioni non lineari

Una decisione controintuitiva può cambiare le cose perché mette in crisi la logica stessa che regge il sistema e, con questo, spalanca una prospettiva nuova. Leggi

E se il razzismo fosse una mancanza di fantasia?

L’empatia richiede una certa ginnastica mentale. Rivolgerla a intere categorie di persone richiede capacità olimpiche, assenti nella maggior parte di noi. Leggi

pubblicità
Meditare allunga la vita

Una vita alla quale abbiamo prestato il doppio dell’attenzione dura veramente il doppio. Leggi

Chi l’ha detto che non c’è niente da ridere?

Proprio perché è meno facile del solito che una risata ci venga spontanea, forse dovremmo cominciare a coltivarle, le risate e le occasioni per ridere, come se si trattasse di un bene prezioso. Leggi

Come smettere di sentirsi insignificanti

Se il pianeta Terra fosse un essere umano avrebbe circa 40 anni, sarebbe cioè a metà della sua aspettativa di vita. Provate a considerarlo come una terapia dell’insignificanza: quando gli eventi nel mondo sembrano travolgerci, quale consolazione migliore potremmo avere se non quella di ricordarci che adottando una scala temporale diversa quella marea di eventi diventa indistinguibile dal nulla? Leggi

Per cambiare personalità basta la spinta giusta

Tendiamo a pensare che la strada verso la depravazione e la corruzione sia quella della china pericolosa: bastano pochi comportamenti immorali e le cose precipitano, e prima di accorgercene finiamo travolti. Ma una metafora più appropriata potrebbe essere quella della caduta da un precipizio. Leggi

La rabbia prolungata ci impedisce di reagire in modo efficace

Di questi tempi, essere arrabbiati con i politici tende a sostituire l’azione: è un’esperienza emotiva che crea assuefazione e ci illude che stiamo facendo qualcosa, mentre in realtà non è altro che un diversivo. Leggi

pubblicità
L’ipocrita ci disturba perché lancia falsi segnali virtuosi

Potremmo dire che odiamo le persone ipocrite perché predicano bene ma razzolano male, e che questo è un difetto morale, ma non mi sembra una spiegazione sufficiente. Leggi

Distinzioni categoriche

Classificare è un buon modo per strutturare il sapere, non solo dentro Wikipedia. Anche la nostra mente, che è assai laboriosa, classifica per categorie. Poiché non ha incorporato i redattori di Wikipedia, alla mente tocca costruirsi categorie a partire da concetti formulati in base all’esperienza. Leggi

Le parole possono distorcere la verità

Se dopo aver assistito a una rapina ci appuntiamo quello che abbiamo visto, rischiamo di averne un ricordo ancora più distorto che se non avessimo scritto nulla. Leggi

Una chiacchierata con persone sconosciute può farci bene

So che dicendolo rischio la revoca della mia cittadinanza britannica, ma mi è piaciuto molto come John Dunne ha reagito all’ostilità suscitata dal suo progetto. Ne ha ordinati il doppio, ha reclutato volontari disposti a indossarli, e si è gettato di nuovo nella mischia. Leggi

Come gestire il successo e l’insuccesso

“È come una sfida a ramino. Puoi vincere o perdere, ma quel che conta è la partita”, dice Dario Fo poco prima di morire. Un bel congedo, da parte di uno che ha sempre giocato le sue carte vincendo e perdendo, e restando capace di riderci sopra. Leggi

pubblicità
Le ricompense possono essere un’arma a doppio taglio

Negli esseri umani, e in certe condizioni, la ricompensa rinforza semplicemente la convinzione che il compito da svolgere non abbia alcun valore in se. Proietta tutto il piacere nel futuro, nel momento in cui si riceverà il premio, trasformando il presente in qualcosa di faticoso e noioso. Leggi

Come rendere utile la solitudine

Di questi tempi, nel mondo della psicologia si parla molto della solitudine. Ormai è argomento di così tante ricerche, articoli e conferenze che a volte vorremmo che sparisse chi la studia e ci lasciasse un po’ per conto nostro. Leggi

I consigli di Oliver Burkeman per trovare la felicità

“Se viviamo cercando di non sentirci stressati, ansiosi o tristi, non riusciremo a smettere di pensare alle emozioni negative. Il tentativo di diventare completamente sicuri e felici, spesso produce l’effetto opposto”. Intervista al giornalista britannico Oliver Burkeman. Leggi

A che serve lamentarsi?

Inveire contro le piccole cose che ci irritano è come disamorarsi del proprio partner e continuare a litigare senza scopo. È mai servito a qualcosa? Irritazione e lamentele si autoalimentano, possono dare una momentanea sensazione di catarsi, ma in genere peggiorano le cose. Leggi

Quando chiamiamo un call center, siamo tutti Daniel Blake

Prima ancora che il film cominci, lo spettatore consegna tutta la sua empatia al carpentiere Daniel Blake, intrappolato in un ingranaggio burocratico che lo considera non una persona ma una pratica da sbrigare. Blake non ha alcuna difesa: neppure la possibilità di protestare, o di spiegarsi. O, almeno, di essere ascoltato. Leggi

pubblicità