Un bambino palestinese di 18 mesi è rimasto ucciso in un attacco di coloni israeliani a Nablus

VIDEO
La casa palestinese dopo il rogo appiccato da coloni israeliani

La casa palestinese dopo il rogo appiccato da coloni israeliani

31 luglio 2015 14:40

Nella notte, due coloni israeliani con il volto coperto hanno dato fuoco a due case del villaggio di Duma, vicino alla città di Nablus, in Cisgiordania. In uno dei due alloggi è rimasto ucciso un bambino di 18 mesi. I suoi genitori e il fratello sono ricoverati in gravi condizioni.

Le fiamme hanno distrutto l’abitazione, ma hanno lasciato ben visibile la parola “vendetta”, che gli aggressori hanno scritto in ebraico sul muro prima di scappare. Il ministro della difesa israeliano, Moshe Yaalon, ha definito l’attacco “un atto di terrorismo”.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.