Musica

Il trucco degli War On Drugs funziona sempre

The War On Drugs, I don’t live here anymore
Non si capisce come, ma ogni volta ci riescono. Gli War On Drugs sono capaci di rendere la nostalgia credibile, di far suonare attuale musica che dovrebbe sapere solo di stantio. Alla band di Adam Granduciel questo trucchetto riesce ormai da troppo tempo (dal loro disco d’esordio nel 2008) per essere un caso. Granduciel, oltre a essere un ottimo autore di canzoni, sa sfruttare bene le potenzialità dello studio di registrazione, e ragiona come un produttore.

Per esempio il lavoro che la band di Philadelphia fa sulle chitarre, che suonano sempre calde e stratificate, è notevole. Prendete l’arpeggio che apre l’ultimo singolo I don’t live here anymore. Sembra di averlo sentito già cento volte, eppure funziona, ti trascina dentro al pezzo fin da subito. Anche il testo del brano, come spesso capita, è pieno di citazioni. Già nel primo verso Granduciel si definisce “A creature void of form”, una creature senza forma. È un passaggio preso pari pari da Shelter from the storm, un brano di Bob Dylan pubblicato sul capolavoro del 1975 Blood on the tracks. E in seguito, rievocando quella che sembra una vecchia storia d’amore, il cantante ricorda un vecchio concerto di Bob Dylan dove con la sua ragazza aveva ballato sulle note di Desolation row.

Il suono di I don’t live here anymore, però, più che dylaniano è springsteeniano (un’altra grande passione degli War On Drugs): ha un incedere marziale, una batteria che più anni ottanta non si può e un piglio da stadio che forse non era mai stato così esplicito nella musica della band. Il coro finale, registrato con l’aiuto della band pop newyorchese Lucius, conferma quest’impressione. Il nuovo disco del gruppo uscirà il 29 ottobre. Prepariamoci a un bel ripasso della storia del rock. Leggi

Spatriati

In viaggio tra paesi, Appennini, ecosistemi, camerette, scantinati e strade si incontrano artisti che dimostrano come ci sia vita oltre la trap. Leggi

pubblicità
Beccato!

La giovane Kelis, con l’aiuto dei Neptunes, s’arrabbia tantissimo con il suo uomo fedifrago. Leggi

Il culto dei Whipping Boy

Il secondo album della band irlandese non ha avuto successo ma oggi è oggetto di culto. Leggi

Suoni del 1984

Con gli Eurythmics un po’ al cinema e un po’ no. Leggi

pubblicità
Senza capirci niente

Che sollievo ascoltare un disco e non sapere tutto, che sollievo non condividere una lingua e farsi grattare i nervi come faceva la trap agli inizi. Leggi

Cole Porter ai tempi dell’hiv

Red hot + blue non è stato solo un album benefico ma un atto di attivismo e di coraggio. Leggi

Little Simz è introversa, ma ambiziosa

Intervista alla rapper londinese, che presenta il nuovo album Sometimes I might be introvert. Leggi

Marmotta in francese

Per tutti gli appassionati di Ricomincio da capo. Leggi

Normale è noioso

Se le premesse sono queste, Everything burns di Francesca Morello, in arte R.Y.F., sarà uno dei dischi più vivi e sensati del prossimo autunno. Leggi

pubblicità
Le favole nere dei Belly

Tanya Donelly, tra grunge e realismo magico. Leggi

Dalla psichedelia al soul

Con gli indistruttibili Sharon Jones & The Dap-Kings. Leggi

Il carnevale dei Gorillaz

In tempi di pandemia e distanziamento, Damon Albarn ha scelto di dedicare un disco a uno dei più grandi festival di strada del mondo. Leggi

L’oggetto dell’amore

Una band svedese degli anni duemila tra Morrissey e Bob Dylan. Leggi

Con calma

Un pezzo tranquillo dei Kings of Convenience. Leggi

pubblicità
Musica ovunque

Capita di trovare dei dischi dove non devono stare. Nel reparto musicale di un locale di Brooklyn nella sezione Punk/Rock ho trovato Sabato pomeriggio di Claudio Baglioni. Leggi

Kylie Minogue, principessa impossibile

L’insuccesso che ha regalato la longevità alla popstar australiana. Leggi

La capitale europea del vinile

Garth Cartwright e Quintina Valero ci guidano in un viaggio tra i negozi di dischi a Londra. Leggi

Al nuovo album di Lorde manca qualcosa

Lorde non ha disimparato a scrivere canzoni. Ma stavolta non riesce mai ad affondare il colpo. Leggi

L’invincibile estate di k.d. lang

L’album estivo di una cantante canadese in California. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.