Festival del cinema di Berlino

Quattro film che si salvano alla Berlinale

Il concorso della sessantasettesima edizione del Festival di Berlino è stato uno dei più deboli degli ultimi dieci anni. Ecco quattro eccezioni alla mediocrità, a partire da due documentari che rispolverano e ricollocano nel presente due iconoclasti culturali del dopoguerra. Leggi

T2 Trainspotting è un viaggio impossibile alla ricerca del tempo perduto

Il sequel di Trainspotting racconta con qualche tocco postmoderno la crisi di mezza età degli uomini di oggi. Alimenta la nostalgia, ma gli mancano la rabbia, il disprezzo e la vitalità del primo film. Leggi

pubblicità
Meryl Streep presidente della giuria del festival del cinema di Berlino.
Meryl Streep presidente della giuria del festival del cinema di Berlino. Sarà l’attrice statunitense, insieme agli altri giurati che non sono ancora stati annunciati, ad assegnare l’Orso d’oro. L’edizione 2016 della manifestazione si terrà dall’11 al 21 febbraio nella capitale tedesca.
Una buona annata a Berlino

A volte le giurie fanno la cosa giusta. Certo, quella della Berlinale di quest’anno, presieduta da Darren Aronofsky, forse avrebbe potuto mescolare diversamente i premi assegnati. Personalmente avrei invertito il premio per Taxi di Jafar Panahi, che ha vinto l’Orso d’oro per il migliore film, con quello di El club di Pablo Larraín, che si è aggiudicato invece il Gran premio della giuria. Leggi

Io sono Michael
pubblicità
Perché avete fatto questo film?

Queen of the desert di Werner Herzog, 45 years di Andrew Leigh, con Charlotte Rampling, e un grande film: Taxi del regista iraniano Jafar Panahi. Il diario dalla Berlinale. Leggi

Tutto il cinema a Berlino

Il 6 febbraio è cominciata la 64ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino o Berlinale, che con quasi 500mila ingressi e 300mila biglietti venduti ogni anno è uno dei festival cinematografici più importanti del mondo. Leggi

Berlino, successo o disastro?

Al di là dei film premiati, che non possono mettere tutti d’accordo, il festival di Berlino si è chiuso lasciando a molti l’amaro in bocca. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.