Giuliano Milani

Insegna storia medievale all’Université Gustave Eiffel Paris Est. Il suo ultimo libro è L’uomo con la borsa al collo (Viella 2017).

Giuliano Milani
Il sentimento delle vittime

Da quando è uscito, La familia grande è diventato rapidamente il libro più venduto in Francia, provocando da un lato un movimento di liberazione della parola delle vittime di incesto, dall’altro un’ondata di dimissioni. Leggi

Il re dei pirati

L’ultimo libro di David Graeber è davvero una piccola ma utilissima sintesi del suo modo di intendere la ricerca. Leggi

pubblicità
La crisi irreversibile

Secondo il giornalista israeliano Nadav Eyal c’è un filo rosso che lega fenomeni che siamo abituati a considerare lontani tra loro. Leggi

Evitare le bufale

Il libro di Naomi Oreskes, una storica della scienza di Harvard, spiega perché al punto in cui siamo è bene continuare a fidarsi della scienza. Leggi

Prima di tutto terrestri

Un libro appassionante, scritto da un professore di comunicazione scientifica britannico, rivaluta lo studio della geografia fisica, perché nel nostro pianeta dimensione fisica e umana sono strettamente collegate. Leggi

pubblicità
Italiani al bivio

Il risorgimento, il regime fascista, la sua caduta, il ruolo della memoria: cinque saggi di Claudio Pavone per capire la continuità e la discontinuità della storia. Leggi

L’abbondanza perduta

Per immaginare un nuovo modello economico, può essere utile tornare a leggere il libro che una cinquantina d’anni fa mise drasticamente in discussione che un progresso ci fosse effettivamente stato. Leggi

Donne, desiderio e pandemia

L’ultimo libro che ha pubblicato Mario Lavagetto, un anno prima di morire, è un affondo nel Decameron di Giovanni Boccaccio, a cui restituisce il carattere dirompente e cosparso di figure femminili. Leggi

L’inquietudine della valle

Anna Wiener racconta in questo memoir asciutto e ricco il mondo dei cinque colossi del digitale e dei tanti satelliti che gli girano intorno. Leggi

Eppur si ferma!

Di tutta la letteratura apparsa e rapidamente sparita durante la pandemia si possono salvare due articoli di Bruno Latour. Per rifare la storia del mondo. Leggi

pubblicità
Cancelli, cancellini e cancelletti

Dalla catastrofe del primo lockdown, quando non c’è stato tempo per discutere e tutto doveva chiudere, nascono le riflessioni raccolte in questo libro, utili per evitare danni irreversibili, e ripensare il modo in cui s’insegna e s’impara. Leggi

Raccontarsela

Fin dalla nascita abbiamo bisogno di storie: per interpretare i segnali che riceviamo, per capire quello che ci accade, semplicemente per vivere. Will Storr prova a capire come farle funzionare. Leggi

Radicali a Chicago

Di fronte al sorprendente aumento della partecipazione rivelato dalle ultime elezioni statunitensi, diventa interessante scoprire le idee dell’attivista che dagli anni quaranta agli anni settanta rivoluzionò dal basso la democrazia del suo paese. Leggi

L’epoca degli indirizzi

Aver un indirizzo è importante sia per aprire un conto in banca sia per combattere le epidemie. Un libro divertente e ben informato fa riflettere sull’importanza della nozione di residenza nel mondo in cui viviamo. Leggi

La rivoluzione conservatrice

È da quarant’anni che si va parlando della fine delle ideologie. E se invece, proprio negli stessi anni, si fosse affermata una nuova, più potente, ideologia? Leggi

pubblicità
Diventare parte del mondo

Oggi che incombe l’emergenza sanitaria sono rimasti in pochi a chiedersi come arrestare la catastrofe ecologica. Leggi

Dante e gli umanisti

Oggi la grandezza di Dante ci sembra indiscutibile, ma non è sempre stato così: Luca Fiorentini ricostruisce il dibattito tra gli intellettuali dell’epoca. Leggi

La disuguaglianza della politica

Già Machiavelli pensava che i ricchi fossero il più grande pericolo per la democrazia. Nel suo nuovo libro, l’economista Julia Cagé conferma questa intuizione. Leggi

Un’occasione mancata

Giampiero Calapà, giornalista del Fatto Quotidiano, racconta come si sarebbe potuto catturare il boss mafioso Bernardo Provenzano almeno una decina d’anni prima di quanto avvenuto. Leggi

Imparare dall’India

All’indomani della pubblicazione del Dio delle piccole cose, i lettori di Arundhati Roy hanno cominciato ad aspettare il suo secondo romanzo. Nessuno immaginava che l’attesa sarebbe durata ben vent’anni. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.