Economia

In Cina aumentano le donne ai vertici di aziende tecnologiche

Amministrano o sono tra i dirigenti nell’80 per cento delle aziende cinesi legate alla tecnologia. Molte di più che negli Stati Uniti. Leggi

Accumulate

I Paradise papers fanno luce sulla ragnatela di società offshore nei paradisi fiscali dove i profitti non sono tassati. Ma sono metropoli come Londra e New York che attirano evasori da tutto il mondo. Leggi

pubblicità
In India è fallito il piano contro gli evasori miliardari

L’8 novembre 2016 il premier annunciava il ritiro di migliaia di banconote per eliminare il denaro frutto di affari loschi. Ma le cose sono andate in modo diverso. Leggi

Ascesa, caduta e rinascita di una stella della finanza

Dieci anni fa ha scommesso sul crollo del mercato immobiliare ed è diventato miliardario. Poi ha perso gran parte del capitale. Ora lavora con Donald Trump. Leggi

La trappola della povertà da cui l’Italia non riesce a uscire

L’Italia è in testa in Europa per il rischio povertà, ma le contromisure finora sono fallite. Ecco cosa c’è che non va. Leggi

pubblicità
Il monopolio di Amazon

Nella sua forma attuale Amazon è ottima per i consumatori. Ma gli analisti si domandano se non abbia ormai acquisito troppo potere. Leggi

La campagna acquisti delle aziende cinesi

Solo nel 2016 le aziende cinesi hanno investito all’estero 225 miliardi di dollari. Il governo di Pechino comincia a temere di perdere il controllo. Leggi

Per Wall street  i cambiamenti climatici sono importanti

Per i grandi fondi d’investimento il riscaldamento globale non è una bufala, ma un problema serio di cui le aziende devono cominciare a tener conto. Leggi

L’ultima battaglia per il segreto bancario svizzero

Un cittadino svizzero in carcere in Germania con l’accusa di spionaggio. Ispettori del fisco che trafugano cd riservati. Una storia vera che sembra un film dei fratelli Cohen. Leggi

Le banche ombra gestiscono metà della finanza mondiale 

Alla fine del 2015, ben 149mila miliardi di dollari – pari a circa il 46 per cento delle attività finanziarie globali – erano gestiti da banche ombra. Leggi

pubblicità
I mari africani svuotati dai pescherecci stranieri

Il pesce dell’Africa occidentale è in netta diminuzione. Lo catturano i grandi pescherecci stranieri incuranti delle leggi e della crisi dei pescatori locali. Leggi

L’isola del tè

Le miscele dello Sri Lanka sono tra le più richieste. Ma la crisi minaccia questo settore fondamentale per l’economia dell’isola. Leggi

Rabbia massima contro salario minimo

Fin dall’inizio del novecento il salario minimo è stato un meccanismo di sicurezza fondamentale per i lavoratori. Una storia a fumetti. Leggi

Gli autori di Piigs raccontano una scena del documentario

“In questa scena, la metafora degli ossi e dei cani, spiega gli effetti delle scelte economiche di Bruxelles sulle piccole realtà locali”, dicono i registi di Piigs. Leggi

L’ora del reddito di base sta per arrivare

In Canada e in Finlandia sono partiti i primi esperimenti. Tra cinque o dieci anni chi vuole applicarlo su scala nazionale avrà argomenti solidi per promuoverlo. Leggi

pubblicità
Un mondo costruito sulla sabbia

È usata nell’edilizia, nell’industria petrolifera e in quella elettronica. Per questo è diventata il materiale più estratto al mondo. Leggi

Il passato glorioso dell’industria lombarda

Viaggio in Lombardia tra gli scheletri di vecchie fabbriche abbandonate. Leggi

La parabola del neoliberalismo

Qual è la forma di quel pensiero che ha plasmato le politiche locali e globali negli ultimi trenta o quarant’anni e che chiamiamo neoliberalismo? Leggi

Pubblicate le misure contenute nel documento di economia e finanza approvato dal consiglio dei ministri
Pubblicate le misure contenute nel documento di economia e finanza approvato dal consiglio dei ministri. È una legge di bilancio da 17-20 miliardi di euro: non c’è l’aumento dell’Iva né una diminuzione dell’Irpef, mentre viene previsto un taglio del cuneo fiscale. Inoltre 1,6 miliardi sono destinati al pubblico impiego, un miliardo alla decontribuzione per i neoassunti con meno di 35 anni, nuove misure per il rilancio di crescita e investimenti e risorse per la lotta alla povertà per 1,2 miliardi. Il deficit si attesta intorno al 2,1 per cento del pil ma si prevede che l’anno prossimo scenda all’1,2 per cento.
Cos’è il reddito di inclusione attiva approvato alla camera

All’interno del documento di economia e finanza approvato l’11 aprile alla camera, è inserita una delega al governo perché attivi il Reddito di inclusione attiva (Rei), uno strumento di sostegno al reddito legato all’impegno, da parte di chi lo riceve, a seguire un percorso formativo e d’inserimento al lavoro. Leggi

pubblicità