Domenico Starnone

È uno scrittore italiano. Il suo ultimo romanzo è Lacci (Einaudi 2014). 

Domenico Starnone
Capre, cavoli e lupi

Di Maio, voce di un foltissimo movimento di sinisdestra, ha pronunciato una frase fino a qualche tempo fa politicamente folle: con la Lega o con il Pd, noi faremo comunque un bel contratto di governo. Leggi

La terra di nessuno

Si è discusso di centro, sui giornali. È sparito il centro? O s’è dilatato fino a coincidere con l’intero spazio politico? Leggi

pubblicità
La custodia dell’anima

In questo mondo ipertecnologico da venire – un po’ Egitto dei faraoni, un po’ medioevo cristiano – è dato per acquisito che conti solo la “vera morte”, quella dell’anima. Leggi

Prima di partire

Dell’emigrato ci preoccupa l’arrivo e raramente ci sforziamo di immaginare quanto è stata tormentosa la decisione della partenza. Leggi

Risposte educate

Basta un po’ di autoanalisi e si scopre che, perfino quando abbiamo un caratteraccio, dire sì ci risulta più facile che dire no. Leggi

pubblicità
Poche chiacchiere

In passato i politici nei guai a volte prendevano la parola e facevano memorabili discorsi oscuramente minacciosi. Leggi

L’isola affollata

Davanti a episodi gravi ci piace pensare che siano casi isolati. L’unico problema è che così la coscienza diventa sempre meno vigile. Leggi

Lanci di pietre

Quando nella realtà si verificano crimini disgustosi a danno di innocenti e inermi, il nostro stentato incivilimento mostra crepe. Leggi

Fuori uso

L’obsolescenza programmata – formula di discreta divulgazione grazie ai discussi iPhone – è per gli anziani una piccola vittoria. Leggi

I vecchi alleati

La campagna elettorale, a tratti, si spaccia ancora per un paesaggio campestre con pastori e pastorelle che zufolano per richiamare il gregge all’ovile giusto. Leggi

pubblicità
La lezione più terribile

Giornali e telegiornali ci raccontano che i ragazzini giocano con la vita degli altri e con la propria. Leggi

A colpi di attributi

Forse dovremmo evitare, negli scambi di ogni giorno, le espressioni che impongono subitanee, angosciose verifiche negli slip e nei boxer. Leggi

Passare oltre

Che locuzione interessante è “far finta di nulla”. Tira in ballo due paroline sicuramente non da poco: la finzione e il niente. Leggi

Orazioni di fine anno

Riepilogare rasserena. Questo fine dicembre saremo al solito subissati da riepiloghi mediatici. Leggi

Più a destra del papa

Diciamolo ancora una volta: Bergoglio è una seccatura non solo per il centrodestra ma anche per i politici di centrosinistra. Leggi

pubblicità
Lussi borghesi

Insomma le masse, le masse. Perché non si agitano, perché tacciono? In giro si vede a malapena qualche minuscola avanguardia. Leggi

La soluzione della zip

L’ipotesi etimologica più suggestiva è che la parola sesso derivi dal latino secare, tagliare. Leggi

Fuori dalla giostra

Si può dire a una forza politica come i cinquestelle: grazie per aver fatto da argine al fascismo, bravi, adesso però diventate persone serie? Leggi

Un bersaglio di comodo

La nostra vecchissima istituzione scolastica, privata del suo modo di punire e premiare, fa sempre più fatica a stare in piedi. Leggi

Stracci colorati

Con le nazioni non si sa come metterla. Un giorno diciamo che si sono indebolite, il giorno seguente che sono più robuste che mai. Leggi

pubblicità