Kitsch arcade

27 marzo 2019 17:15

1. Mauro Ottolini, La reina de las conchas
Conchiglie, loop, sassi e fischietti di Matera, strumenti sardi costruiti con zucche e canne di bambù, campanelli di bicicletta, acqua di rubinetto su piatti di metallo e bicchieri rotti. Sono gli strumenti che Ottolini, scienziato pazzo della buona musica, usa per l’album Music for sea shells, che trasmette la sua energia ecologista. Il pezzo più orecchiabile è questa gentile salsa da cartone animato con Vanessa Tagliabue Yorke alla voce (in spagnolo). Altrove, tra paguri e didgeridoo, compare anche Vinicio Capossela, ed è come uno SpongeBob per musicofili.


2. Noa, No baby
La cantante israeliana nel nuovo album Letters to Bach omaggia Johann Sebastian prendendo dodici composizioni eterne, cantando e anche strapazzandole un po’ con piglio jazz perché “life’s a song that we are playin”, come canta qui nell’adattamento-apripista della Badinerie (house music del settecento) dalla Suite n° 2 in si minore. Operazione simpatica, non tanto per la produzione impeccabile di Quincy Jones o per gli arrangiamenti di Gil Dor, ma perché sa far trasparire un senso di gioco e prevalere il cuore sul virtuosismo, per Bach!


3. Arcade Fire, Baby mine
E poi c’è Dumbo. Kitschate miliardarie con un cuore. Siamo messi a dura prova dall’elefantino Disney, che torna per la regia di Tim Burton. Win Butler, chiamato con la sua premiata banda indie-canadese a fare la canzone per i titoli di coda, ne fa un affare di famiglia: la moglie Régine Chassagne canta e suona la batteria, il fratello William eroga il suono del theremin (entrambi sono titolari nella band). Poi c’è il figlio al triangolo, la mamma all’arpa e il Sonovox del nonno. E suona un po’ come Mind games di John- Lennon, nonno onorario.


Questo articolo è uscito nel numero 1299 di Internazionale. Compra questo numero|Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.