• 20 Feb 2015 14.36

Overwhelmed

20 febbraio 2015 14:36

Il sesso di gruppo è circondato da un alone di leggenda. Ma non sempre è divertente e liberatorio come si immagina. È quello che raccontano i tre episodi di questo audiodocumentario. Nel primo Kaitlin parla con la sua ragazza del rapporto a tre più triste della loro vita; nel secondo Gloria, un’operatrice di sensual massage di Manhattan, spiega come il suo lavoro abbia influito negativamente sulla sua vita intima; nell’ultimo Arnie Kantrowitz, esponente della scena gay newyorchese degli anni settanta, rievoca l’incontro con l’amore della sua vita in una sauna dove si faceva sesso di gruppo.

Overwhelmed, di Kaitlin Prest e Mitra Kaboli
Canada 2012, 27’
(leggi la traduzione in italiano dell’audiodocumentario)

Kaitlin: Hey, this is Audio smut. I’m Kaitlin.
We’re gonna start this morning with an anecdote about the love of my life.
It’s been 7 yrs since I fell in love with Laura. It wasn’t love at first sight. With her clean, American Eagle outfits, sun bleached blond streaks, and tender, quiet voice I was sure she was a prude. I was volatile, vulgar and unapologetic. She thought I was rude. At one heavy metal show, mesmerized by two women spinning fire, drinking full forties of beer, our love affair began. She was as wild and hungry for the world as I was. And it turned out she had more experience. She new how to roll joints and we smoked them everyday. We listened to Radiohead.

(music)

We were 19-year-old girls from small towns, fresh moved to Montreal. We lived every moment in unison. Our wardrobes merged into a messy explosion of clothes on the floor, our wallets merged into a shared fund, in support of our merged adventures. No meal, no drink, no activity unshared. I wanted to be her, she wanted to be me. She asked me once, when we were high on mushrooms, if I would kiss her right there, on her neck. I was terrified. Laura and I were prone to the best kind of disasters. We were fearless.

Kaitlin: I have a question for you. Why…
Laura: We have pirate rum. We’ve finished the whiskey, the wine’s long gone…
Kaitlin: Wait wait wait wait. Hello audience this is the sound of my purse. Thank you. Brought to you by Kaitlin Prest.
Laura: Any good balloon must be inflated to the point of being squeaky and in no way wrinkled.

Kaitlin: It had been over a year of the best kinds of disasters when we had the worst threesome ever. Like many nights of ours, debaucherous and difficult to remember. It wasn’t a beautiful mess. It was just a mess. One of our biggest messes. A guy I liked was visiting with a friend, staying with us. I was always afraid that as soon as someone I liked met Laura, it was over for me. She was literally my better half. I was always dragging her into situations, oblivious to her comfort level. We had what I called a naked party, which was going great until all three of us ended up in bed. We were all kissing and touching and doing things to each other, things I had hoped to do in different circumstances with both of them, separately. Somewhere along the way I got the courage to state how much fun I wasn’t having. I said something like “Hey guys, I’m feeling really sad right now”. Laura left the room and eventually so did I. We fell asleep spooning and when I woke up she was gone. It took weeks for the emotional hangover from that night to subside. Despite the fact that I had largely brought the situation upon myself, I couldn’t believe how oblivious she’d been to my discomfort. We never really talked about it again after the initial processing. Until last week. I asked her if we could do an interview for the show. I told her it was about complicated situations with multiple partners. That we were calling it Overwhelmed. I asked her if we could talk about that time.

Laura: Hello.
Kaitlin: Hi.
Laura: Hey, how’s it going?
Kaitlin: Ehm… Should we just do it?
Laura: Yeah.
Kaitlin: So, like, do you feel ready to reminisce about that time?
Laura: Yeah. I remember you had gone away to Ottawa and had met this person who you were really excited about, and you had brought him back. You foresaw that I would also be attracted to him. And… I remember being naked on the roof, and dancing, and it was kind of misty out.
Kaitlin: What else?
Laura: I remember being really afraid at the beginning of the night, ‘cause I wasn’t very comfortable with my body and you were, or you, at least, you appeared to be very comfortable with yours, and so, and these were two men who I didn’t know (laughs) and so when you announced that it was now a naked party, I was kind of, like, “Fuck, Kaitlin, really?” (laughs). It was like, I had to go there. Ok. But then, and I think if you remember, like it took me a while. I was a slow-go-naked-er. I think I felt like I was a little girl playing dress up in a lot of ways, like “oh sure, I can be naked, and, oh sure, we’re doing this and, oh sure like I guess now it’s kind of me and my best friend and this other guy in the bed, and…”, like figuring it all out from there. To be honest, I think I just turned off, like, I don’t think I was really present.
Kaitlin: For some reason I remember you guys being in the bed before I was there, and I remember feeling like I didn’t want to have a threesome but I was afraid of what would happen if I left myself out of it.
Laura: I was feeling anxious and sad, and I didn’t want to be the one person saying “Well, this is way too overwhelming. This isn’t even sexy or sensual or at all getting me going”. I was just, like, really anxious and not sure, like we didn’t talk about who was going first. “What’s happening?” (both laugh) You know, it’s just a lot of limbs and places that you could put things, and I’m not sure I want things there and, yeah, so… and to be honest I think that was the… of my undergrad experience, approaching sex as if it were this thing you were supposed to be good at, you know, and then discovering through that that it’s so much more than that. Like you, you were the love of my life. I think we were spending every minute together and yet we couldn’t talk about it. You know, there wasn’t the language there to stop at any moment, say “Whoa, what’s going on?”. We were young and twenty and this kind of sex play and this kind of a friendship that was supposed to be liberating but instead we were sitting there going, like, this is the worst (laughs), this is not the promised land, this is just, like, making me feel dirty and cheap and sad, and I think I would love to have threesomes, like, when I’m in my sixties, looking at my projected plan of self-discovery and self-love, I think that I would be having very good threesomes in my sixties (both laugh).
Kaitlin: I’m down, just for the record.
Laura: All right.
Kaitlin: We could try again. We can stop talking about this now.
Laura: Yeah. Did you get…? Was that…?
Kaitlin: Yeah yeah yeah.
Laura: I love you lady.
Kaitlin: I love you, too, I love you so much. Ok.
Laura: Ok. Bye.
Kaitlin: Bye.

Kaitlin: So welcome to the Overwhelmed show.
I want you to start by thinking about how many times you’ve wished to have sex with more than one person, how many times you may have hoped for that mythical threesome, to be the one that gorgeous couple decides to take home, to watch the way your lover kisses someone else, to have so many hands on you that you forget which ones are yours. Are you thinking about it?
This show is a wake up call. As you just heard, more is not always better. Just because you’re fucking more than one person doesn’t always mean it’s automatically awesome. And acknowledging that, doesn’t mean that you’re not sexually liberated. On this episode of Audio smut we’re shining some light on moments when more was a little too much. You’re about to hear from two people who have experiences in this regard: Gloria and Arnie.
First Gloria. Gloria is an ethical slut, working in a massage parlor. She’s always believed that desire isn’t finite, that having sex with lots of different people has no impact on how much love she has to give. The overlap of these different intimacies got to be a little confusing for her one night.
Gloria: It’s after midnight and I’ve just finished work in Manhattan. (she gives an address to the taxi driver)
Driver: Is that in Brooklyn?
Gloria: Yeah, it’s in Brooklyn. Can I smoke in here?
Driver: No.

Gloria: Last dude just paid sixty extras to cum on my feet. Somehow, it’s always the last dudes of the night that want to cum somewhere on my body. Urgh. I need to take a shower. I don’t mind though, my wallet’s fat: 700 dollars in 20 dollar bills. Not bad for a couple of hand-jobs and a few fetish-sessions. I started working as a dame in Central Masseuse a couple of months ago. Right after moving to New York to escape a particularly bad break-up.

(sound of incoming text)

I’ve just started seeing a new squeeze and things are quickly sliding from casual to serious. I’ve been texting them all night, reporting on the dumb sheet my clients say and gleefully describing the golden shower I gave a B-whore movie director. They asked if I wanted to come over after work, I said yes, but as soon as I do an ambivalence creeps in. After a night of batting away wondering lips, it’s hard to say what I really want.

(incoming call)

Gloria: Do you want something?
Client: I’m calling about your back page ad. I just wanted to inquire about your services.
Gloria: Well, it’s a sensual full-body rub-down in the nude, with a very happy ending.
Client: Is touching included in the price?
Gloria: Light mutual touching?
Client: What does that mean, light mutual touching?
Gloria: Like, no touching below the underwear.
Client: Can I touch your tits?

Gloria. Doing a massage work is strange, it’s a weird battle of boundaries.

Gloria: It’s 20 extra if you want to kiss my breasts, 40 to watch me masturbate.
Client: Can I masturbate you?
Gloria: No, you can’t masturbate me, that’s not what masturbation is. Masturbation means solo, bub.
Client: All right. Will you suck my dick?
Gloria: No. I don’t do any oral.
Client: What about for 200 bucks?
Gloria: Not even for 200.
Client: You’ll lick my balls?
Gloria: No oral of any kind.
Client: Can I stick my finger in your butt?
Gloria: No touching between the legs, dude.
Client: Hm. All right. (hangs up)

Gloria. Sensual massage is not like regular sex work or the dame work. It’s the art of the tease. But it’s a tease that usually goes on for an hour. Clients tell me all sorts of details about their marriages, the death of their parents, their dissatisfaction with their job, that’s what they’re buying from me, not sex but intimacy. Remember that scene in Pretty woman, when Julia Robert explains the no kissing rule? Yeah. That’s because all this intimate touching that happens in sex work can make you feel pretty tangled up inside. It’s not just kissing that feels like too much, there’s a whole slew of places on my body that, previously, only lovers ever really touched.

It’s not bad work. I like it. I like most of my clients. I even have crushes on a few. It’s just, well, I’ve got this new cute queer in my life and I said I’d go home to them. We’ve only been dating a month and I like them. I really like them. But something about the sex has been off, and I think it’s because of my work.

When I get at the door, they pin my wrists to my side and push my body up against the wall. Their lips find mine and their hand grabs my chin, forcing my mouth open. This is the kind of sex I like. Rough power grabs with the fumbling fingers, all over the place. Their lips move to my neck, and their hands push up my shirt while our hips thrust together. I want it so bad, but then… it’s like an acid flashback. Their hand is tipping beneath the line of my jeans and all I can think of is Bryan, a grabby regular obsessed with being told “no”.

The thought is gone in an instant, but the feeling lingers. Suddenly, I just don’t know if want to get fucked right now. Even touched. I push my knee up between their thighs, grinding for a moment before flipping them over and throwing them onto the bed. I grab them by their hair and pull their head back, sinking my teeth into the back of their shoulder. I stand up. They try to get up, and I push them back onto the bed. “No, you stay there. Take off your pants”. They’re stronger than me, so I know they’re letting me win, cause they want it. I lean over them, putting my hand between their thighs and whisper in their ear.

Gloria: Do you want something? No? Ok we can stop.
Client: No!
Gloria: No, what? Tell me what you want.
Client: Kiss me.
Gloria: Maybe.
Client: Please.
Gloria: Why should I?
Client: Please, I’ll do anything you want.
Gloria: Say it loud.

Gloria: I run my fingers around their clit, teasing them a little longer before working my hand all the way up inside them and letting them come, finally. We collapse, all sweaty and naked together. They catch their breath. I kiss them real slow. Their hand starts working its way down my thighs, I gently push it away.

Gloria: I’m good for tonight. Let’s just go to bed.

We do, and they don’t ask any questions.

Kaitlin. What you’ve just heard is a personal essay written by Gloria, and adapted for radio by Audio smut.

Our next story comes from Arnie Kantrowitz. Arnie is a professor emeritus and author who was majorly active in the gay movement and AIDS crisis in NY. Just before then, he was majorly active in the wild gay sex scene of the 70s, having tons and tons of group sex with lots of different people. Bath house is one of his favorite places to do that.

Arnie: Back in the 70s there were maybe 7 or 8 bath houses, gay bath houses in Manhattan, and surrounding boroughs too. The Continental on the Upper West Side was the most elaborate of them. The Continental had a whole culture and it had a swimming pool, and had the massages, had a restaurant, and it had a kind of dance floor and a night club. And that’s where Bette Midler got her start.
Bette Midler: I’m melting…
Arnie: And Barry Manilow was her pianist.
Bette Midler: You see, this is the part of the program where we really get very heavy into nostalgia, not ordinary nostalgia you must understand, but…
Arnie: It was a very interesting show, she was much raunchier back in her early days…
Bette Midler: I was very happy in the 60s.
Arnie: … shaking her tits, and…
Bette Midler: I was so happy, and I remember all that music, all that really good, good music, like “da-doo run run”…
Arnie: … throwing poppers, amyl nitrate, from a basket. She would just toss them into the audience…

(Bette Midler singing)

Arnie: Her singing was wonderful and drew a lot of gays and word got out, and soon the high society started showing up to this little freak show.
Bette Midler: Now, there is no doubt, in my mind I mean, that you all know these song, however I must beg you: do not sing along, under pain of death. My Mr. Durados is back there and he’s going to pierce you with silver bobby pins.

Arnie: So there we would be. We used to walk around with towels wrapped around our waists, and of course you wouldn’t know anything about anybody’s life, just what you saw, in the towel, so you might be dealing with a politician, or a garbageman, or who knew what, and we would be sitting in our towels next to people in evening dresses. What I used to do is go Saturday afternoon and stay until Sunday afternoon. You could take a nap, you could have a massage, you could go swimming, you could do whatever you wanted. Rest up between sexual bouts was the idea.

The rooms were little cubicles with metal doors and no top, so you could hear what was going on elsewhere. So one person would finish with a partner and then call out “Next!”, you know. There was also a dormitory, so called, where group sex went on. People would go in there, you could just sort of reach out and find flesh and play, and everybody was everybody’s partner. It was a little terrifying to go into total darkness and what would be happening in there.

(groans)

I went into one of those places for a while.

(groans)

It would be funny because sometimes you would hear a squeal or a laugh or a fart, you know, and everybody would kind of laugh at the same time.

(groans)

I began to feel like I was loosing my identity. I ended up extricating myself and standing outside with my towel in my hand, looking dazed. You know, that was just too much, and too much anonymity. What we were doing was fulfilling each other’s fantasies, and I finally decided that it was just, like, the intimacy wasn’t so intimate. I could be sleeping or having sex with anybody, somebody who’d turn me off totally if I heard them talk.

Larry: My first lover was an episcopal priest and he once told me he was giving me sort of elderly advice, he said “You’ll never meet your lover in a bath house”.

Arnie: My fantasy was, having such good sex that we would go off into the sunset together.

(music)

Arnie: Well, I was in my room…
Larry: It was actually pretty dark.
Arnie: … when Larry came to the door…
Larry: It was kind of dark, so it was more shadows, positionings, and…
Arnie: The system was that you would leave your door open if you were interested in sex and you might lie in such a position to indicate what kind of sex you would like. If you wanted to suck somebody off you might actually be on your knees in your room, waiting for someone to come by. I can tell you that that’s very hard on the knees.

After we had sex I introduced myself, that’s the way I went in those days, I said “That was a good time” or something, and “My name, by the way, is Arnie Kantrowitz” and he said “I know”.

Larry: Arnie and I met at the Evard Baz and in August we’ll be together 30 years.
Arnie: My fantasy was having such good sex that we would go off into the sunset together. But that actually happened with Larry, so why did I need, you know, to practice with anybody else?

Kaitlin: With that, uplifting story of true love, we leave you. For the record, Arnie and Larry never stopped having group sex and multiple partners, they simply decided that they liked each other the best and became life partners. They still live together in a gorgeous apartment in Chelsea.

I want you to know that I’m not discouraging you from expanding beyond the one-on-one monogamous-only situation, I’m all for that type of expansion. It can be really fucking awesome, but, as with all kind of sex, it’s way awesomer when you’re honest with yourself and the people you’re doing it with, and there’s an open channel for discussion about honesty. We just wanted to shed some light on those times that things get a little messy. Happy gallivanting.

This episode of Audio smut was produced by Mitra Kaboli, Julia Alsop and me, Kaitlin Prest. Do please check out our website, subscribe to us in iTunes, write us a sweet review, like us on Facebook. All that jazz. We love you, and we hope that you love us too.

Leggi la traduzione in italiano dell’audiodocumentario:

Kaitlin: Salve, questo è Audio smut, e io sono Kaitlin.
Cominceremo stamattina con un aneddoto sull’amore della mia vita.

Sette anni fa mi innamorai di Laura. Non fu amore a prima vista. Ero certa che fosse una puritana, con i suoi lindi completini American Eagle, i colpi di sole biondi e la voce suadente e tenera. Io ero instabile, volgare e impenitente. Lei pensava che fossi rozza. A un concerto heavy metal, incantate davanti a due tipe che facevano giochi col fuoco, bevendo boccali di birra, ebbe inizio la nostra storia. Era scatenata e aveva fame di mondo quanto me. E venne anche fuori che aveva più esperienza. Sapeva rollare una canna, e fumavamo tutti i giorni. Ascoltavamo i Radiohead.

(musica)

Eravamo due ragazze di diciannove anni venute da cittadine di provincia, appena traslocate a Montréal. Vivevamo ogni momento in armonia. I nostri armadi finirono per unirsi e diventare un mucchio disordinato di vestiti sul pavimento; i nostri portafogli si unirono in fondi di investimento comuni, a sostegno delle nostre avventure assieme. Non c’erano pasti, drinks o attività che non condividessimo. Io volevo essere lei, e lei voleva essere me. Una volta, stonate dopo aver preso funghi allucinogeni, mi chiese di baciarla sul collo, così su due piedi. Ero terrorizzata. Io e Laura eravamo destinate al migliore dei disastri. Eravamo spavalde.
Kaitlin: Devo chiederti qualcosa. Perché…
Laura: Abbiamo del rum. Il whisky è finito, e anche il vino, da un bel po’…
Kaitlin: Aspetta un attimo. Salve, ascoltatori, questo è il suono del mio portafogli. Grazie. Per voi, da parte di Kaitlin.
Laura: Un buon palloncino va gonfiato fino a scricchiolare, e non deve assolutamente fare le grinze.
Kaitlin: Il migliore dei disastri andava avanti già da più di un anno quando abbiamo avuto il peggior rapporto a tre della storia. Come molte altre, fu una notte degenere e difficile da ricordare. Non fu un casino piacevole. Fu solo un casino. Uno dei nostri peggiori casini. Un tipo che mi piaceva venne a farci visita con un amico, e si fermò a dormire da noi. Avevo sempre temuto che se un ragazzo che mi piaceva avesse incontrato Laura, mi avrebbe mollata. Era letteralmente la mia metà migliore. La trascinavo di continuo in situazioni, ignorando se si sentisse o meno a proprio agio. Organizzammo quella che chiamerei una festa senza veli, che andò alla grande finché non finimmo tutti e tre a letto. Ci stavamo baciando e toccando, ci facevamo cose a vicenda, cose che avrei voluto fare in circostanze diverse da quella, con entrambi, separatamente. A un certo punto trovai il coraggio per dire quanto non mi stessi divertendo. Dissi qualcosa come “Ragazzi, mi sento molto triste in questo momento”. Laura uscì dalla stanza e alla fine feci lo stesso anch’io. Ci addormentammo dandoci dei baci e quando mi svegliai se n’era andata. Mi ci vollero settimane per riprendermi dai postumi emotivi di quella notte. Sebbene mi ci fossi ficcata da sola in quella situazione, non potevo credere a come non si fosse accorta del mio disagio. Dopo aver elaborato un po’ la cosa all’inizio, non ne parlammo più. Fino alla settimana scorsa. Le chiesi se era disponibile a parlarne per l’intervista. Le dissi che si trattava di un programma sulle situazioni complicate con diversi partner. Che si intitolava Sopraffatti. Le chiesi se potevamo parlare di quella notte.

Laura: Ciao.
Kaitlin: Ciao.
Laura: Come va?
Kaitlin: Possiamo andare subito al dunque?
Laura: Certo.
Kaitlin: Allora, sei pronta per lasciarti andare ai ricordi di quella notte?
Laura: Sì. Ricordo che eri andata a Ottawa e avevi incontrato questa persona che ti entusiasmava, e che te lo portasti a casa. Sapevi che anch’io sarei stata attratta da lui. E ricordo di essermi ritrovata nuda sul tetto, di aver ballato, e che era tutto come sfocato.
Kaitlin: Che altro?
Laura: Ricordo di aver avuto molta paura all’inizio della serata perché non mi sentivo troppo a mio agio col mio corpo, mentre tu lo eri, o almeno sembravi esserlo, e quindi, c’erano questi due che non conoscevo (ride) e allora quando hai annunciato che era una festa senza veli pensai cose del tipo “Cazzo, Kaitlin, sul serio?” (ride). Era, del tipo “devo farlo, va bene”. Ma poi, se ricordi, mi ci è voluto del tempo. Ero una che non si spogliava molto in fretta. Credo di essermi sentita in diversi modi come una bambina che gioca a travestirsi, del tipo “certo, posso stare nuda”, e “certo, stiamo facendo questa cosa”, e “certo, immagino che ora saremo io e la mia migliore amica e quest’altro tipo a letto, e…” come se mi stessi rendendo conto solo allora. A essere sincera, credo che mi spensi, del tipo che non ero molto presente.
Kaitlin: Per qualche strana ragione ricordo che eravate già a letto prima che arrivassi io, e ricordo anche che non me la sentivo di fare una cosa a tre, ma avevo paura di quello che sarebbe potuto succedere se me ne fossi chiamata fuori.
Laura: Io ero ansiosa e triste, e non volevo fare quella che dice “Tutto questo è davvero troppo, mi sento sopraffatta. Non lo trovo nemmeno sexy o sensuale, non mi eccita”. Ero solo, come dire, davvero angosciata e insicura, perché non avevamo parlato di chi avrebbe cominciato per primo. “Cosa sta succedendo?” (ridono), capisci in che senso? “Sono solo un sacco di gambe, e posti dove si potrebbero infilare delle cose, e non sono sicura di volere delle cose lì”, sì insomma, quindi, a dir la verità credo che sia stato il picco più basso della mia vita universitaria, avvicinarmi al sesso come fosse stata quella cosa in cui devi eccellere, e poi scoprire grazie a quell’esperienza che era molto più complesso. Prendi te, tu eri l’amore della mia vita. Credo che passassimo tutto il tempo assieme senza però parlare della questione. Voglio dire, non avevamo creato un codice per poterci fermare in qualsiasi momento, dire “Wow, cosa sta succedendo?”. Avevamo vent’anni, e questo tipo di gioco sessuale, questo tipo di amicizia che doveva essere liberatoria e invece ce ne stavamo là sedute pensando “Che cosa brutta (ride), non è la terra promessa, questa cosa mi fa solo sentire sporca e scadente, e triste, e credo che vorrò fare delle cose a tre quando avrò sessant’anni”; consideravo i miei programmi di scoperta e rispetto di sé, immaginavo che avrei potuto fare delle cose carine a tre a sessant’anni (ridono).
Kaitlin: È abbastanza, per la cronaca.
Laura: Va bene.
Kaitlin: Possiamo provare un’altra volta. Possiamo smettere di parlarne, adesso.
Laura: Sì. Hai avuto…? È stato…?
Kaitlin: Sì, sì, certo, certo.
Laura: Ti voglio bene, ragazza.
Kaitlin: Ti voglio bene anch’io, te ne voglio tantissimo. Bene
Laura: Bene.Ciao.
Kaitlin: Ciao.

Kaitlin: E allora, benvenuti a Sopraffatti.

Come prima cosa, voglio che pensiate a quante volte avete sperato di far sesso con più di una persona, a quante volte avete sperato di fare quella leggendaria cosa a tre, di essere la persona che quella coppia bellissima decide di portarsi a letto, di guardare il vostro compagno baciare qualcun altro, di avere così tante mani addosso da dimenticare quali siano le vostre. Ci state pensando?

Questo programma è una sveglia. Come avete appena sentito, “tanti” non è sempre bello. Solo perché vi state scopando più di una persona alla volta non significa che sia necessariamente incredibile. E rendersene conto non vuol dire non essere sessualmente emancipati. In questo episodio di Audio Smut faremo luce su quei momenti in cui “tanti” era un po’ troppo. State per ascoltare due persone che hanno avuto esperienze in questo senso: Gloria e Arnie.

Innanzitutto Gloria. Gloria è una cosiddetta puttana etica, e lavora in un centro massaggi. Ha sempre pensato che il desiderio fosse infinito, che fare sesso con un sacco di persone diverse non avesse conseguenze su quanto amore lei potesse dare. Una sera, il sovrapporsi di queste diverse intimità si fece un po’ disorientante.

Gloria: È passata mezzanotte e ho appena finito di lavorare a Manhattan (comunica un indirizzo alla tassista)
Tassista: È a Brooklyn?
Gloria: Sì, è a Brooklyn. Posso fumare qui?
Tassista: No.

Gloria: L’ultimo tipo mi ha pagata sessanta dollari in più per venirmi sui piedi. Non so come, ma è sempre l’ultimo cliente della serata a voler venire su una parte del mio corpo. Ho bisogno di una doccia. Non mi dispiace, comunque, ho il portafogli gonfio. 700 dollari in biglietti da 20: niente male per un paio di lavori di mano e alcune cosette fetish. Iniziai a lavorare come accompagnatrice al centro massaggi un paio di mesi fa. Appena dopo essermi trasferita a New York per fuggire da una separazione particolarmente dolorosa (suono di un sms in entrata). Ho da poco iniziato a uscire con una nuova amante e la cosa, da occasionale, sta diventando seria in fretta. È tutta la sera che sto messaggiando con entrambe, raccontandogli le stronzate che mi dicono i clienti e descrivendo allegramente la pioggia d’oro che ho fatto a un regista di film porno di bassa qualità. Mi hanno chiesto di passare da loro dopo il lavoro, e ho accettato, ma sono stata subito assalita da sentimenti contrastanti. Dopo una sera passata a sottrarmi da labbra insistenti, è dura dire cosa voglio davvero.

(chiamata entrante)

Gloria: Vuoi qualcosa?
Cliente: Ti chiamo per l’annuncio. Volevo solo chiederti che servizi offri.
Gloria: Dunque, si tratta di un massaggio sensuale su tutto il corpo, nudo, con un bellissimo lieto fine.
Cliente: Ci si può toccare?
Gloria: Intendi un leggero toccarsi a vicenda?
Cliente: Cosa significa un leggero toccarsi a vicenda?
Gloria: Significa che non ci si tocca sotto la biancheria.
Cliente: Posso toccarti le tette?

Gloria. Questo lavoro dei massaggi è strano, è una strana lotta tra linee di confine.

Gloria: Sono 20 dollari in più se vuoi baciarmi il seno, 40 per guardare mentre mi masturbo.
Cliente: Posso masturbarti?
Gloria: No, non puoi masturbarmi, quello non si chiama masturbazione. La masturbazione si fa da soli, amico.
Cliente: Va bene. Mi succhieresti l’uccello?
Gloria: No. Non faccio sesso orale.
Cliente: E per 200 sacchi?
Gloria: Nemmeno per 200.
Cliente: Mi leccheresti le palle?
Gloria: Nessun tipo di sesso orale.
Cliente: Posso infilarti un dito nel culo?
Gloria: Non è permesso toccarsi tra le gambe, amico.
Cliente: Hm. Ok. (riaggancia)

Gloria: Il massaggio sensuale non è come la classica prestazione sessuale o fare l’accompagnatrice. È l’arte della seduzione. Ma è una seduzione che di solito va avanti per un’ora. I clienti mi raccontano ogni possibile dettaglio sul loro matrimonio, la morte dei genitori, l’insoddisfazione per il lavoro; per quello mi pagano, non per il sesso, ma per un po’ d’intimità. Ricordi la scena in Pretty woman, quando Julia Robert spiega la regola che proibisce i baci? Ecco. Esiste perché tutto questo toccarsi in modo intimo che c’è nel sesso per soldi può farti sentire piuttosto incasinata dentro. Non è solo il bacio a essere troppo intimo, c’è tutta una serie di parti del corpo che, in passato, era accessibile solo ai miei partner.
Non è un brutto lavoro. Mi piace. Mi vanno a genio quasi tutti i clienti. A volte mi prendo anche delle cotte. È solo che, insomma, ho questa tipa nuova, carina e stravagante, nella mia vita, e gli ho detto che sarei andata da loro. Ci vediamo da un mese, e mi piacciono. Mi piacciono sul serio. Ma qualcosa si è rotto riguardo al sesso, e credo che sia a causa del mio lavoro.

Quando vado ad aprire la porta, mi afferrano i polsi e tenendoli stretti contro i fianchi mi spingono contro il muro. Mi cercano la bocca con le labbra, e afferrandomi il mento mi costringono ad aprire la mia. Questo è il tipo di sesso che mi piace. Un afferrarsi potente e rude, mani che annaspano, dappertutto. Le loro labbra si spostano sul collo, le mani mi sollevano la maglietta, le labbra nelle labbra. Lo desidero tantissimo, ma poi… è come un flashback in acido. Le loro mani si infilano sotto i miei jeans e tutto quello a cui riesco a pensare è Bryan, un bizzarro cliente regolare ossessionato dal sentirsi dire di no.

Il pensiero scivola via veloce, ma la sensazione rimane. All’improvviso, non so più se voglio essere scopata. O anche solo toccata. Spingo il ginocchio contro le loro cosce, brusca per un momento prima di spingerle sul letto. Le afferro per i capelli spingendogli la testa all’indietro, ficcandogli i denti nella parte dietro delle spalle. Mi alzo. Cercano di rialzarsi, e io le spingo di nuovo sul letto. “No, state là. Toglietevi i pantaloni”. Sono più forti di me, so che mi stanno lasciando vincere perché lo vogliono. Mi piego su di loro, gli metto la mano tra le gambe e gli sussurro all’orecchio.

Gloria: Vuoi qualcosa? No? Va bene, possiamo fermarci qui.
Cliente: No!
Gloria: No, cosa? Dimmi cosa vuoi.
Cliente: Baciami.
Gloria: Forse.
Cliente: Ti prego.
Gloria: Perché dovrei?
Cliente: Ti prego. Farò tutto ciò che vuoi.
Gloria: Dillo ad alta voce.

Passo le dita sul loro clitoride, ci gioco ancora un po’ prima di spostare la mano più su, dentro di loro, facendole finalmente venire. Collassiamo, tutte sudate e nude. Riprendono fiato. Le bacio lentamente. Le loro mani si fanno strada verso le mie cosce, e io gentilmente le respingo.

Gloria: Sto bene per oggi. Dormiamo.
Dormiamo, e non fanno domande.

Kaitlin. Quello che avete appena ascoltato era uno scritto personale di Gloria, adattato per la radio da Audio smut.

La nostra prossima storia è quella di Arnie Kantrowitz. Arnie è professore emerito e scrittore, molto attivo nel movimento gay e durante la crisi dell’aids a New York. Non molto prima di quel periodo, fu particolarmente attivo sulla scatenata scena gay degli anni settanta; ha fatto tonnellate di sesso di gruppo con molte persone diverse. La sauna è tra i suoi posti preferiti dove farlo.

Arnie: Negli anni settanta c’erano forse setto o otto saune, saune gay, a Manhattan e nei quartieri intorno. Il Continental su Upper West Side era la più sofisticata. Il Continental aveva un’intera cultura sua, con una piscina e il servizio massaggi, un ristorante, una specie di pista da ballo e una discoteca. Ed è lì che Bette Midler iniziò la sua carriera.
Bette Midler: Mi sto sciogliendo…
Arnie: E Barry Manilow era il suo pianista.
Bette Midler: Vedete, questa è la parte dello spettacolo dove ci immergiamo profondamente nella nostalgia, ma non la comune nostalgia, capite, piuttosto…
Arnie: Era uno spettacolo molto interessante, a quei tempi lei era molto più piccante.
Bette Midler: Ero molto felice negli anni sessanta.
Arnie: Faceva ballare le tette…
Bette Midler: Ero così felice, e ricordo tutta quella musica, tutta davvero molto buona, tipo “da-du ran ran”…
Arnie: Da un cestino lanciava fiale di popper, o nitrito di amile. Le tirava letteralmente sul pubblico.

(Bette Midler canta)

Arnie: Cantava divinamente e attirava un sacco di gay, e la voce si sparse, e in poco tempo l’alta società prese a venire a quel singolare spettacolino.
Bette Midler: Ora, non c’è dubbio, nella mia testa intendo, che tutti voi conoscete questa canzone, tuttavia vi devo supplicare: non cantate, pena la morte. Il mio fedele Mr. Durados è qui dietro, pronto a infilzarvi con delle forcine d’argento.

Arnie: E quindi era là che andavamo. Di solito giravamo con l’asciugamani arrotolato in vita, e ovviamente non sapevi nulla della vita degli altri, a parte quello che potevi vedere, in asciugamani; potevi avere a che fare con un politico, un netturbino, o chissà chi, mentre te ne stavi là in asciugamani di fianco a gente in abito da sera. Io di solito andavo il sabato pomeriggio e restavo fino alla domenica pomeriggio. Potevi farti una pennichella, un massaggio, nuotare, tutto quello che volevi. L’idea era riposare tra i vari incontri sessuali.
Le stanze erano cubicoli con la porta in metallo e senza soffitto, così potevi sentire ciò che succedeva altrove. C’era chi terminava con un partner e urlava “Il prossimo!”, hai presente come. C’era anche una cosa chiamata dormitorio, dove aveva luogo il sesso di gruppo. Le persone entravano, potevi allungare un braccio e trovare della carne e giocarci, e tutti erano partner di tutti. Faceva un po’ paura entrare nell’oscurità totale e non sapere che sarebbe successo là dentro.
(gemiti)

Ci sono andato per un po’.

(gemiti)

Poteva essere divertente, perché a volte sentivi un gemito, una risata, o una scoreggia, capisci, e tutti ridevano.

(gemiti)

Iniziai a sentirmi come se stessi perdendo la mia identità. Finii con il districarmi e me ne restai fuori in piedi con il telo in mano e lo sguardo confuso. Capisci, era troppo, e troppo anonimo. In fondo, stavamo solo soddisfacendo le nostre fantasie a vicenda, e alla fine decisi che l’intimità non era poi così intima. Potevo ritrovarmi a dormire o a far sesso con chiunque, magari qualcuno che mi avrebbe ammosciato semplicemente parlando.

Larry: Il mio primo amante fu un sacerdote episcopale che una volta mi disse che mi avrebbe dato come una specie di consiglio da fratello maggiore, e mi fece “Non troverai mai il tuo amore in una sauna”.

Arnie: La mia fantasia più sfrenata era di fare del sesso così fenomenale che saremmo usciti a vedere il tramonto assieme.

(musica)

Arnie: Ebbene, io ero nella mia stanza…
Larry: Faceva piuttosto buio.
Arnie: … quando arrivò Larry alla porta…
Larry: Era buio, perciò era più un gioco d’ombre, di posizioni, e…
Arnie: Funzionava che lasciavi la porta aperta se volevi fare sesso, e ti stendevi nella posizione che indicasse che tipo di sesso volevi fare. Se volevi succhiare l’uccello a qualcuno, ti mettevi in ginocchio nella stanza, in attesa che qualcuno entrasse. Credimi, per le ginocchia può essere davvero pesante.
Dopo il sesso io mi presentavo, facevo così in quel periodo, dicevo “sono stato bene” o altro, e poi “a proposito, mi chiamo Arnie Kantrowitz”, e Larry rispose: “Lo so”.
Larry: Io e Arnie ci incontrammo per la prima volta al Club Baths (nome di un locale) e questo agosto festeggeremo i nostri trent’anni insieme.
Arnie: La mia fantasia più sfrenata era di fare del sesso così fenomenale che saremmo usciti a vedere il tramonto assieme. E quello è in effetti successo con Larry, quindi perché avrei dovuto aver bisogno di, come dire, far pratica con qualcun altro?

Kaitlin. E con quest’edificante storia d’amore vero, vi lasciamo. Per la cronaca, Arnie e Larry non hanno mai smesso di fare sesso di gruppo e avere più partner, hanno semplicemente deciso che si piacevano troppo e sono diventati compagni di vita. Ancora oggi vivono insieme in uno stupendo appartamento a Chelsea.

Voglio che sappiate che non sto cercando di dissuadervi dall’espandervi oltre la dimensione prettamente monogamica, al contrario, è un’espansione che incoraggio. Può essere favolosamente stupenda, ma, come con tutto il sesso in generale, è molto più appagante se siete onesti con voi stessi e con le persone con cui lo fate, se siete sempre aperti a una discussione onesta. Desideravamo solo fare chiarezza su quei momenti in cui le cose si fanno un po’ incasinate. Buon cazzeggio.

Quest’episodio di Audio smut è stato prodotto da Mitra Kaboli, Julia Alsop e la sottoscritta, Kaitlin Prest. Visitate il nostro sito web, iscrivetevi su iTunes, scrivete una recensione carina su di noi, cliccate “mi piace” su Facebook e su cose simili. Via amiamo, e speriamo che ci amiate anche voi.

La sezione audiocumentari è a cura di Jonathan Zenti di Audiodoc.

(Traduzione di Elena Sauro)

pubblicità

Da non perdere

Un’idea sbagliata di Islam. La nuova copertina di Internazionale
Le regole sui dispositivi elettronici in aereo e le altre notizie su Trump
Vivian Maier e le altre mostre fotografiche del weekend

In primo piano