Sommario

C’era una volta la sinistra italiana

Troppo debole, moderata, pronta a scendere a compromessi. La sinistra ha perso contatto con la società. E ha dilapidato un’eredità politica straordinaria, scrive Perry Anderson

793 (1/7 maggio 2009)
793 (1/7 maggio 2009)

Segni

Negli anni settanta la Nasa ebbe l’idea di mettere a bordo di due sonde spaziali una placca con un messaggio indirizzato a un’intelligenza aliena. Vi erano incisi alcuni segni confusi – incomprensibili perfino a un essere umano molto intelligente – accanto al profilo stilizzato di un uomo e una donna nudi. Se si volesse compiere un esperimento simile, e raccontare l’immobilismo italiano a degli extraterrestri stranamente appassionati alle vicende politiche di casa nostra, basterebbe mettere a bordo di una sonda le foto di gruppo degli ultimi G8 che si sono svolti in Italia. A quello di Napoli del 1994 c’erano Clinton, Major, Mitterrand, Kohl, Eltsin, il canadese Chrétien, il giapponese Murayama e Berlusconi. Al G8 di Genova del 2001 c’erano Bush, Blair, Chirac, Schröder, Putin, Chrétien, Koizumi e Berlusconi. Al prossimo G8 che si svolgerà all’inizio di luglio all’Aquila ci saranno Obama, Brown, Sarkozy, Merkel, Harper, Aso. E naturalmente Berlusconi. Leggi

In copertina

La sinistra invertebrata

Troppo deboli, moderati, pronti a scendere a compromessi. Il Pci e i suoi eredi hanno perso contatto con la società. E hanno dilapidato un’eredità politica straordinaria, scrive lo storico inglese Perry Anderson

Attualità

Il virus messicano

Le strade e i locali di Città del Messico sono vuoti. La gente è rinchiusa in casa per paura dell’influenza suina. Il reportage del giornalista messicano Yaotzin Botello

Attualità

Tutte le domande sull’influenza suina

Da dove vengono i geni del virus che si è sviluppato in Messico. Come proteggersi dal contagio. Cos’è il livello d’allarme dell’Oms. Alcune informazioni utili

Visti dagli altri

La Cenerentola d’Europa

Lo sviluppo urbanistico di Milano è fermo da decenni. Ma con l’Expo qualcosa comincia a muoversi. Il Financial Times cerca di capire quale sarà il futuro della città

Sudafrica

Un re povero in Sudafrica

In campagna elettorale il leader dell’Anc Jacob Zuma si è presentato come il paladino dei neri più poveri. Che ora si aspettano molto dal nuovo presidente sudafricano

Perù

Cucina d’evasione

Nella prigione di Castro Castro, a Lima, un detenuto ha aperto un ristorante di lusso. Dove ex ministri, narcotrafficanti e assassini mangiano e ricevono gli avvocati

Reportage

Linee d’ombra in Mauritania

Il presidente eletto è al confino. Il militare che l’ha cacciato dal potere si presenta alle elezioni di giugno. Per entrambi è vitale l’appoggio di Washington. Che per ora resta a guardare

Scienza

Per amore dei soldi

Spesso con i soldi ci comportiamo in modo irrazionale. C’è chi li accumula in modo ossessivo e chi li spende anche se non può. Gli psicologi cercano di capire perché

Ritratti

Steve Sweetman. Sulle orme dei dinosauri

Ha cominciato a fare il paleontologo otto anni fa. E ha già scoperto 48 nuove specie preistoriche setacciando meticolosamente le coste dell’isola di Wight

Viaggi

Cocktail vietnamita

Una sosta al gigantesco mausoleo dedicato a Ho Chi Minh, prima di godersi gli splendidi panorami della valle di Mai Chau

Idee

Lo zio pioniere

Nel 1928 ad Haiti uscì un testo chiave della negritudine. Che combatteva le idee difese ancora oggi dal presidente francese Nicolas Sarkozy

Cultura

Chi risponde alla posta dei fan

Una volta lo facevano gli studios, per valutare la popolarità di una star. Ora esistono agenzie specializzate, ma non tutte le celebrità ricorrono ai loro servizi

Graphic journalism

Cartoline da Città del Capo

Un fumetto di Joseph Daly

Economia e lavoro

Meno soldi per il volontariato

Scienza e tecnologia

Le stelle tra la polvere

Africa e Medio Oriente

Armenia e Turchia, prove di distensione

Americhe

L’Ecuador nelle mani di Rafael Correa

Asia e Pacifico

Islamabad abbandona il paese ai taliban

Europa

L’Islanda al voto sceglie la sinistra

Blog

Conti in rosso per YouTube

Nel 2009 potrebbe perdere 470 milioni di dollari. Perché i contenuti degli utenti hanno un costo di gestione alto e non generano nessun profitto

Portfolio

Omicidio bianco

Le foto di Massimo Mastrorillo

Opinioni

Pandemia economica

Non entro nel tunnel

È vero, ci sono tunnel che arrivano fino a 35 metri. Ma non cedo. Leggi

Opinioni

Le valigie di Jorgito

Opinioni

Chi vincerà in Tibet

Opinioni

Il cappuccino di Zuma

Opinioni

Viaggio d’affari con tracolla

Opinioni

Cina, analfabeti e universitari

Opinioni

La Milano di Stajano

Opinioni

Salsa verde

Opinioni

0,7

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.