16 miliardi

16 luglio 2014 09:00

Nel 2012 l’Italia ha versato all’Unione europea sedici miliardi di euro e ne ha ricevuti undici. Tre miliardi sono costituiti dai fondi strutturali che Bruxelles distribuisce alle regioni meno sviluppate attraverso il Fondo sociale europeo (Fse), che si occupa di formazione e inclusione, e il Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr), che si occupa di sussidi alle imprese e infrastrutture.

Il nuovo ciclo di programmazione europeo per il settennato 2014-2020 prevede che all’Italia siano destinati 41 miliardi, di cui oltre 24 alle regioni del sud. A questa cifra si aggiungeranno cofinanziamenti italiani per circa ottanta miliardi. Come spiegano Roberto Perotti e Filippo Teoldi su 

lavoce.info, il cofinanziamento non responsabilizza chi usa i fondi, perché avviene attraverso la fiscalità generale gestita dallo stato mentre i soldi comunitari (e i cofinanziamenti) sono spesi dalle regioni. Ma il fatto più grave è che questi interventi non sono esaminati.

Nel caso dell’Fse, tra il 2007 e il 2011 sono stati prodotti 280 documenti a questo scopo, ma nessuno dà una vera valutazione dei progetti. Valutare gli effetti di un progetto significa innanzitutto definirne gli obiettivi in un modo misurabile e collegato alla sua attuazione. Significa poi raccogliere sistematicamente informazioni per diversi anni non solo su chi ha beneficiato dell’intervento, ma anche su chi, trovandosi in condizioni uguali o molto simili, non è stato coinvolto. Comparando gli esiti di questi due gruppi, si potrà stabilire il contributo del progetto al raggiungimento dell’obiettivo. Nulla di tutto questo è stato fatto.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Siamo pronti ad affrontare le nuove epidemie?
Michael Le Page
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.