• 27 Feb 2016 17.44

Un grande romanzo sulla Russia

Goffredo Fofi
27 febbraio 2016 17:44

Ludmila Ulitskaya, Una storia russa
Bompiani, 644 pagine, 21,25 euro

Questo grande romanzo uscito in Russia nel 2010 è anche un libro di storia, che parte dal giorno della morte di Stalin, 1953, e arriva alle soglie dell’oggi per terminare nella notte “in cui il poeta morì” (Brodskij, 1996). Tre ragazzi, molto diversi tra loro, crescono a Mosca e le loro vite si mescolano a quelle di cento altri personaggi, vecchi e giovani, che cercano una faticosa sopravvivenza senza rinunciare agli obblighi della verità e della memoria e alla bellezza della poesia.

Ulitskaya, che abbiamo conosciuto come erede di Čechov e cantatrice della “piccola gente” sul fondo della storia, racconta quasi cinquant’anni di vita sovietica attraverso le vicende di intellettuali comuni costretti a subire tutte le ipocrisie, le violenze e le censure di un regime, tutte le oppressioni di uno stato poliziesco, ma guidati dalla volontà di capire e di dire, di non subire le logiche della menzogna, nel continuo richiamo alla storia della grande cultura, delle difficoltà di chi è vissuto prima di loro.

Ogni tanto capita di perdersi in questo grande flusso narrativo zeppo di piccole vicende sullo sfondo delle grandi. Dove la resistenza intellettuale è di per sé nemica del potere, la cultura conta ed è o di dominio o di opposizione: storie che si accavallano su altre storie, complesse e trascinanti.

_Questa rubrica è stata pubblicata il 19 febbraio 2016 a pagina 86 di Internazionale, con il titolo “Un intricato affresco sovietico__”._ Compra questo numero _|_ Abbonati

Internazionale riceve una percentuale per ogni libro comprato su Amazon a partire da questa pagina. Naturalmente gli stessi libri possono essere comprati anche in altre librerie online, come Ibs, Hoepli, La Feltrinelli, oppure in una libreria indipendente della tua città. In questi casi Internazionale non riceve nessuna percentuale.

pubblicità

Da non perdere

Le foto storiche dell’Italia alle Paralimpiadi
Confessioni di un cancellatore di sottolineature altrui
I rischi collaterali delle guerre in Medio Oriente 

In primo piano