The New Yorker

È un periodico statunitense nato nel 1925 che pubblica reportage, commenti sociali e politici, critica, saggi, narrativa, satira, e vignette.

Un’altra sinistra in Cile

Gabriel Boric è disposto a dialogare con gli avversari politici per cambiare davvero il paese. Per questo è criticato, soprattutto dai suoi stessi alleati Leggi

La corsa spietata al cobalto

È un minerale essenziale per la produzione delle batterie che alimentano veicoli elettrici e telefoni. Quasi il 70 per cento del cobalto mondiale viene estratto nella Repubblica Democratica del Congo, in miniere di proprietà cinese Leggi

pubblicità
Il senso della vita

Tra i cinque sensi il tatto è il meno studiato, ma l’esperienza tattile è fondamentale. La pelle ci mette in rapporto con il mondo e con noi stessi. Dall’archivio di Internazionale. Leggi

Il senso del tempo

Le persone spesso non riescono a vivere pienamente il presente perché sono sospese tra i ricordi del passato e il pensiero del futuro. Trovare il giusto equilibrio permetterebbe di avere una vita più piena Leggi

Comincia l’era di Joe Biden

Nelle elezioni presidenziali del 3 novembre era in gioco la democrazia degli Stati Uniti. La democrazia ha vinto, ed è stato un grande sollievo, ma per il futuro presidente e la sua vice la strada è in salita. Leggi

pubblicità
Il virus svela i limiti e la pericolosità dei leader populisti

Bolsonaro in Brasile, López Obrador in Messico, Ortega in Nicaragua, Bukele in Salvador: i presidenti autoritari sono quelli che hanno gestito la pandemia nel modo peggiore. Leggi

L’uomo forte della Libia

Il generale libico Khalifa Haftar ha formato un suo esercito per salvare il paese dall’instabilità e dal terrorismo islamico. Ma molti lo accusano di voler diventare un nuovo Gheddafi. Dall’archivio di Internazionale. Leggi

I monumenti fascisti restano in piedi

Gli Stati Uniti e la Francia hanno avviato un processo di smantellamento dei ricordi di un passato controverso. E l’Italia? Leggi

Il nuovo zar

Dopo più di un decennio di cambiamenti, i russi hanno voglia di un paese normale. Anche a prezzo della libertà. E Vladimir Putin incarna le loro aspirazioni. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.