VIDEO
Alle radici dell’odio tra le gang del Salvador

Alle radici dell’odio tra le gang del Salvador

12 febbraio 2018 09:50

“Una gang è ideata per fare danno agli altri e a se stessi, per distruggere e autodistruggersi”, dice Wilfredo, ex affiliato di una banda criminale salvadoregna.

Dal 2015 la violenza delle gang ha reso il Salvador il paese del mondo con il più alto tasso di omicidi. Il video di Univisión, pubblicato su El Faro, spiega come sono nate queste gang e come hanno fatto a diventare le organizzazioni criminali più conosciute al mondo e uno dei principali problemi dell’America Centrale.

Da sapere:
El Salvador è un paese centroamericano di 20mila chilometri quadrati e sei milioni e mezzo di abitanti. Le principali bande criminali del Salvador (maras) hanno più di 60mila affiliati, circa il 9 per cento della popolazione. Quello che le rende un fenomeno unico nel mondo è il loro capillare controllo sociale e territoriale. Nel 2016 nel paese ci sono stati 5.278 omicidi, una media di diciotto al giorno. Negli ultimi cinque anni 692 lavoratori del trasporto pubblico sono morti per mano delle gang. Nello stesso periodo i poliziotti uccisi sono stati 93. Un affiliato della Mara salvatrucha, una delle più importanti gang del Salvador, guadagna in media 15 dollari alla settimana.

Leggi anche:
Milano è la capitale europea delle gang salvadoregne

pubblicità