Lanci di pietre

13 febbraio 2018 17:34

Quando nella realtà si verificano crimini disgustosi a danno di innocenti e inermi, il nostro stentato incivilimento mostra crepe. Se siamo persone di buoni sentimenti, seguitiamo a tener fermo che siamo contro la pena di morte, ma se solo ci rilassiamo con libri e film di fantasiosa ferocia, la pena di morte ci sembra troppo poco.

Malgrado la nostra saggia adesione agli interventi atti a prevenire o rieducare, lo schema narrativo che fa godere di più il nostro fondo belluino è il seguente: chi violenta deve essere violentato, chi brucia deve essere bruciato, chi massacra deve essere massacrato. Noi vogliamo che l’eroe batta i criminali nel modo più criminale, sennò il finale ci pare fiacco. Che audience può avere, per esempio, di questi tempi, la conclusione dell’episodio dell’adultera nel Vangelo di Giovanni (8, 1-59)? Gesù salva la donna dicendo: “Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra”.

Ma il nazareno crede davvero di aver sistemato la questione suggerendo ai lapidatori un esame di coscienza? Si veda cosa succede nei versetti seguenti. Lui riprende a discutere con parole fini, i presenti non ce la fanno a stargli dietro e cosa succede? Raccattano pietre per tirargliele. No, il Vangelo è troppo deprimente. C’è un angolino dove restiamo più belve delle belve, e lì si gode solo se i lapidatori sono lapidati, se chi mette in croce finisce in croce.

Questa rubrica è stata pubblicata il 9 febbraio 2018 a pagina 12 di Internazionale. Compra questo numero | Abbonati

pubblicità

Articolo successivo

Dal Venezuela scappano sempre più persone