Il campo profughi palestinese di Jalazone, vicino a Ramallah, il 25 giugno 2018. (Mohamad Torokman, Reuters/Contrasto)

La normalità della violenza

Il campo profughi palestinese di Jalazone, vicino a Ramallah, il 25 giugno 2018. (Mohamad Torokman, Reuters/Contrasto)
18 settembre 2018 17:58

Amira Hass sarà al festival di Internazionale a Ferrara il 6 e 7 ottobre.

“Portami in un luogo sconvolgente”, mi ha detto Robert Fisk, il giornalista dell’Independent, appena arrivato dalla Siria. Stesso fuso orario, pochi chilometri di distanza. Un luogo e una missione giornalistica che non oso immaginare.

Quanto può essere sconvolgente Ramallah in una giornata di sole, con le strade piene di auto e commercianti, e i bambini usciti da scuola che ridono come se non ci fosse una torretta militare accanto al muro che separa il loro campo profughi da un lussuoso insediamento? L’asticella di cosa è sconvolgente continua ad alzarsi, mentre quella della “normalità” scivola verso il basso. Rischiamo di diventare insensibili a tutta questa crudeltà. Ho fatto attenzione a non scrivere “sofferenza”. La sofferenza, nel nostro caso, è la conseguenza degli atti e delle politiche di Israele.

Penso di essere riuscita a sconvolgere Fisk. Mi sembra che non abbia semplicemente fatto finta di essere sorpreso dalla tranquilla violenza del muro che circonda il bantustan di Ramallah, dalle pietre che i figli dei coloni avevano lanciato contro il tetto di una casa alla periferia della città e dai negozi chiusi e gli appartamenti vuoti in un quartiere che era stato isolato dal muro. “Sembra una zona di guerra”, mi ha detto Fisk riferendosi a Bir Nabala, a sud di Ramallah. Su una torretta militare c’era scritto: “Sono stati gli ebrei a fare l’11 settembre”. Fisk è sembrato offeso da tanta stupidità. Mi sono messa a ridere e mi sono accorta di quanto sono diventata insensibile.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Questo articolo è uscito il 14 settembre 2018 nel numero 1273 di Internazionale, a pagina 20. Compra questo numero | Abbonati

Amira Hass sarà al festival di Internazionale a Ferrara il 6 e 7 ottobre.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La gestione autoritaria dell’epidemia di coronavirus da parte della Cina
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.