Pier Andrea Canei

È un giornalista italiano-austriaco. Lavora a Style, il mensile del Corriere della Sera, e collabora con La Lettura e Io Donna. Scrive la rubrica “Playlist” per Internazionale

Pier Andrea Canei
Heavy Japan

Due streghette di Osaka, l’ultimo lone ranger del rock statunitense, gli sbandieratori di speed e saporiti pastiche. Leggi

Paris Cotechiño

Flusso di coscienza lungo i grands boulevards, le tappe di un world tour di Marco Polo, elaborazione del lutto da fine Mondiali. Leggi

pubblicità
Exotica Tubinga

Una colonna sonora black roots, un’eterea fanciulla berlinese e due fantasisti francesi. Leggi

Siesta sublime

La voglia di far uscire il jazz dalla teca, un uomo che flirta con il sublime, un sospiro per le alcove. Leggi

Vita agritour

Un allettante rondò bucolico, la frenesia della primavera, la campagna come campo di battaglia. Leggi

pubblicità
Babel skaters

Lo slang tecnico dei tricks, un trip polifonico nell’idioglossia e un mondo multilingue colorato di tango e Napoli. Leggi

Marranzanu nostrum

Una canzone per l’età della Aquarius, Due fiorentini a Rio e il ritorno dello scacciapensieri. Leggi

Disco Pagliarani

I concetti rétro trasgressivi di La Badante, Edoardo Bennato ospite dei Mujura, la segretaria di un’azienda di meccanica secondo i Mala. Leggi

Collettivo anisetta

Un cantautore che gioca con Faber, Van Morrison & Joey DeFrancesco, una storica crew di dj dediti all’arte del turntablism. Leggi

Hotline zufolo

Dal Mali una nuova voce africana nel mondo, dal Galles una voce bianca ma bluesy, dall’Italia un fischio melodico. Leggi

pubblicità
Dark social

La rapper rivelazione del Connecticut, post rock rumorista da Cisterna di Latina, la leggenda di Chico Buarque. Leggi

Banane e peana

L’America di Gambino, la italo disco e il più tropicalista dei cantautori d’Italia. Leggi

Trap bricolage

La più hiphop delle milanesi, un rapper romano riflessivo e una band bolognese che farcisce di elettronica la propria vena romantica. Leggi

Sympathy for Samarcanda

Dal New Mexico arriva una musica da mercanti di stoffe bulgari, da Roma la risposta italiana ai Black Keys, da Napoli un neo-folk-dark. Leggi

Cantastorie calling

Dalla smorfia nonchalant di Motta al grassroots blues siculo di Eleonora Bordonaro, la playlist della settimana. Leggi

pubblicità
Donne e vudù

Il creolo di Mélissa Laveaux, l’organo a canne di Carlot-ta e la suspense di Rachele Bastreghi. Leggi

Ius Clash

I nuovi italiani di Punkreas, l’alfabeto illustrato di Ferraniacolor e i Johnny Clash di Bologna: tre canzoni da ascoltare. Leggi

Analog Ghana

Gospel ghanese, sound genovese e un’elettronica pop: tre proposte musicali. Leggi

Mali maschili

Ogni tanto ci sono canzoni giuste che spuntano al momento giusto. Leggi

Soviet sociopatici

Spirito del 1977, parole del leader situazionista Gandalf il Viola: time capsule dell’epoca tramandata ai posteri per vie elettroniche e trip hop. Leggi

pubblicità