Tito Boeri

È un economista italiano e professore all’università Bocconi di Milano. È uno dei fondatori del sito lavoce.info

Tito Boeri
10

Tra il 2008 e il 2013 in Lombardia il tasso d’occupazione degli immigrati regolari è passato dall’83 al 72,7 per cento. È andata peggio agli immigrati irregolari, il cui tasso di occupazione è sceso di quasi 28 punti percentuali. Leggi

43,3 per cento

Secondo gli ultimi dati Istat, la disoccupazione giovanile in Italia è salita al 43,3 per cento. Si tratta del livello più alto raggiunto da quando esistono le serie storiche. Il quadro rilevato dall’Istat è preoccupante, eppure il 28 novembre, a pochi minuti dalla pubblicazione dei dati, il ministero del lavoro ha emesso un comunicato in cui si parla di due milioni e mezzo di nuovi posti di lavoro (di cui 400mila a tempo indeterminato) creati nell’ultimo anno. Leggi

pubblicità
315 miliardi

Il presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker, contestato per aver facilitato l’elusione fiscale di grandi imprese quando era premier del Lussemburgo, ha annunciato un piano d’investimenti pubblici da 315 miliardi. Leggi

-0,1

Per il terzo trimestre del 2014 le stime preliminari del pil indicano un calo dello 0,1 per cento. Per la terza volta in sei anni l’Italia è in recessione. Ma il fatto nuovo è che la Germania (+ 0,1 nel terzo trimestre) ristagna e fa peggio del resto dell’eurozona, mentre il resto del mondo cresce a tassi sostenuti. Leggi

81

Secondo il rapporto dell’Ocse intitolato Education at a glance 2014, l’81 per cento dei ragazzi italiani tra i 15 e i 19 anni va a scuola. La media europea (riferita a 21 paesi) è dell’87 per cento. Leggi

pubblicità
10

Ormai il debito pubblico costituisce in media il 10 per cento degli attivi delle banche italiane. Gli istituti hanno ottenuto rendimenti alti dai titoli di stato, che spesso sono stati comprati con la liquidità a basso costo ricevuta dalla Banca centrale europea (Bce). Leggi

202 milioni

Nella legge di stabilità per il 2015 è previsto uno stanziamento di 202 milioni di euro per le famiglie che avranno un figlio o decideranno di adottarne uno. Leggi

49

Il trattamento di fine rapporto è una forma di risparmio forzoso: metterlo in busta paga potrebbe essere pericoloso. Leggi

5 miliardi

La legge di stabilità per il 2015 conterrà tagli alla spesa al massimo per cinque miliardi di euro. Leggi

9 milioni

I mooc, le piattaforme gratuite di corsi universitari e materiale didattico per la scuola secondaria, oggi contano 453 corsi e partnership con università di diversi paesi e nove milioni di studenti iscritti in tutto il mondo. Leggi

pubblicità
59 miliardi

Il pil italiano del 2010 è aumentato di 59 miliardi di euro dopo che l’Istat ha adottato le nuove regole contabili europee (Sec 2010) ma non siamo diventati più ricchi. Leggi

20

Dopo la riunione del consiglio della Banca centrale europea, i tassi d’interesse che le banche dovranno pagare per tenere riserve nell’istituto di Francoforte sono stati raddoppiati. Leggi

466

Nell’indagine dell’Ocse sul grado di alfabetizzazione finanziaria dei quindicenni l’Italia ha ottenuto 466 punti. Leggi

9,9

Secondo i dati diffusi dall’Istat il 14 luglio, nel 2013 il 9,9 per cento degli italiani si trovava in una situazione di povertà assoluta. Leggi

18 milioni

Su un totale di 48 milioni di turisti stranieri che hanno visitato l’Italia nel 2013, diciotto milioni lo hanno fatto perché attratti dal nostro patrimonio artistico-culturale. Leggi

pubblicità
25,3

Negli ultimi sei anni la produzione industriale italiana è scesa del 25,3 per cento, e a maggio c’è stato un ulteriore calo dell’1,2 per cento rispetto al mese precedente. Leggi

16 miliardi

Nel 2012 l’Italia ha versato all’Unione europea sedici miliardi di euro e ne ha ricevuti undici. Leggi

69

L’Italia occupa il 69° posto nel Corruption perceptions index (Cpi), l’indice di Transparency international che misura la percezione del livello di corruzione del settore pubblico. Leggi

5.822

In media un congedo di maternità costa a un’impresa italiana 5.822 euro. Leggi

11

Secondo le stime basate sulla circolazione di moneta, circa l’11 per cento del pil italiano è generato nell’economia illegale. Leggi

pubblicità